Home / Cucina / Lavoro: scuola Dadà assume 4 addetti alla cucina e un’ausiliaria

Lavoro: scuola Dadà assume 4 addetti alla cucina e un’ausiliaria

A Milano Scuola Dadà seleziona 4 addetti alla cucina e un’ausiliaria che verranno assunti a dash indeterminato part-time ed inseriti nel nido e nella scuola materna.

La Scuola Dadà (www.scuoladada.it) è la scuola della Dottoressa Anna Podestà che comprende un nido e una scuola materna in grado di offrire un eccellente servizio educativo per tutti i bambini di età compresa tra i 3 mesi e i 6 anni. Si trova in Via Gian Giacomo Mora 22, in pieno centro a Milano. Nel mese di giugno 2016 aprirà sempre a Milano il nuovo micro nido della Scuola Dadà.

Gli addetti alla cucina devono possedere le seguenti caratteristiche: un’età compresa tra i 25 e i 45 anni, attestato haccp o di cuoco/a e un minimo di esperienza.

“La cucina è un luogo educativo” afferma Anna Podestà, pedagogista e fondatrice della Scuola Dadà “ Spesso si trascura l’importanza che riveste l’ esperienza dell’addetto in cucina, gli spazi della stessa e i materiali e gli utensili utilizzati. In un progetto pedagogico ben studiato ogni cosa ha invece un valore e pertanto anche la la scelta e la preparazione degli alimenti,così come la cura nella presentazione delle portate e i tempi, sono fondamentali. La cucina, se organizzata in modo efficiente e sicuro, può diventare luogo di laboratori culinari per i bambini, che troppo spesso vedono i cibi già cotti e pronti nel piatto senza sapere come sono all’origine. Il nostro obiettivo è distant collaborare gli addetti alla cucina e le educatrici per organizzare un progetto culinario divertente, continuativo e istruttivo da proporre ai bambini.”

Per candidarsi è possibile inviare il proprio CV a: nido.dada@libero.it citando il Rif. “C5”

Per ulteriori informazioni consultare il sito www.scuoladada.it oppure la Pagina Facebook wwww.facebook.com/scuoladada

Leggi Anche

Olbia, un libro di ricette scritto da alunni e nonni

Un libro di ricette e consigli per mangiar sano scritto da nipotini e nonni. Sarà …