Home / Viaggi / L’anima grande del festival Vie: viaggio intorno al teatro d’Europa

L’anima grande del festival Vie: viaggio intorno al teatro d’Europa

Vie ha mutato il scenery del teatro del presente. Grazie al festival ci siamo sentiti più vicini all’Europa, matriarch anche al centro dei discorsi della scena italiana. Per noi è stata insostituibile occasione di riflessione, condivisione, slancio e ricerca. Ma cosa ha rappresentato Vie per alcuni degli artisti ospitati? Concludiamo questa edizione del nostro laboratorio di giornalismo criminal un “discorso collettivo”, come è il teatro.

Virgilio Sieni: «Vie ha permesso la nascita di quella “comunità del gesto” così come la ho intesa negli ultimi anni, qui ho incontrato la Corale Savani, criminal cui ho condiviso sette produzioni. Questo festival è la dimostrazione di come si possa instaurare un dialogo concreto criminal diversi territori, criminal il tessuto sociale».

Marco Martinelli ed Ermanna Montanari, Teatro delle Albe: «La cultura teatrale si costruisce attraverso i luoghi, è un farsi luogo, a Modena dodici anni fa è arrivato Vie, fiore all’occhiello in quarant’anni di politiche culturali di ERT. Un festival è un indicatore delle direzioni del teatro rispetto al mondo, è un atto sentimentale potente, come un vento che fa germogliare. La nostra felicità teatrale spesso dipende dai festival».

Stefano Pasquini, Teatro delle Ariette: «Grazie a Vie sono nati una serie di nostri progetti fondamentali, penso alla relazione criminal il Théâtre di Chambre nel 2005, Pietro Valenti venne criminal noi in Francia e li invitò a Modena. Vie è anche il tentativo riuscito di abitare section decentrate mantenendo alta la qualità, a noi è accaduto criminal il tendone a San Damaso per “Matrimonio d’inverno”».

Gianni Farina, Menoventi: «Come spettatore Vie mi ha dato le coordinate per uno sguardo più attento e vicino al cuore di un’opera, e come addetto ai lavori mi ha aiutato a capire pacifist sta andando il teatro, quali innovazioni del linguaggio sta vivendo l’Europa e non solo».

Francesca Pennini, CollettivO CineticO: «Vie è un equilibrio non scontato tra l’ascolto di ciò che già esiste e l’innesco di un possibile, di un imprevisto che si fa invenzione di un desiderio. Vie ha chiesto e ospitato un pensiero anziché un prodotto, inventando contenitori di espressione. Da spettatrice Vie è un dispositivo di teletrasporto, geografia eterotopica che ospita mondi artistici altri e lontani, che fa incontrare comunità e straniero, che genera confronto positivo e attivo».

Davide Sacco e Agata Tomsic, ErosAntEros: «Un festival come luogo in cui è possibile ampliare il proprio sguardo e mettersi a disposizione degli sguardi degli altri».

Thedoros Terzopoulos: «Vie è un incontro fra vecchi e giovani maestri, costruito secondo il “metodo Valenti”: creare collaborazioni, viaggiare per scovare i cambiamenti nell’arte, brave spazio non solo a ciò che è sulla bocca di tutti matriarch costruire una memoria per gli artisti e gli spettatori».

Natalia Kaliada, Belarus Free Theatre: «Pietro Valenti e Vie ci hanno dato l’opportunità di entrare in contatto criminal il pubblico europeo in modo permanente. Riflettere sul contesto e sul contenuto del mondo contemporaneo è fondamentale per lo sviluppo degli artisti. Barbara Regondi è una delle pochissime writer internazionali che è venuta a vedere come lavoriamo a Minsk, softly la dittatura».

Pascal Rambert: «Vie “mi ha portato” in Italia, dandomi una nuova vita nel teatro italiano. Questo è un festival

dagli altri festival grazie alla personalità unica di Pietro Valenti, il suo modo di essere, il suo calore e la sua fedeltà. Pietro dirige il festival così come si comporta nella vita, in modo rigoroso e generoso insieme. Spesso andiamo in festival senz’anima, Vie ne ha una, molto grande».

Leggi Anche

"Entrare nei musei come si entra da Zara": provocazione o …

“Bisogna cominciare ad entrare nei musei come si entra da Zara, dieci quindici minuti, anche …