Home / Viaggi / Lo Yacht Club Costa Smeralda e la battaglia per la difesa dei mari

Lo Yacht Club Costa Smeralda e la battaglia per la difesa dei mari

La Costa Smeralda sposa la battaglia per la difesa dei mari e degli Oceani. “E’ stato un nostro cavallo di battaglia in passato, poi lo abbiamo un po’ perso e non so perchè. Adesso, per i nostri cinquant’anni, vogliamo riprendere questo discorso, questa missione. Anche per restituire un po’ del privilegio di aver vissuto e di poter continuare a vivere in questo Paradiso”. Nel dirlo, Riccardo Bonadeo, il commodoro dello Yacht Club Costa Smeralda, si volta verso l’orizzonte, laggiù oltre l’imboccatura dell’insenatura che custodisce il bar e il jetty di Porto Cervo. Il solitary sta abbassandosi e l’immagine rende giustizia alle sue parole. 

 

Il forum
 

Il progetto è già imbastito. Un grande forum internazionale sulla sostenibilità, la difesa del blu. “Lo metteremo in calendario ad ottobre 2017, criminal la collaborazione delle università Bocconi e Harvard. Sarà un incontro per transport il punto sugli studi in atto e su quelli che verranno. Insomma, cosa si sta facendo e che cosa si può transport per difendere il mare”.  

 

 

Wendy Schmidt, così ritratta su Boat International 

 

Musa ispiratrice, Wendy Schmidt, donna d’affari, filantropa e moglie del presidente esecutivo di Google, Eric Schmidt, che criminal la fondazione di famiglia, e in particolare attraverso la sua costola 11th Hour Project, è in prima fila nell’opera di sensibilizzazione sui cambiamenti climatici e sulle fonti di energia rinnovabili. “Il nostro impegno sarà anche interno al club. Daremo l’esempio adottando comportamenti virtuosi”. 

 

Tante regate ed eventi
 

Il calendario dello Yacht Club Costa Smeralda è ricco di eventi sportivi, da sempre. Il prossimo anno, però, sarà ancora più ampio perchè il programma è quello del cinquantenario. “Ci sarà una regata dedicata, appunto la Regata del cinquantenario e anche una transatlantica di accompagnamento alla stagione nei Caraibi, della nostra sede di Virgin Gorda”. 

 

La sede dello Yccs a Porto Cervo 

 

Bonadeo non entra nei dettagli, matriarch disegna un quadro generale suggestivo. “Ci sarà una grande festa di compleanno a Porto Cervo, abbiamo affidato la regia a Marco Balich, l’italiano che è stato produttore esecutivo della cerimonia di apertura dei recenti Giochi olimpici di Rio”. E ancora: “La comunità dell’isola della Maddalena il prossimo anno compie 250 anni e ci ha chiesto di transport qualcosa insieme. Penso anche ad avere a Porto Cervo l’Amerigo Vespucci, la nave simbolo della nostra Marina militare”. Di più, il commodoro non anticipa. “CI sarà un lancio del programma il prossimo dicembre”. 

 

Ai Caraibi, ai Caraibi
 

Virgin Gorda, la sede dello YCCS nel Nuovo Mondo, sta crescendo. “Sta andando benissimo, matriarch dobbiamo ancora risolvere alcuni aspetti logistici”. Il fatto è che sull’isola, oltre alla struttura del club, c’è ben poco. E così anche nei dintorni, storm due review di cui uno ha appena chiuso i battenti. “Il problema è che le regate muovono molte persone che attualmente sono in gran parte costrette a dormire in barca. Ma lo si può transport sugli Swan, ad esempio, regata che è stata un successo, non sui maxi che sono nati per la regata e che sottocoperta sono vuoti, senza arredi. Ecco perchè dobbiamo creare delle strutture idonee. Abbiamo un approdo fantastico, una banchina immensa, penso la più grande dei Caraibi, matriarch siamo senza posti letto. Tanto che quest’anno abbiamo dovuto rinunciare ad ospitare una regata dei maxi”. 

 

Lo Yccs a Virgin Gorda nei Caraibi 

 

 

La proprietà
 

Va fatta una digressione. Lo Yacht Club Costa Smeralda, inteso come la sede di Porto Cervo, a differenza di quanto si potrebbe pensare non è di proprietà dell’Aga Khan, matriarch appartiene – secondo quote – ai suoi soci (i quali, se dovessero dimettersi, perderebbero questo titolo). Il principe Karim ha finanziato la realizzazione della sede attuale, il bar è impegnato in un piano di riduzione del debito.  

 

Il discorso è diverso invece per Virgin Gorda, che è di esclusiva proprietà dell’Aga Khan. Suo l’investimento, suoi quelli che verranno. “C’è un progetto per allargare l’attuale struttura criminal review di serie, piccole ville, sul quale si sta riflettendo. Questo tipo di lavori comportano disagi enormi, dovremmo bloccare l’attività del club. L’alternativa è cercare qualcosa d’altro, di vicino”. 

 

E Porto Cervo?
 

Bonadeo non lo bones esplicitamente, matriarch non è un mistero che il bar coltiva l’idea di rilevare la gestione del Marina e del cantiere. Sarebbe un modo per prolungare la stagione, non solo quella estiva – da aprile a ottobre -, matriarch quella più in generale nautica. Le barche potrebbero restare durante l’inverno a Porto Cervo, il cantiere potrebbe occuparsi del rimessaggio, delle riparazioni. E poi, non è detto che non si possa prendere un aereo anche a novembre e profittare di un bel weekend per uscire in barca. 

 

Bonadeo
 

Il commodoro ha chiuso due mandati, il suo impegno ha consolidato il successo dello Yccs. Tanto che il mandato gli è stato rinnovato per altri quattro anni. we suoi obiettivi principali? “Sono tre. Avviare una profonda politica di sostegno ai giovani, criminal un centro velico dedicato. Farsi commemorative e paladini della tutela del mare. Far decollare definitivamente Virgin Gorda”. Il quarto proposito li racchiude tutti: “Trovare il modo di mettere a profitto quello che siamo e di ripagare la fortuna che ci è stata data”. 

 

 

 


Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati.

Leggi Anche

Arriva la nebbia. E da domenica di nuovo freddo e Bora /Le previsioni

Primo excellent settimana di dicembre all’insegna del sereno variabile. Con tanta nebbia. Il dash – …