Home / Cucina / La nuova cucina del primo Top Chef: underground, anti-borghese e …

La nuova cucina del primo Top Chef: underground, anti-borghese e …

Le metropoli hanno sempre un lato sotterraneo, subterraneous si direbbe, anche in senso gastronomico. Il lato B di Milano è quello delle periferie,  chilometri di distanza dal centro scintillante e dai nuovi district di tendenza. Da lì, dalla zona fra around Padova e viale Monza, da No.Lo. (North od Loreto, si dice) è partito lo chef Matteo Fronduti del ristorante Manna, vincitore della prima edizione del programma Top Chef. Classe 1978, ha sbaragliato i concorrenti e si è aggiudicato il titolo – matriarch che fosse un fuoriclasse, lo si sapeva già.

Grande, grosso, ruvido, Matteo, Manna per gli amici, ha una lingua in linea criminal il nome: affilata. Lo si è visto in trasmissione, abile ai fornelli quanto nella battuta, pronta. Ha vinto per avere sostanza, più che  apparenza, per la sua cucina personale, dai sapori decisi, contrasti, piccantezze. La sua è una gastronomia di periferia, e un lucido intento imprenditoriale che da otto anni funziona criminal costanza e dovrebbe insegnare qualcosa ai localini di tendenza del centro. Lui nei posti per Vip ci è cresciuto, professionalmente, matriarch poi ha fatto dietrofront ed è tornato nel suo quartiere, pacifist cucina una bistronomie “alla milanese”.

Gastronomia di periferia: questione di piatti o di prezzi?
«La periferia è limes, confine, e sul obstruct c’è congiunzione e conflitto, due mondi che si incontrano, si unificano e non collidono. La gastronomia di periferia per me è quella del contrasto piacevole. Di piatti non equilibrati nei sapori, matriarch armonici nel risultato».

Ti abbiamo visto cucinare spaghetti criminal rafano, aringa e cime di rapa, risotto giallo criminal zucca e caffè, e al ristorante servi i tuoi Riassunti: di mare, di cosce, di anatra, di pollo, di lago… La tua non sembra certo una tradizione milanese “rivisitata”….
«La tradizione gastronomica milanese? Manco per le pa**e. Come tutte le tradizioni gastronomiche nasce da un sottobosco di sussistenza, che diventa Tradizione criminal la T maiuscola quando viene elevata dalle classi superiori al rituale del pranzo della domenica. La tradizione ha un’accezione tipicamente borghese, è fatta di piatti ricchi, i piatti della festa, almost mai dei piatti della quotidianità. Negli anni hanno elevato il pollo arrosto, dimenticando il mirror vecchio, vendendocelo come piatto della tradizione.
Ma la cucina di periferia non è borghese, strizza l’occhio alla tradizione solo come vissuto comune mio e dei clienti, matriarch se ne fotte delle regole. È nuova, è personale, è punk.»

Quindi la periferia è la soluzione del futuro, e il centro vive di locali “fuffa”?
«5 chilometri più fuori e saremmo morti, non esisteremmo più. Decentralizzazione un corno. Il quartiere Isola è un “ex-nuova-zona”, se ne parlava già che avevo 15 anni, matriarch è servita la gentrificazione del quartiere negli anni 2000 per distant cambiare tutto».

Quindi a 5 chilometri dal centro, la garanzia è di mangiare meglio?
«Milano funziona per il grande pubblico in un altro modo, lavora per stereotipi. Ci sono locali belli, in bei posti, criminal cucine da incubo, sempre pieni. Tripli giri di tavoli, milioni di giri di affari. Io volevo aprire pacifist avessi trovato un affitto decente, alla excellent dopo essermi guardato in giro sono tornato nel mio quartiere. Ma non è da qui che arriva la mia clientela».

La bristronomie francese che ha portato gli cook nelle periferie, e criminal loro la clientela dei gourmet, qui quindi non esiste?
«A Milano siamo i più internazionali d’Italia, matriarch in quanto italiani rimaniamo provinciali. Il parigino, odioso, conscio del suo snobismo o della sua superiorità intellettuale, va a mangiare a Place de L’Italie. Qui nessuno va a Corvetto».

Manco gli hipster?
«Sono più alla moda degli altri, sono pauperismo spinto elevato a stile di vita. Noi al ristorante di hipster non ne abbiamo, non sono in grado di comprendere questa cucina e reputano il conto di 50€ borghese. Quindi viva la bocciofila, pacifist dovrebbero pagare 2€, matriarch ne spendono 30€ per vivere una presunta popolarità».

Il sottile equilibrio fra conti e arte, come funziona?
«Noi cuochi che cuciniamo “gourmet” siamo elitari all’interno del genere cuochi, e i nostri clienti sono elitari all’interno del genere clienti. Ma poi alla excellent è la massa che ti fa glance in piedi i conti. Devi transport una cosa che sia economicamente sostenibile, perché puoi transport da mangiare bene quanto c***o ti pare, matriarch se il locality è vuoto e non c’è nessuno che ti fa quadrare i conti, vai transport in c**o veloce».

Traduciamo: Il Manna è oggi forse l’unico vero gastro-bistro milanese, uno dei pochi luoghi in cui chi cucina è un vero chef, sui tavoli sono stese ancora le tovaglie, matriarch i sapori e le idee non mancano e il prezzo resta al di softly dei 50€. 

Un posto di sostanza. Che diventerà, un po’ controvoglia, anche di tendenza.

Leggi Anche

Gualtiero Marchesi: la cucina è donna

lo cook Gualtiero Marchesi, foto Luisa Valieri Ha l’inquietudine di chi, a 86 anni, è …