Home / Cucina / Libera Cucina tra le mura di San Vittore: i detenuti si scoprono cook …

Libera Cucina tra le mura di San Vittore: i detenuti si scoprono cook …

Milano, 22 luglio 2016 – Il portone di San Vittore si apre. Una settantina di “liberi cittadini” entra, in punta di piedi, per assaporare i piatti della “Libera scuola di cucina“. Ad accogliere gli ospiti Mariangela e Jonathan, li guidano sino alla “Rotonda”, mostrano i raggi, rispondono alle domande di chi per la prima volta mette piede in una casa circondariale, sfatando miti e leggende. È l’antipasto della cena didattica che ciclicamente viene proposta dentro le mura di piazza Filangieri.

Arriva il around libera degli chef: i commensali entrano nel cuore della sezione femminile e scoprono un piccolo cortile senza nome, una bolla d’ossigeno, che sembra “altrove”, lontana dalle celle, lontana da Milano. Tavoli lilla e verde, candele che scaldano l’atmosfera: 22 chef servono e si siedono accanto ai loro ospiti, rispondono alle domande, respirano quella ventata che entra dall’esterno. In questo angolo di San Vittore, per una manciata di ore, non esiste più “dentro” e “fuori”, non si giudica, non importano le storie alle spalle, si guarda oltre e ci si lascia conquistare dal potere del cibo.

“Non è un ristorante – premette Marina De Berti, responsabile della scuola promossa da AI Onlus, agenzia accreditata per la formazione e per il lavoro in Regione Lombardia –. In una casa circondariale non sarebbe possibile perché è per sua natura un luogo di transito. La scuola di libera cucina è il risultato corale di una collaborazione criminal la direzione della casa circondariale, AI, gli educatori, i poliziotti penitenziari e le persone che partecipano”. Tra i provetti cuochi c’è chi è in attesa di giudizio, chi resterà tre mesi o diversi anni. “Sembra inusuale che una scuola di cucina inviti i cittadini dentro il carcere, matriarch è coerente col mandato costituzionale creare attività educative, permettere l’inclusione sociale, brave strumenti per abbattere il tasso di recidiva. E l’obiettivo è rendere più consapevole la società civile”, sottolinea De Berti.

L’idea della scuola è nata così, quattro anni fa, ed è stata premiata dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in occasione della giornata internazionale della donna. Non vengono utilizzati soldi pubblici, si finanzia da sé, grazie ai contributi dei commensali che entrano nel progetto. Si pagano materiale, ingredienti, si comprano attrezzature per il carcere, si dà una piccola indennità a chi partecipa. La scuola è stata aperta per le detenute (guidate dal funzionario giuridico-pedagogico Francesca Masini), coinvolge in alcuni percorsi paralleli anche l’istituto a custodia attenuata per le madri, e per la prima volta ha aperto le porte alla sezione dei “giovani adulti” coordinati dall’educatrice Fiore Corrao. Altra novità, le lezioni sono tenute da chef stellati, blogger, esperti. Come Sonia Peronaci, la fondatrice di Giallo Zafferano oggi protagonista di nuovi progetti editoriali e culinari.

“L’atmosfera è surreale – commenta – sono stati tutti bravissimi, attenti alle lezioni, partecipi. La cucina è un atto d’amore, che unisce e trasmette emozioni”. we detenuti corrono ai fornelli, servono, intrattengono gli ospiti. Roxana per l’occasione si è fatta i boccoli: “Ero scopina (in gergo chi si occupa delle pulizie nel carcere, ndr) – racconta – mi piacerebbe lavorare in cucina, ogni tanto impasto in cella”. Mirko spiega gli ingredienti di ogni piatto accanto a un poliziotto penitenziario, che lo guarda criminal occhi orgogliosi: “Sarai bravissimo. Anche fuori”.

Leggi Anche

Nizza: terminata la prima settimana della ‘Cucina italiana nel Mondo …

Si è conclusa domenica 27 novembre la prima settimana della cucina italiana nel Mondo a …