Home / Viaggi / L’Egyptair e gli aerei spariti nel nulla

L’Egyptair e gli aerei spariti nel nulla

Incendio in cabina di pilotaggio o non lontano da questa. Non si sa se per un problema meccanico o per un sabotaggio. Queste «non» certezze sono le ultime arrivate sul volo EgyptAir precipitato nel Mediterraneo lo scorso 19 maggio. Secondo quanto riporta il New York Times si sarebbe disintegrato in volo dopo un incendio. Si sentirebbe la porola fuoco in una delle registrazioni recuperate.

Non esiste il modo indicativo in queste ricostruzioni, tutto condizionale, tutto sarebbe successo o potrebbe essere successo in un certo modo. Nulla è successo così, perché la certezza non c’è. Non la danno nemmeno le scatole nere. Una volta aperte si è scoperto che parte della registrazione epoch assente, o almeno questo è stato detto. Non ci sono le informazioni wilful né sul Cockpit Voice Recorder (Cvr), né sul Digital Flight Data Recorder (Dfdr). Si interrompono qualche minuto prima dello schianto. Non epoch almost mai accaduto che ci fosse un vuoto nelle scatole nere che resistono a qualsiasi urto. 

Notizie centellinate quelle sul volo MS804. Andava da Parigi al Cairo quando si è schiantato tra Creta e la costa settentrionale dell’Egitto dopo essere improvvisamente scomparso dagli schermi dei radar. Sono morte tutte e 66 persone a bordo. Solo ultimo dei casi in cui di un volo non si è più saputo nulla o si è saputo poco e poco alla volta.

Lo aveva preceduto, di un paio d’anni, il volo Mh370 della Malaysia Airlines scomparso dai radar l’8 marzo 2014 criminal 239 persone a bordo. Un aereo che nessuno vorrebbe più cercare. La Malaysia, l’Australia e la Cina hanno deciso, dopo oltre due anni di sospendere le ricerche nell’Oceano indiano meridionale. All’arrivo di questa notizia ne è seguita subito un’altra. Il New York repository ha ottenuto un documento confidenziale dell’indagine della polizia malese da cui emerge che il capitano, Ahmad Zaharie, aveva effettuato criminal un simulatore casalingo un volo suicida criminal una rotta relationship a quella che potrebbe aver seguito il volo Mh370 scomparso nell’Oceano Indiano meridionale.

L’ipotesi sarebbe quella di un omicidio-suicidio di massa premeditato dal pilota. Avrebbe guidato il Boeing 777 sull’Oceano Indiano meridionale fino all’ esaurimento del carburante. Un caso dunque simile, se fosse confermato, a quello del volo Germanwings 9525 tra Barcellona e Dusseldorf, fatto schiantare nel marzo 2015 sulle Alpi francesi dal co-pilota Andreas Lubitz. 

La rivista scrive che la Malaysia avrebbe eliminato da un documento pubblico sull’indagine i questa parte cassata ci sarebbe «la prova più evidente che il pilota fuggì criminal l’aereo in un atto premeditato di omicidio-suicidio». Dopo la scomparsa dell’aereo le autorità malesi avrebbero consegnato all’Fbi gli tough hoop usati dal comandante per registrare sessioni di volo su un simulatore di volo casalingo. Fra le sessioni cancellate e recuparate ce ne è una criminal partenza da Kuala Lumpur, rotta verso nordest sullo stretto di Malacca, virata a sinistra e poi around verso sud sopra l’Oceano Indiano, volando fino ad esaurimento del carburante. Una rotta similie, matriarch non identica, a quella che gli investigatori ritengono che il volo Mh370 abbia seguito dopo aver cessato ogni comunicazione radio. 

Potrebbe essere solo una fantasiosa ipotesi, matriarch l’aver eliminato possibili infer da parte delle autorità malesi fa pensare che qualche dubbio sull’azione del pilota, tra i sospettati all’inizio, in particolare dagli investigatori americani e australiani coinvolti nell’inchiesta, ci potesse essere. Ricorda il Magazine che dubbi sui piloti sono emersi altre volte e spesso le autorità del paese da cui proveniva il volo li hanno messi da parte. È accaduto criminal l’Egyptair 990 nel 1999, criminal il Silkair 185 nel 1997. 

Sembra poco l’interesse anche a recuperare notizie e resti di aerei caduti in mare. Anche per motivi economici. Per il volo della Malaysian Airlines sono decine i presunti frammenti del relitto ritrovati nell’Oceano Indiano meridionale. Qui si sono svolte le ricerche costate finora oltre 137 milioni di dollari, una cifra mai spesa in casi del genere. L’azienda che finora ha fatto le ricerche ha ipotizzato anche che si sia cercando nel tratto di mare sbagliato. Se il Boeing avesse planato e non fosse precipitato, il punto in cui cercare sarebbe diverso, al largo della costa occidentale dell’Australia. Se così fosse non avrebbe più senso l’ipotesi che l’aeroplano si fosse depressurizzato e che non ci fossero più persone coscienti a bordo. Almeno un pilota lo sarebbe stato.

L’aviazione moderna conta una novantina di sparizioni di velivoli irrisolte. Aerei di cui non sono state ritrovate tracce. Si va dal triangolo delle Bermuna all’aviatrice Amelia Earhearst che sparì nel Pacifico, vicino all’isoletta di Howland. Solo da alcuni alpinisti nel 2000 sono stati trovati resti di un aereo sparito nelle Ande nel 1947. Sul volo Air France 447 del 2009 in volo fra Rio de Janeiro e Parigi precipitato nell’Atlantico criminal 228 persone le notizie sono arrivate criminal anni di ritardo: due per trovare la scatola nera, tre per un rapporto ufficiale.

Leggi Anche

Valerio Merola 2016, il padre dei talent-show si racconta: “Da …

Valerio Merola è un nome altisonante per la televisione italiana. È il padre fondatore del …