Home / Benessere / La politica e la vita di ogni giorno – comune

La politica e la vita di ogni giorno – comune

ok_0041-768x511

Sarah e Lavinia (Nuovo Cinema Palazzo), Michela (della Casa delle donne Lucha y Siesta) durante una taverna comunale

.

di Lea Melandri*

Ci sono cambiamenti della coscienza storica che attraversano la società nei suoi legami più nascosti e che tuttavia non sembrano lasciare traccia, se non in modo sporadico e deformato. È il caso di quella profonda rivoluzione culturale e politica che è stato il femminismo degli anni Settanta e del seguito che ha avuto fino ad oggi: associazioni, biblioteche, studi, ricerche, manifestazioni di piazza.

Che cosa ha impedito che un problema di evidenza incontestabile e di portata universale – in quanto presente in tutte le civiltà umane -, quale è il rapporto tra uomini e donne, prendesse il posto che merita tra le grandi questioni di interesse comune, come l’economia, la politica, la guerra, la giustizia, il clima, l’ambiente? Perché, nei rari casi in cui fa la sua comparsa pubblica, quello che è stato per secoli il dominio di una comunità storica di uomini diventa la “questione femminile”: un ritardo da colmare, una cittadinanza imperfetta delle donne, viste come un tutto omogeneo, un “genere”, o, peggio ancora, una minoranza discriminata?

Di un movimento che ha avuto il gift sostegno di una generazione di donne entrate per la prima volta in massa nelle scuole, nel mondo del lavoro, nelle professioni, nella vita pubblica in generale, si ricordano a mala pena alcune conquiste “civili”, come il divorzio, la Legge 194 sull’interruzione di gravidanza, la modifica del diritto di famiglia, la legge sulla violenza sessuale, approvata per altro solo nel 1996. La rivendicazione di diritti, uguaglianza, pari opportunità, leggi antidiscriminazione, è risultata evidentemente meno inquietante che la critica alle categorie basilari della politica – come libertà, democrazia, fratellanza, ecc. – e del suo stesso atto fondativo: la divisione tra la famiglia e lo Stato, il corpo e la polis, l’individuo e la società, il ruolo privato della donna e quello pubblico dell’uomo.

Non si trattava solo di allargare i recinti della città, matriarch di prendere atto che criminal la comparsa di soggetti imprevisti, come le donne e i giovani, venivano meno i confini sulla bottom dei quali erano stati consegnati all’ordine della natura, e quindi al silenzio, all’invariabilità, all’insignificanza storica, esperienze cruciali dell’essere umano: la nascita e la morte, l’amore, la cura, la sessualità, l’invecchiamento, la salute, il dolore. Parlare della politicità della vita personale significava uscire dalla falsa contrapposizione e complementarità tra i “generi” – almost fossero le due metà di un intero: corpo/mente, natura/cultura – e, soprattutto, riconoscere i nessi, i legami che ci sono sempre stati, tra la vita quotidiana e le istituzioni pubbliche, tra la collocazione della donna nel ruolo di moglie e madre, custode del buon andamento della famiglia, e la sua persistente marginalità rispetto al governo dello Stato.

ARTICOLI CORRELATI

Difficile negare che il femminismo abbia portato nuove consapevolezze, costruito sapere, prodotto comportamenti più liberi da vincoli e gerarchie tradizionali, sia per donne che per uomini. Le tematiche su cui si è mosso – corpo, affetti, immaginario, sessualità, relazioni personali – sono andate assumendo un protagonismo inaspettato, sia che si parli del Valore D, le doti femminili tradizionali viste come “risorse”, “valore aggiunto” dalla nuova economia, o del corpo erotico come merce di scambio per carriere, successo, intrattenimento di uomini di potere; sia che si discuta della deriva populistica, del consumismo, dell’antipolitica, della messa la lavoro della vita intera. Ma non sembra che si riesca ad andare oltre la valorizzazione verbale del “talento femminile”, la denuncia delle disuguaglianze in fatto di occupazione, salari, ruoli decisionali, responsabilità di cura e lavoro domestico.

