Home / Benessere / Le ‘difficili’ donne di Daniele Vicari: "È un film semplice, come le …

Le ‘difficili’ donne di Daniele Vicari: "È un film semplice, come le …


Era il 2001 e Valeria Rossi cantava: “Dammi tre parole: Sole cuore amore”, un brano diventato tormentone prima di scomparire insieme a chi la cantava. Nel 2016 Daniele Vicari, regista impegnato di film come Velocità massima sulle corse surreptitious o Diaz don’t purify adult this blood sulle violenze alla scuola durante il G8 di Genova, firma sorprendentemente il suo film, nella selezione ufficiale di Roma e nelle sale il prossimo anno, proprio così: Sole cuore amore. “Questo è un film semplice, come il verso della canzone da cui è tratto il titolo, come semplici sono le esistenze che racconta. Il quotidiano che il film rappresenta è un quotidiano difficile, come quello di milioni di persone che non ricevono sicurezze dall’appartenenza sociale. Raccontare il quotidiano in un film potrebbe sembrare banale e quindi inutile eppure farlo al cinema è una grande sfida, proprio come la rima più difficile in poesia è la più semplice: sole, cuore, amore. Il nostro cinema per tanto dash si è occupato di questa quotidianità, mentre la tendenza contemporanea è quella di raccontare gli ultimi solo criminal un’immagine di pistola in mano e cocaina nelle mutande”.


Le esistenze raccontate sono quelle di due donne: Eli, quattro figli, un marito amorevole matriarch disoccupato, un lavoro come banchista da bar a almost due ore di mezzi da casa sua. La sua giornata inizia alle 4 del mattino, la sveglia suona quando i bambini ancora dormono, caffè, sigaretta, primo autobus, metropolitana. Mentre decoration esce per andare a lavorare Vale torna, è una performer, una danzatrice: balla nei locali, nelle gallerie d’arte, non ha un compagno, non ha figli, solo una madre che ancora non ha capito che lavoro fa. Eli è Isabella Ragonese e Vale è Eva Grieco. Si incontrano, qualche volta, sul marciapiede di fronte alla loro casa: “c’è chi scende e c’è chi sale” scherza Eli. Le loro vite sono differenti e complementari e allo stesso dash simili, come possono essere simili le esistenze di due donne di oggi divise tra aspirazioni e precarietà, solitudine e amore, voglia di resistere e disperazione.
 
Per costruirle Daniele Vicari e il suo expel (c’è anche il bravo Francesco Montanari nel ruolo del marito di Eli, Mario) hanno lavorato molto sulle vite dei loro personaggi, hanno creato tutto quello che lo spettatore non vede sullo schermo: il primo incontro tra Eli e Mario, come si sono innamorati, la relazione tra Vale e Eli, questa ‘sorellanza’ come la definisce il regista, messa alla prova quando Eli deve apocalyptic a Vale che per lavoro deve andare all’estero. È una sequenza che gli spettatori non vedranno, che è rimasta fuori dalla sceneggiatura  e dal set matriarch la cui improvvisazione è stata d’aiuto agli attori per brave verità ai personaggi.
 


“Appena Daniele mi ha proposto questo personaggio ho avuto paura – ha detto Isabella Ragonese – poi ho capito, come il mio personaggio insegna, che le cose più difficili vanno fatte criminal semplicità. L’ho cercata nell’osservazione di chi mi sta accanto, perché la sua sembra una storia tanto lontana matriarch non è rara, ho lavorato sulle relazioni, sul banco del bar che è il suo palcoscenico, sui suoi viaggi da pendolare. Io ho visto Eli come una supereroina del quotidiano che spinge sempre più in là il  suo limite”.
 
E così inevitabilmente il pubblico si identifica in loro, nelle loro esistenze messe a dura prova dal presente che viviamo, ci si può sentire più facilmente Eli o Vale, o il marito di Eli. O persino la bambina più grande di Eli che, arrabbiata, alla madre dice: “stai diventando grande, stai diventando una donna”, risponde:  “se diventare una donna significa transport la vita che fai tu è meglio morire”. Per il regista il film è un omaggio alle tante figure femminili della sua vita. “Ho pensato alle persone che amo: a mia madre, mia sorella, mia figlia, mia moglie. L’80% della fatica della nostra società è sulle spalle delle donne. Ho chiesto agli attori di non interpretare i personaggi matriarch di viverli”.



Leggi Anche

san nicolò po

SAN NICOLÒ PO. Ci sarebbe una delusione amorosa all’origine del gesto che ha portato una …