Home / Cucina / Lo chef Oldani cucina con la stampante 3D

Lo chef Oldani cucina con la stampante 3D

<!– –>

LORENZA CASTAGNERI

MILANO – Si può cucinare con una stampante 3D? Ormai è quasi una domanda retorica: certo che sì. Lo ha dimostrato Barilla, che a Cibus ha presentato il suo primo prototipo di stampante tridimensionale per la pasta fresca e lo ha dimostrato giovedì a Milano, a SeedsChips, il summit internazionale dedicato all’innovazione nel settore alimentare, Davide Oldani.

All’interno del seminario organizzato da Iab «Food for the digital feed», lo chef stellato ha preparato tre piatti con l’aiuto di Foodini, la stampante 3D per prodotti alimentari messa a punto da Natural Machines. «Non è ancora una vera e propria macchina per cucinare», ha spiegato Lynette Kucsma, la cofondatrice dell’azienda tecnologica che ha sede a Barcellona. «Con Foodini possiamo preparare il cibo ma non ancora cuocerlo. Stiamo lavorando anche su questo fronte e pesto saremo pronti a soddisfare anche questa esigenza». Dettagli a parte, la stampante alimentare ha stupito i visitatori di Milano congressi. Guardate un po’.

<!– –>

Leggi Anche

Eventi, serata glamour all’insegna della cucina mediterranea …

Sarà un viaggio culinario in 14 piatti lungo la Penisola Sorrentina quello che andrà in …