Home / Viaggi / La nuova Atlantide è un cumulo di rifiuti in mezzo al Pacifico

La nuova Atlantide è un cumulo di rifiuti in mezzo al Pacifico

Il fenomeno ha origini negli anni ’50 grazie al North Pacific Subtropical Gyre, una corrente vorticosa che ruota in senso orario e che risucchia la spazzatura, determinando un accumulo al centro del vortice e la loro aggregazione, e ha letteralmente creato un sistema a sé: la plastica, non essendo biodegradabile, viene fotodegradata, cioè disintegrata nella dimensione dei polimeri che la compongono, un processo che crea comunque inquinamento e policlorobifenili. Le particelle si comportano come il plancton, che se ingeriti dagli animali hanno gravi conseguenze, anche per noi, dato che quel pesce finisce nei nostri piatti. Spesso la causa di questo fenomeno è l’immondizia giunta dai continenti, ma a volte sono carichi di plastica caduti da container e dispersi in mare, in una zona dove la fauna ittica è ridotta ovviamente ai minimi termini, anche se talvolta parti dell’isola, dispersi dalla corrente, si arenano sulle spiagge delle Hawaii o in California.

Che fare per risolvere questa catastrofe ecologica? Alcuni ricercatori di varie università hanno proporsto la creazione di piattaforme mobili per il riciclo o la raccolta dei rifiuti, altri – il progetto Ocean Cleanup Array – potrebbero sfruttare le correnti marine per intrappolare i rifiuti e ripulire il mare, ma la soluzione passa dal capire che il problema si risolve con la prevenzione, come spiega Chelsea Rochman, a capo della spedizione Seapleax, che si sta occupando della vicenda sul campo.

E la soluzione è parzialmente la stessa: capire che il problema passa dal fatto che ogni anno produciamo ben 100 miliardi di kg l’anno di plastica, il 10% dei quali finisce in mare, e il riciclo. Lo si evince dalla collaborazione col Bureau of International Recycling (Bir), sponsor della spedizione avvenuta ad agosto 2009. «Il riciclo delle plastiche salva l’80 per cento dell’energia – spiega Elisabeth Christ del Bir –. La plastica nell’oceano è di diverso tipo, il riciclo dipende dall’uso di efficaci tecnologie di identificazione e separazione molecolare. In teoria, il biocarburante può essere ottenuto, ma ancora non abbiamo un progetto in merito. Bisogna però mettere in evidenza l’importanza che i prodotti vengano concepiti sin dall’inizio per il riciclo».

Leggi Anche

Il leggendario Sven Väth Sabato al Cantera di Sistiana (TS) – Bora.La

Questo Sabato (23 Giugno 2018) il Cantera di Sistana, in collaborazione con Reload Events, mette …