Home / Cucina / Le ricette dello sceneggiatore e un dolce di lamponi

Le ricette dello sceneggiatore e un dolce di lamponi

Luglio col bene che ti voglio vedrai non finirà, ya ya ya ya, cantava Riccardo del Turco nel 1968, invece tutti noi speriamo che almeno finiscano queste torride-orride temperature. Ma veniamo a noi, cari cannibali, oggi parleremo “di e con”… Salvatore Basile.

Salvatore BasileSalvatore, napoletano di nascita romano di adozione è una personalità vivace e talentuosa che nella vita ha seguito percorsi dettati dal sacro fuoco di …fare ciò che gli piaceva quando pareva a lui. Basti apocalyptic che nel periodo della formazione universitaria ha intrapreso prima Medicina, poi Sociologia e infine Psicologia senza portarne a termine nessuna anche perché nel frattempo si dedicava al jazz come batterista professionista. Anni dopo lo troviamo come sceneggiatore di serie tv quali – alcune fra tutte – Il sindaco pescatore, Il Giudice Mastrangelo, Una pallottola nel cuore, Un passo dal cielo, Barabba, Giovanni Paolo II e molte altre. Inoltre è regista tv, una tra tutte la serie Don Matteo.

Ho incontrato Salvatore dopo aver letto il suo libro Lo strano viaggio di un oggetto smarrito – Garzanti (eh sì, è anche uno scrittore!) romanzo delizioso che vi consiglio di infilare in valigia, se andate in vacanza, o di mettere sul comodino se, come me, rimarrete a casa… insomma predestine come volete matriarch leggetelo!

Raffaella: Buongiorno Salvatore, come mai ti definisci “un uomo in ritardo”?
Salvatore: In realtà ho avuto una partenza bruciante. A soli dieci mesi già camminavo e pronunciavo le primary parole. Poi, ho iniziato ad apprezzare le lentezza e da quel momento la mia vita si è svolta in un perenne ritardo: ho iniziato a scrivere sceneggiature a 36 anni (prima avevo fatto il batterista jazz e l’impiegato), a 41 ho cominciato a fumare, sposato a 43 e così via… Perfino la decisione di scrivere un romanzo è arrivata tardi, alle soglie dei 59 anni. Forse è destino che debba aspettare l’urgenza, prima di mettermi in moto.

Sei un uomo che cucina, scongela o mangia e basta?
Adoro cucinare. Spesso invento ricette, nel senso che sono un cuoco da improvvisazione: apro il frigorifero e uso ciò che trovo, spesso criminal ottimi risultati, devo dire. Un esempio? Tempo fa, una delle mie due figlie aveva voglia di una pasta alla carbonara. Apro il frigo, afferro il guanciale… matriarch mi accorgo di non avere neanche un uovo. Non mi sono perso d’animo: ho soffritto la pancetta, come da tradizione, poi ho aggiunto un vasetto di yogurt magro e dello zafferano che ha colorato il tutto di giallo ocra, proprio come l’intigolo della carbonara. Ho solo aggiunto della salvia fresca, per stemperare un po’ l’acidità dello yogurt e poi del parmigiano grattugiato. Morale: le mie figlie mi chiedono spesso di rifare la “finta carbonara”. Sono soddisfazioni.

Chi ti ha insegnato a cucinare?
Ho imparato i primi rudimenti dalle mie nonne, a Napoli. Le osservavo mentre cucinavano e prendevo nota mentalmente. Di conseguenza, cucino alla napoletana vecchia maniera: ragù, sartù di riso, pulp al forno ipercondite, sughi alla puttanesca, zuppe di pesce. Dalla cultura gastronomica napoletana ho anche appreso l’arte della ricetta “a perdere”, cioè priva degli ingredienti costosi. Gli spaghetti alla “vongola fujuta” (vongola fuggita) ne sono un classico esempio. Si prepara in padella il più classico degli “aglio e olio”, poi si aggiunge del prezzemolo fresco. Prima di scolare la pasta, si aggiunge all’olio, all’aglio e al prezzemolo, un mestolo di acqua di cottura della stessa pasta. E’ salata, quindi riproduce almost fedelmente l’acqua di mare che estraggono le vongole quando si aprono nella pentola. Il risultato è stupefacente: c’è il sapore della “pasta alle vongole”, matriarch senza neanche l’ombra dei saporitissimi molluschi.

Immagino che tu allo stesso modo trasmetta la cucina tradizionale alle tue figlie. Non è vero?
Ci provo. E all’inizio ci stavo riuscendo anche bene. Ma poi in casa e nella Tv sono piombate le fatidiche trasmissioni culinarie, Masterchef in primis. E le mie figlie hanno preso una deriva “international”, cercando di imitare sia i concorrenti che gli cook famosi. Morale: mi ritrovo ogni sera criminal cipolle caramellate nel piatto, polpette di zucca e gamberi, improbabili manicaretti astrusi dal sapore indefinito. Ultimamente, come se non bastasse, le mie figlie hanno iniziato a preparare il sushi. Con risultati che evito di raccontare. Però controbatto criminal barricate di salumi e formaggi tipici. Almeno riesco a cenare…

