Home / Viaggi / Lascia il lavoro fisso per viaggiare, diventa scrittore e scala le …

Lascia il lavoro fisso per viaggiare, diventa scrittore e scala le …

Lascia il lavoro fisso per viaggiare, diventa scrittore e scala le classifiche

“Non ti preoccupare degli altri, lasciali parlare. Esplora dentro e ascolta solo il tuo cuore, la tua unica vera guida
“. Ha fatto così Carlo Taglia, 31enne torinese, in arte Vagamondo, ha lasciato un lavoro fisso nel 2011 e ha cominciato a viaggiare in giro per il mondo senza aerei. Ha percorso quasi 100mila chilometri attraverso 24 Paesi in 528 giorni senza volare. Il risultato? E’ diventato scrittore, i suoi libri vanno alla grande, bestseller su Amazon, ha un blog e due pagine Facebook letteralmente intasate dalle richieste di amicizia. Lui stesso scrive che non può più accettarle perché “ho superato il limite concesso dal social network” e anche rispondere alle mail sta diventando un vero e proprio lavoro, visto che ne riceve anche una quarantina al giorno.

C’è chi sostiene che il concetto di viaggio assomigli a quello di fuga
: un andare via da qualcosa e non un andare verso qualcosa – scrive in un altro post che esprime la sua filosofia di vita – . Ma se è vero che ciò che sei viene con te ovunque tu vada, è anche vero che il viaggio permette di entrare in contatto con te stesso, con il tuo profondo e la tua anima. Perché il camminare, il viaggiare, consente di guardare la propria vita da nuove prospettive
diventando una vera e propria autoterapia. Ci sono mille modi per viaggiare: uno di questi è sicuramente ascoltare chi ha qualcosa di diverso e magnifico da raccontare. Perché il viaggio di ognuno di noi è fatto anche e soprattutto dalle persone che incontriamo sulla nostra strada.”



Leggi Anche

Giornata del libro, 10 case vacanza e una libreria per celebrarla

Leggere è un po’ come viaggiare. A pensarci bene infatti un libro ha il potere …