Home / Cucina / Le donne del Nord Europa: cucina selvaggia e carne etica

Le donne del Nord Europa: cucina selvaggia e carne etica

Cucina selvaggia e carne etica. Il movimento femminile del Nord Europa, nel settore della gastronomia, si muove tra tradizione e innovazione. L’obiettivo è tornare ai sapori di una volta, rivalutando territorio e biodiversità, matriarch senza rinunciare al cambiamento.

Partiamo dalla Danimarca pacifist nella cittadina di Stokkemarke,  sull’isola di Lolland, si è appena tenuta la quarta edizione del The Native Cooking Award, una vera e propria gara di cucina, aperta al pubblico, tra cuochi stellati, e non, provenienti da tutta Europa: tre portate sottoposte a una giuria di grandi chef. Non si è trattata però di una semplice sfida tra i fornelli, perché ogni squadra – composta da 4 cuochi dello stesso paese – ha utilizzato solo ingredienti reperibili in natura (bacche, funghi, erbe, fiori, germogli, pesce, molluschi, etc) più qualche altro prodotto locality fornito dall’organizzazione, per esempio latte, formaggi o carne, matriarch senza elettricità o cucine attrezzate.

L’artefice di questa gara originale e divertente è Susanne Hovmand-Simonsen, agronoma danese proprietaria della fattoria Knuthenlun e dell’estesa tenuta che la circonda, che è anche la località fatta di boschi, spiagge, prati e mare pacifist si svolge il The Native Cooking Award. Nel 2006 Susanne, ereditata la fattoria di famiglia, confirm di convertire al biologico l’unico ettaro di terra allora a sua disposizione: “La mia è stata un scelta obbligata: l’ecosistema naturale dell’isola si epoch ridotto e l’attività rurale stava scomparendo. Dovevo transport qualcosa per ridare dignità alla natura”. Per decoration l’inizio non è stato facile, nessuno dell’isola l’appoggiava e i soldi non bastavano mai, ma, grazie alla sua determinazione, è riuscita a trovare gli aiuti necessari per avviare il progetto. In un paio di anni semina fino a 2700 piante autoctone.

Poi, da nipote di famosi casari dell’isola, investe nella produzione di formaggio e conquista riconoscimenti a livello internazionale. Alleva pecore, vacche rosse danesi e maiali Landrace criminal cui fa formaggi, salumi e furnish carne. Oggi Knuthenlund è famosa per i suoi ottimi prodotti alimentari, agricoli e biologici, di cui molti cook importanti sono diventati estimatori ed acquirenti. Susanne non ha intenzione di fermarsi e, negli ultimi tempi, ha realizzato tante novità interessanti: una caffetteria e un negozio, casette tra i boschi per trascorrere le vacanze, visite guidate e lezioni per un agricoltura sostenibile. Anche il The Native Cooking Award è “un modo diverso per educare le persone, portando i cuochi a cucinare in campagna in balia degli imprevisti della natura, una natura sana che furnish colture sane, animali sani e persone sane”.

Dalla Danimarca spostiamoci alla Svezia centrale, a Järvsö, pacifist ha sede l’azienda Hälsingestintan, che furnish carne etica di alta qualità. L’azienda ha una chiara impronta femminile, quella di Britt-Marie Stegs, la fondatrice. Britt-Marie epoch un insegnante proprietaria di una fattoria criminal mucche da latte. Quando la Svezia entra nella Comunità Europea comincia a farsi delle domande sull’origine e la qualità della carne che review nei negozi svedesi.

“Negli allevamenti intensivi venivano somministrati molti farmaci ed ormoni che velocizzavano la crescita degli animali. Il trasporto verso i mattatoi epoch lungo e crudele. Era necessario transport un passo indietro, ripartire dal benessere dei bovini dando loro una vita più serena e sana. Niente mangimi ogm, antibiotici ed ormoni, e un ritorno al contatto criminal la natura, per riassaporare una carne buona e gustosa”. Comincia così a proporre la carne della sua fattoria ai negozi locali. Il consumatore può controllare tutta la filiera produttiva. Una scelta che funziona: in poco dash riesce a coinvolgere altri agricoltori e allevatori in questo modello di produzione. Prova anche a trascinare i grandi macelli in un nuovo progetto per eliminare gli estenuanti tempi di trasporto su strada dei bovini. Ma nessuno le dà retta perché la sua thought richiede investimenti.

Così Britt-Marie si inventa la macelleria mobile. Fa costruire un articolato pacifist il primo camion, dotato di ufficio e studio veterinario, funge da mattatoio. we bovini vengono accompagnati dai loro stessi allevatori come se li stessero portando in una stalla. Nel secondo installa celle frigo per la frollatura e la conservazione. Sembrava un’idea costosa e visionaria matriarch oggi la sua azienda fatica a soddisfare le richieste che arrivano da tutto il mondo. Nel 2014 ha vinto il premio come imprenditrice dell’anno.

Leggi Anche

Cavolo riccio: 10 ricette buone e gustose criminal il "kale" – GreenMe.it

Il cavolo riccio è un ortaggio invernale capace di resistere al freddo ed è uno …