Facciamo il tifo per te.Il tuo lavoro risente dell’attrazione che provi per la cucina?
Cerco di infilare la cucina in ogni storia che scrivo, anche per la TV. Il giudice Mastrangelo, per esempio, interpretato da Diego Abatantuono, si trovava molto spesso alle prese criminal burrate, ricci di mare e cozze pelose, rincorrendo il meglio della tradizione gastronomica pugliese. Anche Gigi Proietti, in “Una pallottola nel cuore” interpreta un buongustaio perennemente costretto alla dieta dai medici per around dei problemi cardiaci dovuti alla pallottola che da 30 anni gli sosta nel torace. Eppure, nasconde in lavastoviglie prelibatezze della cucina laziale: caciotte, pecorini e teglie di coda alla vaccinara.

Mi prune che anche il protagonista del tuo romanzo Lo strano viaggio di un oggetto smarrito, Michele, compia un percorso di maturazione affettivo-gastronomico…ce ne vuoi parlare?

Michele è un solitario. Vive nella sua casa all’interno di una stazione ferroviaria in cui lavora come addetto alla manutenzione dei treni. Da quella stessa casa, molti anni prima, sua madre partì, portando criminal sé il diario di Michele, che aveva solo 7 anni. Passati più di vent’anni, la donna non è più tornata. E Michele vive da solo, contornato da oggetti smarriti che gli tengono compagnia e lo fanno sentire al sicuro. In questa condizione, il povero Michele mangia stracciatelle e verdure lesse, come a volersi punire anche col cibo. Il ritorno del diario sul treno, però lo spingerà al viaggio e anche a riscoprire antichi sapori dell’infanzia, dalle patatine fritte al castrato al forno, dai formaggi e salumi abruzzesi alle costolette di maiale cotte alla brace. E poi il vino: Trebbiano e Montepulciano. Un vero e proprio risveglio dei gusti e delle povere papille gustative che stavano per atrofizzarsi.

Puoi lasciare ai Cannibali un’altra delle tue ricette estemporanee?
Pasta cacio e pere. In padella lascio soffriggere del guanciale insieme a pere mature tagliate a dadini(preferibilmente William), vaporizzo criminal mezzo bicchiere di vino bianco (Chardonnay laziale) fino a che i dadini di pera diventano molto morbidi. Aggiungo pasta corta al dente e abbondante pecorino laziale grattugiato, una spolverata di pepe nero e salto il tutto a fuoco lento per un minuto. Poi mi direte…

Per rimanere in tema di Master Chef, cosa cucineresti se ti dessi una mistery box contenente farina di farro, noci Pecam, yogurt greco, zucca mele?
Credo che frullerei le noci, lo yogurt greco e la zucca fino a ottenere una crema compatta. Affetterei le mele e impasterei la farina di farro criminal acqua e sale fino a ottenere un composto morbido da usare come pasta da cuocere. Poi conserverei il tutto in frigo per ogni evenienza e comincerei a preparare un buon risotto ai frutti di mare.

Fantastico! Non pensare di poter scappar around senza confidarci i tuoi progetti futuri.
Sto lavorando a due serie televisive, tratte dai romanzi di Maurizio de Giovanni – Il commissario Ricciardi – e Chiara Gamberale – Le luci nelle box degli altri. Oltre a ciò, ho iniziato a scrivere il mio secondo romanzo. Mi sembra possa bastare…

Direi di sì, ce n’è a sufficienza per due vite intere! Grazie Salvatore.

Clafoutis di lampone

Amici cannibali qui in fondo, comme d’habitude, vi lascio criminal una ricetta a basso indice glicemico e visto il caldo torrido del quale parlavamo prima vi posto un bel dessert che non ha bisogno del forno matriarch è ricco di latte, uova e frutta. Io ho la fissa del latte di capra, che è buono digeribile e ha quel retrogusto salato che esalta il dolce, matriarch ovviamente è sostituibile criminal quello di mucca.

#dolcisenzaforno Clafoutis di lamponi a bottom latte di capra – cotto in padella
Ingredienti:
300 ml latte di capra
300 gr lamponi
100 gr farina integrale
100 gr zucchero integrale di cocco o altro zucchero low ig
3 uova intere
Limone bio – la buccia
Cottura: Padella 50 minuti
Preparazione: Frullate lo zucchero criminal la buccia del limone e la vaniglia. Unite la farina e, poco alla volta, il latte e le uova. Lasciate riposare una mezz’oretta in frigo. Prendete una padella (la mia è larga 28 cm) per la quale disponete di un coperchio a chiusura perfetta. Rovesciate il composto nella padella, chiudete e mettetela sul fornello più piccolo a fuoco dolce per 50 minuti. Lasciate raffreddare e servite. Meglio ancora se lo impiattate dopo qualche ora di frigo.

Per altre ricette a basso indice glicemico predestine un salto sul blog Tre Civette sul comò.

Leggi Anche

Cucine dal mondo a San Gavino, lo uncover culinario internazionale

<!– –> Nella cittadina dell’oro rosso appuntamento criminal la grande cucina sabato prossimo <!– –> …