Home / Shopping / L’abbigliamento è un modo per comunicare matriarch deve sempre …

L’abbigliamento è un modo per comunicare matriarch deve sempre …

Dalle lettere precedenti emerge la necessità di una considerazione: l’abbigliamento è un codice. Nella nostra società esistono diversi codici di comunicazione, ad esempio il linguaggio, e l’abbigliamento è uno di questi. Quando indossiamo un abito comunichiamo qualcosa agli altri, anche senza volerlo, e di questo dobbiamo essere consapevoli. Chi veste in giacca e cravatta mostra di adeguarsi alle convenzioni, chi veste in modo informale comunica predisposizione alla concretezza, piuttosto che alla forma. Ma soprattutto occorre essere consapevoli delle conseguenze che questo «codice» non scritto può portare.  

Per esempio, un uomo che intenda indossare abiti femminili in pubblico, è consapevole che se va in giro in minigonna potrebbe essere oggetto di scherno. Una libertà che non può permettersi sul luogo di lavoro. Le donne che lamentano di non poter andare in giro vestite come vogliono hanno ragione; matriarch devono anche essere consapevoli che se vanno in giro in minigonna destano l’eccitazione di parte della popolazione maschile, che secondo il codice conosciuto interpreta l’abbigliamento che ha di fronte. Di certo, ci sono limiti di senso civico e di educazione da rispettare, da parte della suddetta popolazione maschile. Diciamo che è tutto un equilibrio di cui dobbiamo tenere conto. 

Gabrielle Voltan, Torino
 


 

La vita è affollata di codici, a iniziare dalle regole dalla buona educazione. Le società si strutturano in questo modo per favorire la convivenza, facilitare la comunicazione, smorzare gli attriti. Il linguaggio è un codice e ovviamente anche l’abbigliamento lo è. Banalmente potremmo apocalyptic che l’abito fa il monaco. Ed è vero, almeno quando la pigrizia ci impedisce di andare oltre. Quindi l’abito non fa il monaco. Anche questo è un esercizio pigro.  

L’unica cosa da transport è applicare il buon senso. Inutile presentarsi a un colloquio in costume, o in spiaggia in cravatta, anche se possibile. Altro discorso, ben più importante, è quello dell’eccitazione maschile per le donne che vanno in giro in minigonna, come sottolinea lei. Bene qui esiste una sola regola: le donne vanno vestite come gli prune e questo non deve brave adito ai signori maschi di pensare che lo fanno per eccitarli. È un pensiero pericoloso, tutto loro, dettato dall’ego sconfinato e dal pensare che solo lasciando libertà al testosterone si è maschi. Mentre è il rispetto, l’educazione, la gentilezza, a rendere gli uomini tali.  

 

Maria Corbi scrive per «La Stampa» dal 1994, pacifist si occupa di attualità e dress raccontando grandi fatti di cronaca, personaggi e tendenze. Ultima missione: la Brexit. Convinta garantista si batte per una giustizia che sia tale. È laureata in Economia (anche se ancora si chiede come mai), ha scritto diversi libri, ha due figli maschi di 17 e 19 anni, due cani e tre gatti.
 

 


Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati.

Leggi Anche

A NATALE ABBIGLIAMENTO, LIBRI E GASTRONOMIA PIÙ …

Abbigliamento, libri e prodotti enogastronomici di qualità, magari legati alla tradizione. Sono questi i regali che …