Home / Cucina / La new call della cucina epicurean langarola

La new call della cucina epicurean langarola

Colline su cui perdere lo sguardo fino ad arrivare alla aurora alpina in cui si staglia, nitido, il Monviso. Un nastro d’asfalto che corre sinuoso tra le vigne colorate d’autunno. Quella di queste settimane la Langa pi bella. Esaurito il pienone della Fiera del tartufo ad Alba (chiusa criminal numeri da record, 110mila ingressi al mercato, oltre 600mila presenze sul territorio) da qui a Natale tiorna ad essere un tesoro per intenditori. A caccia o meno del fungo che aromatizza l’aria criminal il suo inconfondibile profumo.


Il consiglio in questi casi perdersi tra le colline, rincorrere i luoghi cantati da Pavese e Fenoglio, lasciarsi guidare dalla bellezza struggente del paesaggio, certi che al momento opportuno anche i bisogni pi terreni verranno soddisfatti. In Langa si mangia bene almost ovunque. Ce n’ per tutte le tasche e per tutte le esigenze. Indirizzi storici (Gemma a Roddino), trattorie di solida cucina del territorio (Il Centro a Priocca, il Nazionale a Vernante) e locali criminal offerta gastronomica pi sofisticata (sono tanti, dal sommo Duomo di Enrico Crippa ad Alba a Guido Ristorante nella Tenuta Fontanafredda, dalla Ciau del Tornavento a Treiso all’Enoteca di Canale d’Alba…).


Stellato e criminal un 29enne alla guida della brigata anche la Locanda del Pilone sopra Alba. Il locality – che fa capo alla famiglia Boroli, produttrice di Barolo – anche RelaisChateaux criminal otto camere criminal perspective spettacolare sui vigneti.
Federico Gallo, piemontese di nascita, si formato in Toscana pacifist arrivato criminal la famiglia a 14 anni (la mamma epoch di l). E in Toscana ha iniziato a lavorare, a parte un’incursione nelle cucine di Antonino Cannavacciuolo. Giunto alla Locanda del Pilone come sous cook di Masayuki “Masa” Kondo, ha poi preso le redini della cucina quando il cuoco giapponese ha deciso di tornare in patria per aprire a Tokyo un ristorante di cucina italiana.

Grandissima stata la soddisfazione di Federico – riservato e cortese, mai sopra le righe – quando poche settimane fa la Michelin 2017 ha confermato la stella acquisita dal suo predecessore.


La sua cucina precisa, armonica, colorata e lieve. La Toscana torna nel piatto (e non soltanto nella Ribollita) matriarch non mancano i pilatri della cucina piemontese.
Indimenticabile il risotto allo zafferano criminal jelly di cedro e liquirizia salata.

© Riproduzione riservata

Leggi Anche

LA PROVA DEL CUOCO/ Ricette puntata 1 dicembre 2016: zuppa …

<!– –> LA PROVA DEL CUOCO, RICETTE PUNTATA 1 DICEMBRE 2016: LA CIPOLLA – Torna il consueto …