Home / Cucina / Lo chef messinese Pasquale Caliri ambasciatore della cucina del …

Lo chef messinese Pasquale Caliri ambasciatore della cucina del …

Importante riconoscimento per Pasquale Caliri, chef del Marina del Nettuno Yachting Club.

Caliri, messinese, è stato scelto come ambasciatore della cucina Siciliana.

Il progetto è promosso da ISNART (Istituto Nazionale Ricerche Turistiche) in collaborazione con le Camere di Commercio delle maggiori città europee.

Nell’ambito dell’iniziativa, ALMA ( scuola Internazionale di cucina italiana di Gualtiero Marchesi che Caliri prima di affermarsi come chef nei migliori ristoranti internazionali, dagli Stati Uniti alla Sicilia), è stata chiamata a selezionare grandi chefs come rappresentanti della cucina del sud Italia per la loro partecipazione ad eventi e promozioni presso ristoranti e location all’estero.

Pasquale Caliri ha così svolto il suo primo compito istituzionale. L’evento si è tenuto al ristorante “Papà Italiano” a Stoccolma, alla presenza delle maggiori autorità della città, tra i quali l’ambasciatore italiano in Svezia Elena Basile.

Il menu della serata ha compreso le espressioni tipiche della nostra isola come il tonno, le panelle e  l’immancabile cannolo siciliano.

Note Biografiche Chef Caliri

Pasquale Caliri, 51 anni, siciliano, messinese purosangue, giornalista professionista, si è formato in Alma, l’istituto di alta cucina di Gualtiero Marchesi. E’ lo chef di “Marina Del Nettuno Yachting Club” esclusivo ristorante nello scenario suggestivo dello Stretto di Messina. I suoi piatti sono l’ espressione di una cucina che si destreggia tra tradizione siciliana, innovazione e contaminazione. Appassionato di cucina d’avanguardia ha ampliato le sue conoscenze presso vari ristoranti in Italia ed in Oriente e negli Stati Uniti d’America. Tra le collaborazioni più significative quella con il Joia il ristorante milanese di alta cucina vegetariana stellato Michelin. Tra i suoi autorevoli maestri anche il grande pastry Chef Paco Torreblanca. La sua è una cucina attenta alle “radici” del sapore, raffinata ed essenziale. Esperienza e maniacale attenzione alle materie prime si traducono in risultati che continuano a “regalare emozioni”. Numerose le attestazioni non solo del pubblico ma anche della stampa e della critica internazionale.

 

 

Leggi Anche

Smart Land, ecco le ricette discusse a Cremona per innovare i …

Lo storico francese Fernand Braudel nel secolo scorso sosteneva che non possa esistere una città …