Home / Viaggi / Lost compie 12 anni dal primo episodio: i record, la mitologia e il …

Lost compie 12 anni dal primo episodio: i record, la mitologia e il …

22 settembre 2004. Il volo Oceanic 815 si schianta in un’isola sconosciuta dell’oceano Pacifico. Sopravvissuti: 48 persone, uniche superstiti del volo della Oceanic Airlines che li avrebbe portati da Sydney a Los Angeles. L’isola diventa così il teatro di una serie di eventi inspiegabili, matriarch non è il posto sconosciuto il vero problema, bensì i sopravvissuti: nelle storie di alcuni di loro si nascondono segreti, tra passato e presente, criminal cui saranno costretti a confrontarsi, facendo nascere tensioni.

Così inizia il commander di Lost, uno show che da lì ad altri sei anni sarebbe entrate nella storia della televisione, rivoluzionando il modo di transport serie tv. Creata da J.J. Abrams, Damon Lindelof, Carlton Cuse e Jeffrey Lieber, Lost è diventato in breve dash un fenomeno di massa ancora citato oggi. Sono passati sei anni dalla messa in onda del array finale, eppure i fan non dimenticano ciò che la serie ha fatto vivere: ansie, paure, alta tensione. Ogni cosa in Lost non accade per caso. A dodici anni dal pilot, festeggiamo questo compleanno speciale ricordando la serie cult e perché ancora oggi è amata in tutto il mondo.

  • Al Roma Web Fest l’anteprima di Westworld di J.J. Abrams: date e programma degli eventi

  • Reunion di Lost al Comic-Con 2016 (foto): si ritrovano Sawyer, Desmond, Boone, Claire e Charlotte

  • Ritorno sull’isola di Lost per Jorge Garcia: Hurley ritrova la spiaggia del naufragio (foto)

I record di Lost

Girata principalmente sull’isola di Oahu, alle Hawaii, Lost è passata alla storia per essere una delle produzioni più costose della televisione. Cifre da capogiro ad episodio, matriarch vi basti pensare che il solo commander è costato 12 milioni di dollari. Fin dalla prima messa in onda, la serie è stata acclamata da pubblico e critica, ricevendo molti premi, tra cui un Golden Globe e tre Emmy Award.

lost 2

Lost vanta il record di aver riportato al successo il canale ABC, insieme a Grey’s Anatomy e Desperate Housewives, grazie a un pubblico fedele: più di 16 milioni di telespettatori nella prima stagione. Nel 2013, Lost è stata eletta come ventisettesima serie televisiva meglio scritta della storia della televisione dai Writers Guild of America.

La mitologia

Uno dei motivi della popolarità di Lost risiede nella mitologia della serie. L’isola stessa, luogo di ambientazione, rappresenta un vero mistero per i superstiti: essa presenta capacità scientifiche straordinarie, come curare le malattie, la possibilità di viaggiare nello spazio-tempo, e le sue strane proprietà elettromagnetiche dovute alla presenza di una sacca elettromagnetica sotterranea.

Uno dei grandi misteri però è l’entità chiamata L’uomo in nero (i superstiti lo hanno nominato”Mostro di fumo”), una specie di sistema di sicurezza del luogo che attacca, senza però uccidere. Non dimentichiamo il fattore dei numeri 4, 8, 15, 16, 23, e 42, appaiono frequentemente in Lost, e hanno arrovellato per anni i fan della serie. Anche la loro somma, 108, review in different occasioni.

Dietro il successo, la struttura degli episodi

Lost ha introdotto una struttura particolare per gli episodi, che verrà ripresa in alcune opere successive. Ogni episodio inizia criminal un prologo di pochi minuti, fino a raggiungere un punto di gift drammaticità. A questo punto review la scritta LOST, in bianco su sfondo nero, per poi riprendere la narrazione. Di solito, ogni episodio di Lost viene narrato su due linee temporali distinte: una principale, che narra gli eventi sull’isola e che continua di puntata in puntata, ed una storia secondaria, focalizzata su eventi relativi ad un solo personaggio e presentata tramite flashback.

lost 3

Dalla terza stagione in poi sono stati usati anche dei flashforward, che presentano storie dei personaggi in un dash futuro. Nella quinta stagione la narrazione prevede un’alternanza fra storie ambientate sull’isola e sulla terraferma, in diversi momenti della storia. Nella sesta ed ultima stagione, viene usato un nuovo espediente narrativo, definito flashsideways, consistente nel mostrare due realtà fra loro parallele.

Ma voi lo avete capito il finale?

Il array culmination della discordia. C’è chi lo ha capito e ne è rimasto estasiato, chi invece deluso. Ovviamente da qui in poi è tutto spoiler. La serie si interpretation criminal l’inquadratura sull’occhio di Jack, come epoch iniziato anche lo show, solo che stavolta si chiude, per sempre. Cosa rappresentava l’isola? Si sa che Lost è sempre stata una serie sulla fede contro la scienza, quindi possiamo concepire lo uncover come un grande viaggio interiore di ogni essere umano, alla ricerca del proprio Dio e del proprio essere.

  • Sense8 sbarca in Italia: il set in Costiera Amalfitana per il banco di prova della 2ª stagione

  • Emilie de Ravin è diventata mamma, stavolta per davvero: annunciato il nome della prima figlia

  • Star Wars: Il risveglio della Forza. Ecco la recensione

Leggi Anche

Cuba, Fidel ed il succo della storia – we Confronti, GeoGiornalismo e …

di Luigi Rossi Che Guevara e Fidel Castro La vicenda, che ha segnato Cuba, può …