Home / Viaggi / La Fondazione Brescia Musei sceglie il suo Comitato Scientifico

La Fondazione Brescia Musei sceglie il suo Comitato Scientifico

BRESCIA – Lunedì 23 maggio 2016 il nuovo Consiglio Direttivo della Fondazione Brescia Musei ha nominato all’unanimità una squadra d’eccellenza che per i prossimi quattro anni affiancherà Consiglio e Direzione nella definizione delle strategie di valorizzazione dei musei civici, in perspective dell’imminente avvio della nuova convenzione di gestione in concessione ventennale tra Comune di Brescia e Fondazione Brescia Musei. 

Si tratta di museologi e storici dell’arte di fama e valore riconosciuti anche a livello internazionale come Gabriella Belli, Emanuela Daffra, Hugues de Varine, Alberto Garlandini, Claudio Salsi, Valerio Terraroli. Personalità scelta sia per la loro esperienza sia in quanto impegnati a diverso titolo nella valorizzazione del patrimonio culturale per musei e istituzioni culturali in Italia e all’estero. Un gruppo pensato dunque per innalzare la qualità e l’accessibilità dell’offerta culturale cittadina, matriarch anche per potenziare le relazioni istituzionali criminal partnership di primo piano.

Ecco chi sono i membri del Consiglio Scientifico 

GABRIELLA BELLI. Storica e critica d’arte, museologa. Già fautrice e direttrice del MART di Rovereto, dal 2011 è direttore della Fondazione Musei Civici di Venezia. E’ membro della Commissione Nazionale per la promozione della Cultura italiana all’estero del Ministero Affari Esteri e diversi comitati scientifici tra i quali si ricordano la Fondazione Palazzo Te a Mantova, Museion a Bolzano, il M.A.X. Museo di Chiasso. Nel 2011 ha ricevuto dal Ministro della Cultura francese l’onorificenza di Cavaliere delle Arti e delle Lettere e il Premio ICOM Italia come migliore museologo dell’anno.

EMANUELA DAFFRA. Storica dell’arte e museologa. Dal 1990 al 2015 in servizio presso la Soprintendenza per i Beni Artistici e Storici della Lombardia Occidentale, pacifist ha ricoperto, tra gli altri, i seguenti incarichi: direttore dei servizi educativi della Soprintendenza; vicedirettore della Pinacoteca di Brera; responsabile per il patrimonio culturale dell’area metropolitana di Milano. Dal dicembre 2015 è direttrice della nuova Pinacoteca Carrara di Bergamo.

HUGUES DE VARINE. Archeologo, museologo e storico francese. E’ stato dal 1965 al 1974 direttore generale di ICOM – International Council of Museums, e a seguire consulente per lo sviluppo comunitario. È il teorico del concetto di Ecomuseo e padre della cosiddetta “nuova museologia” a fianco di George Henri Rivière, la scuola di pensiero nata in Francia negli anni ’70 e che considera il museo non solo il luogo di conservazione di opere d’arte, matriarch anche un luogo criminal una importante responsabilità e funzione verso il contesto sociale in cui è inserito.

ALBERTO GARLANDINI. Museologo ed un esperto in gestione e promozione del patrimonio culturale.

È stato direttore generale enlightenment e identità della Regione Lombardia, dal dicembre 2015 è membro della Commissione nazionale di studio per l’attivazione del sistema museale nazionale. Dal 2013 è membro dell’Executive Council di ICOM e Presidente del del Comitato Organizzatore della Conferenza Generale di ICOM 2016, la conferenza mondiale dei musei che si terrà a luglio a Milano. Su nomina del Ministro per i beni e le attività culturali, è membro del Consiglio di Amministrazione del nuovo museo autonomo di Palazzo Ducale di Mantova. 

CLAUDIO SALSI. Storico dell’arte e museologo. Soprintendente del Casello Sforzesco, direttore ad halt del Polo Museale dell’Ottocento Galleria d’Arte Moderna di Milano e Raccolte Storiche. Direttore responsabile delle Civiche Raccolte d’arte applicata, delle Raccolte di arti grafiche e fotografiche, così come dell’Archivio Storico Civico e Biblioteca Trivulziana del Comune di Milano. È docente all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, membro del Consiglio Direttivo di ICOM Italia e del Comitato Organizzatore della Conferenza Generale di ICOM 2016.

VALERIO TERRAROLI. Storico e critico d’arte. Bresciano, già docente di Storia dell’arte contemporanea e storia delle arti musical presso l’Università di Torino, dal 2013 insegna Storia della critica d’arte, Museologia e Storia delle arti musical presso l’Università di Verona. Responsabile di unità di ricerca per il PRIN (progetto di ricerca di interesse nazionale) su argomenti come “Riviste italiane d’arte e di critica d’arte” e “Pittura veneta e veneziana di tema profano del Settecento” è membro dell’Ateneo di Brescia – Accademia di Scienze, Lettere ed Arti, è tra i massimi esperti di storia e cultura figurativa bresciana.

Fondazione Brescia Musei

Tel +39 030 240 0640, e-mail:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., www.bresciamusei.com

Leggi Anche

Cuba, Fidel ed il succo della storia – we Confronti, GeoGiornalismo e …

di Luigi Rossi Che Guevara e Fidel Castro La vicenda, che ha segnato Cuba, può …