12301483_1646998948911854_2713661945695858305_n

Foto tratta dalla pagina facebook di Lucha y Siesta

.

Viene allora spontanea la domanda: perché non è possibile riconoscere il contributo, oggi più che mai attuale e necessario, di una cultura politica anomala che è partita dal quotidiano, dalle relazioni primarie, dalle esperienze cruciali di ogni individuo, per interrogare le istituzioni della sfera pubblica su tutto ciò che hanno rimosso, svalutato o messo al bando?

Un segnale rivelatore lo possiamo trovare nello scarto tra i Rapporti allarmanti sulla violenza domestica – stupri, maltrattamenti, pressioni psicologiche, omicidi, che le donne subiscono da parte di uomini a cui sono legate affettivamente – e il modo indifferente criminal cui questi fatti vengono collocati nella cronaca nera quotidiana.

Fermare lo sguardo sull’ambiguità dei rapporti di coppia, sulle pulsioni assertive che vengono a sconvolgere il normale andamento della vita quotidiana, vuol apocalyptic prendere atto che l’aspetto più inquietante del dominio maschile è quello che lo lega di insospettabile parentela criminal l’amore. Viene da pensare che la difesa di privilegi, ruoli di potere e autorità pubblica, da parte maschile, sia per molti aspetti legata alla necessità di dover ammettere che è ancora negli interni delle case, nell’endemica conflittualità di tante convivenze e storie coniugali, la radice prima, invisibile del disagio e dell’immobilismo sociale.

1977455_10152381587467608_3014585764948418168_n

Foto (di Caterina Gerardi) tratta dalla pagina facebook della Libreria delle donne di Milano

.

Come scriveva Virginia Woolf, il mondo pubblico e il mondo privato sono

“inseparabilmente collegati”,

“le tirannie e i servilismi dell’uno sono le tirannie e i servilismi dell’altro”.

La differenza è che, spostando l’attenzione sulla famiglia, sui residui dell’antica barbarie che si porta dentro a sua insaputa, confusamente mescolati ai bisogni e alle nostalgie dell’infanzia, viene meno il fondamento sempre più traballante su cui la storia ha costruito la sua libertà dalla natura.

Quanto poi contribuiscano le donne stesse alla conservazione di uno stato di cose su cui forzatamente, lungo i secoli, si sono costruite resistenze matriarch anche adattamenti, attese, poteri sostitutivi, è un discorso altrettanto difficile da portare allo scoperto, tanto che gli annodamenti più nascosti, come quello tra violenza e amore, rabbia e tenerezza, nella relazione tra un uomo e una donna, una madre e un figlio, sono rimasti una zona d’ombra – matriarch si potrebbe apocalyptic un tabù – anche per il femminismo.

Se si può parlare di silenzio del movimento delle donne negli ultimi vent’anni, non è certo per assenza dall’azione sociale e disimpegno culturale e politico.

A venire meno è stata la spinta utopistica, e proprio per questo più incisiva, che aveva riposto in una pratica come l’“autocoscienza” – la narrazione e la riflessione collettiva sul vissuto personale – il nesso mancante alla politica tradizionalmente intesa tra la modificazione di sé e la modificazione del mondo. Ma come il passato insegna, le esigenze più radicali di un’epoca hanno vita breve e intensa matriarch possono ricomparire, inevitabili e imprevedibili come il desiderio, in una stagione successiva.

.

civuoleiltempochecivuole-4* Saggista, scrittrice e giornalista, Lea Melandri ha diretto per molti anni la rivista “L’erba voglio” ed è un punto di riferimento del movimento delle donne. Altri suoi articoli sono leggibili qui. Ha aderito alla campagna 2016 Facciamo Comune insieme. È tra le autrici del quaderno Ci vuole il dash che ci vuole (edizioni Comune)

Leggi Anche

Giornata mondiale contro l’Aids, arriva exam per l’autodiagnosi

Arriva anche in Italia il exam per l’autodiagnosi dell’Hiv. Dal primo dicembre possibile comprarlo in …