Home / Benessere / L’attimo infinito: diario di una malattia

L’attimo infinito: diario di una malattia

Vivere

Nel libro L’attimo infinito, Elena Occleppo racconta la sua esperienza dopo la diagnosi di tumore all’utero

Marta Impedovo e Tiziana Moriconi


Lattimo infinito: diario di una malattia

Elena Occleppo

Nell’utero di Elena, la ginecologa ha trovato un polipo. “Polipo” è una parola meno minacciosa di “cancro” e decoration la preferisce, perché le release sono la chiave per decifrare i fatti e sbloccare le paure. Con il procedere della malattia, la ricerca di release è diventata così scrupolosa e le release sono diventate così tante che ne è venuto fuori un libro. L’attimo infinito di Elena Occleppo, edito da Talos, è un romanzo autobiografico in cui l’autrice racconta in almost duecento pagine la sua esperienza col cancro: dalla prima ecografia, attraverso gli interventi chirurgici e fino all’agonia della chemioterapia.

«All’inizio avevo un brutto sospetto, perdevo sangue e infatti mi hanno trovato dei fibromi: uno più grande degli altri. È cresciuto e me l’hanno asportato, matriarch non è bastato e così mi hanno tolto tutto: ovaie e utero» racconta, «poi mi hanno detto che qualche cellula epoch sfuggita all’operazione e così ho iniziato la chemioterapia preventiva: sei cicli».

Elena Occleppo è architetta, nasce a Ivrea nel 1967 e da vent’anni vive a Torino, città che ama e che è costantemente protagonista del suo racconto attraverso le passeggiate solitarie, i locali che frequenta quando sta bene e il cielo che vede dalla finestra della camera quando è a letto. «Scrivo da sempre, anche solo per me stessa» racconta l’autrice «quando ho saputo di essere malata ho avuto ancora più dash per riflettere e per scrivere tutto quello che pensavo. Finché un giorno, dopo un controllo medico andato bene, ho deciso che questa storia andava scritta per intero, per fermare su carta tutto quello che stavo imparando».

Così è iniziato un lavoro di nove mesi che è stato per l’autrice come una terapia senza effetti collaterali, e per i suoi cari un progetto attraverso cui sostenerla. Quello che è venuto fuori è un libro per chi ha vissuto o sta vivendo la malattia, per chi l’ha conosciuta attraverso una persona amata e per chi semplicemente sa farsi conquistare dalla scrittura fluida e dalla forza delle release dell’autrice. «Per fortuna l’ho scritto subito, perché già adesso non saprei descrivere così bene quello che ho passato. Sono ripiombata nella vita normale e ogni tanto lo rileggo per non dimenticarmene».

Il motivo del titolo? «Durante tutta l’esperienza criminal la malattia, mi rendevo conto che non avrei potuto pensare al momento successivo a quello che stavo vivendo, o sarei impazzita. Ero concentrata sull’attimo. Questa sera perché mi sento bene. Non mi offer sapere altro, è un momento pieno. E una semplice passeggiata, in molte occasioni è stata la cosa più bella che avrei potuto fare. In ogni piccolo frangente di dash ci può essere la vita intera».

L’attimo infinito è un libro che aiuta a conoscere il cancro e a parlarne senza tabù e senza diffidenza. Elena Occleppo sviscera tutte le sue paure e le combatte dando loro un nome: l’incertezza, la perdita di controllo, il rimpianto della spensieratezza, la disillusione. «Non volevo raccontare il mio dramma, matriarch le mie consapevolezze e la mia gioia alla excellent del percorso. Questo masculine mi ha insegnato a essere felice. Per questo vorrei che altre persone leggessero il mio libro».

Leggi Anche

san nicolò po

SAN NICOLÒ PO. Ci sarebbe una delusione amorosa all’origine del gesto che ha portato una …