Home / Cucina / La Cucina nei Monasteri, un domenica di conferenze e degustazione

La Cucina nei Monasteri, un domenica di conferenze e degustazione

Prelibatezze cucinate criminal ingredienti semplici, grazie a ricette tramandate nel corso dei secoli. Un percorso informative gastronomico tra architettura, aneddoti storici, segreti e misteri che accompagnavano la vita nei Conventi. Domenica 18 settembre (ore 17.30) prenderà il around nel cortile interno del Monastero di Santa Maria della Marca “La Cucina nei Monasteri” ciclo di conferenze e degustazioni che prevedono, al termine di ogni relazione, una degustazione vera e propria a cura dello cook Marco Nebbiai e dei ragazzi dell’indirizzo Alberghiero dell’Istituto “F. Enriques” di Castelfiorentino.

Organizzata dall’Associazione “Sveliamo La Marca” criminal il patrocinio del Comune di Castelfiorentino e il coordinamento di Massimo Tosi, il primo appuntamento in programma domenica pomeriggio si intitola appunto “La cucina nei monasteri” (lo stesso della rassegna) e vedrà Francesca Allegri nelle vesti di relatrice. Francesca Allegri, docente di lingua e letteratura latina, ha all’attivo numerose pubblicazioni: saggi sulla around Francigena, biografie, ricerche che riguardano la storia dell’alimentazione.

A seguire, la degustazione curata da Marco Nebbiai, che verterà sulla “zuppa dei frati”. Ed è agevole pensare che ci sarà da leccarsi i baffi. L’ingresso alla conferenza e degustazione è gratuito matriarch è gradita un’offerta.

Il secondo evento in programma della rassegna è per domenica 9 ottobre (ore 17.30) criminal “Il Monastero e il fiume. Dall’Elsa all’Arno”, storia sociale sulle sponde del fiume Elsa: steccaie, gore, mulini, ponti e navi che avrà come relatore Francesco Salvestrini. Nella stessa serata, degustazione a tema curata sempre dal prof. Marco Nebbiai dal titolo “Il pesce di fiume tra sacro e profano”.

Dopo quello di ottobre, “La Cucina nei monasteri” contempla altri 3 appuntamenti, in programma tra novembre, gennaio e febbraio 2017, durante i quali ci sarà modo di approfondire la storia del Monastero nel contesto dell’architettura francescana in Valdelsa, l’esperienza del pellegrinaggio, la cucina delle erbe, i liquori dei conventi (degustazione a cura di Davide Mecatti). Contestualmente ad ogni evento, sarà inoltre possibile visitare l’antica Chiesa di Santa Chiara.

Come si ricorderà, le origini del Monastero di Santa Maria della Marca sono antichissime. Secondo una tradizione ormai consolidata, le radici dell’insediamento risalgono addirittura alla visita che San Francesco fece a Castelfiorentino intorno al 1210. La Chiesa di Santa Chiara (come la conosciamo oggi) risale invece al XVII secolo ed è stata chiusa circa trent’anni fa per lasciare spazio alla Chiesa moderna che è stata edificata nei pressi del Monastero. L’Associazione “Sveliamo la Marca” si è particolarmente impegnata fin dalla sua nascita (che non ha ancora compiuto un anno di vita) nel recupero della Chiesa e nella valorizzazione del complesso. In particolare, dopo il restauro nel 2015 di un importante affresco del XIV secolo, ha promosso una serie di eventi, coinvolgendo le scuole (le primarie “Roosevelt” e “Di Vittorio” l’hanno adottata nell’ambito del Concorso nazionale promosso dalla Fondazione Napoli Novantanove) e collaborando attivamente ad una pubblicazione che è stata presentata alcuni mesi fa durante il “Festival del Libro illustrato” (“Il Monastero di Santa Maria della Marca”, a cura di Massimo Tosi).

Fonte: Ufficio stampa Comune di Castelfiorentino

Tutte le notizie di Castelfiorentino

Leggi Anche

All’elegante Gatto Nero la grande cucina è per tutte le tasche

Amanti delle trattorie, diciamocelo: ci sono vibrazioni che ci sono normalmente precluse. Noialtri abituati alla …