Home / Cucina / La Scuola de La Cucina Italiana: nuova sede, nuovi corsi

La Scuola de La Cucina Italiana: nuova sede, nuovi corsi

Presentata ufficialmente la nuova sede milanese in Piazza Cadorna, con cucina professionale, salone per eventi e spazi riservati alla pasticceria

Filippo Piva

Pubblicato

giugno 21, 2016

  • sfoglia la gallery La nuova Scuola de La Cucina Italiana

    La nuova Scuola de La Cucina Italiana

  • La nuova Scuola de La Cucina Italiana

    La nuova Scuola de La Cucina Italiana

  • La nuova Scuola de La Cucina Italiana

    La nuova Scuola de La Cucina Italiana

  • La nuova Scuola de La Cucina Italiana

    La nuova Scuola de La Cucina Italiana

  • La nuova Scuola de La Cucina Italiana

    La nuova Scuola de La Cucina Italiana

  • Da sinistra: Paola Castelli, direttore divisione La Cucina Italiana e Vanity Fair; Emanuele Gnemmi, direttore della Scuola; Roberta La Selva, direttore centrale Business Development

    Da sinistra: Paola Castelli, direttore divisione La Cucina Italiana e Vanity Fair; Emanuele Gnemmi, direttore della Scuola; Roberta La Selva, direttore centrale Business Development

Uno spazioso salone con banco bar per eventi e degustazioni, una cucina centrale con ogni tipo di strumentazione professionale, una seconda cucina per i corsi base pronta ad accogliere fino a 25 corsisti alla volta e persino un’ala interamente dedicata alla pasticceria. La Scuola de La Cucina Italiana presenta la sua nuova sede milanese di piazza Cadorna (con ingresso in via San Nicolao, 7): un tempio della grande cucina dove anche gli amatori potranno cimentarsi ai fornelli sotto la guida di docenti di primissimo piano, in un viaggio all’insegna della tecnica, del gusto, dell’emozione e del design.

“La cucina è senza alcun dubbio uno dei temi più caldi degli ultimi anni, e in molti pensano che sia dovuto solo ed esclusivamente alla mediaticità, al parlarne continuo della televisione e della stampa, ma non è così -, racconta Emanuele Gnemmi, direttore della Scuola e già direttore del corso in Manager della ristorazione della scuola internazionale di cucina italiana Alma. – In realtà alla base di questa stagione di grande popolarità del cibo c’è tantissima ricerca, con un alto valore scientifico, che va a influenzare tanto la creazione dei piatti quanto la ricerca dei giusti ingredienti.

E poi ci sono i nuovi influssi del design, di cui l’Italia è sicuramente uno tra gli esponenti più importanti a livello internazionale. La cucina italiana è cultura, e noi siamo felici di trasmetterla anche agli amatori grazie ai nostri corsi”.

Cultura, certo, ma in continua evoluzione. Ecco allora che accanto ai tradizionali corsi dove imparare a preparare pasta, risotti, carni e torte si affiancano quelli dedicati esclusivamente alla cucina salutare o al food design, così come quelli in collaborazione con fotografi esperti per scoprire i segreti della food photography. “Vogliamo diventare il punto di riferimento nazionale nella formazione in campo amatoriale –, spiega Roberta La Selva, direttore centrale Business Development. – È un obettivo ambizioso, ma sicuramente alla nostra altezza, grazie anche al valore che il brand La Cucina Italiana è in grado di trasmettere e alimentare”.

Così, insieme con la nuova sede della Scuola, è stata presentata anche la versione rinnovata del sito internet ScuolaCucinaItaliana.it, sempre più luogo di aggregazione per una community di food lovers attraverso cui rimanere aggiornati sui corsi, iscriversi e condividere le proprie esperienze. “La Cucina Italiana rappresenta dal 1929 l’autentica espressione editoriale dell’enogastronomia italiana -, sottolinea Paola Castelli, direttore divisione La Cucina Italiana e Vanity Fair di Condé Nast. – Attraverso un sistema integrato rappresentato da giornale, sito e scuola raggiungiamo 3,6 milioni di lettori ogni mese. Soltanto la Scuola, lo scorso anno, ha ospitato nei propri corsi più di 8 mila persone, e contiamo che il numero possa ulteriormente salire grazie agli spazi della nuova sede. La Cucina Italiana è un brand storico, che ha saputo interpretare i cambiamenti della cultura alimentare del nostro Paese. E che oggi continua a essere un punto di riferimento per gli amanti della cucina”.


Licenza Creative Commons

This opera is licensed under a
Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

Leggi Anche

‘In cucina con Giulia’: zuccherini flambè arancia e cannella

di Giulia Lafavia – Sweet and Salty Corner Grosseto: Il Natale è ormai alle porte …