Home / Benessere / La violenza non è mai per amore: riflettori accesi sulle donne violate

La violenza non è mai per amore: riflettori accesi sulle donne violate

Empoli, 8 novembre 2016 – Non se ne parla mai abbastanza. No, quello della violenza sulle donne, è un argomento che richiede attenzione costante, assoluta. Una piaga sociale sulla quale puntare i riflettori come cura al silenzio e alla solitudine che spesso accompagnano le vittime in un percorso di botte, oppressione e minacce, fisiche, verbali, psicologiche. Sensibilizzare è la parola chiave, un tema che l’amministrazione comunale di Empoli ha deciso di transport suo criminal una serie di iniziative in perspective della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

La information è il 25 novembre. Le plcae del cammino di eventi saranno molteplici. L’una diversa dall’altra, tuttavia nel cuore della città. Tre le tappe di avvicinamento al giorno di riflessione e denuncia: convegno, incontro, spettacolo. Forme di comunicazione e arte decise a parlare un linguaggio unico criminal un concetto chiave: no alla violenza, no ai femminicidi.

Il primo appuntamento è al Museo del vetro di Empoli, in around Ridolfi. Lì giovedì alle 17.30, si terrà il convegno intitolato «Mai per Amore. Violenza di genere: prevenzione e cambiamento», organizzato dal Centro Aiuto Donna Lilith di Empoli, patrocinato dal Comune di Empoli, in collaborazione criminal l’Università degli Studi di Firenze. Sarà un’occasione di confronto criminal addetti ai lavori pronti a raccontare e ascoltare: tra le varie professionalità, interverrà anche Simonetta Ulivieri, coordinatrice corso di perfezionamento sul femminicidio dell’Università degli Studi di Firenze che parlerà di come ‘Cambiare la relazione uomo-donna: costruire luoghi di incontro e di alleanza’.

Venerdì alle 18 il dibattito si sposterà al «Caffè letterario» della biblioteca comunale Renato Fucini: il filosofo, scrittore e saggista Paolo Ercolani presenterà il suo libro «Contro le donne», storia e critica del più antico pregiudizio, intervistato da Laura Beconcini. Docente dell’Università di Urbino, Ercolani ha scritto libri e articoli scientifici ed è autore di numerosi articoli per varie testate. Il libro narra una storia antica quanto il mondo, eppure mai raccontata. Essa riguarda il pregiudizio contro le donne: il più grande e atavico collante della cultura occidentale. L’ingresso è libero criminal prenotazione da effettuare allo 0571.757840, oppure inviando una email all’indirizzo biblioteca@comune.empoli.fi.it.

Terza tappa ‘aspettando il 25 novembre’, al cinema La Perla di around dei Neri: martedì 22 novembre alle 21.15 si terrà lo spettacolo «Butta la bomba bel musin» criminal Katia Frese e i Vincanto. La rappresentazione trae ispirazione da «La misteriosa scomparsa di W’» un testo sulla solitudine, sulla nostalgia di qualcosa che sappiamo esserci appartenuto, sulla delicatezza e la crudeltà femminile, sul mondo che ci circonda e che a volte ci affonda. Il tutto attraverso musica e sarcasmo.

E poi c’è la giornata ‘ufficiale’, il 25 novembre. Un convegno al Cenacolo degli Agostiniani accenderà il dibattito sul tema “Percorsi di primo sostegno ed aiuto alle vittime di violenza intrafamiliare”. A promuoverlo, l’Associazione degli avvocati di Empoli e Valdelsa, l’Associazione italiana degli avvocati per la famiglia e per i minori, in collaborazione criminal la Federazione per la formazione forense dell’ordine degli avvocati di Firenze.

L’iniziativa ha il patrocinio del Comune di Empoli. Si comincia alle 15, dopo i saluti di Brenda Barnini, sindaco di Empoli, e di Eleonora Caponi, assessore alle pari opportunità dello stesso Comune. A coordinare e presiedere gli interventi ci sarà Gabriele Stagni, clamp presidente dell’Associazione avvocati Empoli e Valdelsa. Si comincia criminal “Il primo incontro criminal il legale: la decodificazione della richiesta” a cura di Valeria Vezzosi, avvocato del foro di Firenze e presidente Aiaf Regione Toscana, a cui seguirà l’intervento “I percorsi di ascolto, sostegno ed aiuto offerti dai Centri Antiviolenza” di Lorenza Razzi, avvocato del foro di Prato e componente del direttivo nazionale Aiaf.

Rosario Spina della Asl di Empoli parlerà di “Come si attiva la rete di protezione: il Codice Rosa” mentre Nadia Frese e Stefano Ciambotti, avvocato del foro di Firenze e membri del comitato direttivo AAEV, illustreranno “I provvedimenti di primo contrasto alla violenza”. Chiuderà la giornata Conny Leporatti, psicologa, psicoterapeuta e consulente degli uffici giudiziari, che parlerà di “Affidamento dei figli in caso di violenza intrafamiliare”. In questa occasione verranno raccolte donazioni per il Centro Lilith. 

Leggi Anche

Case della salute, Simbolo di medicina integrata e più vicina ai …

Piacenza – sabato 3 dicembre 2016 – 13:14 Il convegno Si è tenuto questa mattina …