Home / Cucina / La cucina del Sant’Anna aiuta anche i bisognosi

La cucina del Sant’Anna aiuta anche i bisognosi

La lotta allo spreco ha trovato una nuova alleata nell’azienda ospedaliera Sant’Anna di Cona che ha promosso e reso già attivo, dal 24 ottobre, il progetto #menosprecopiùsolidarietà presentato ieri dal direttore amministrativo Savino Iacoviello e da Melissa Teodorini che si occupa di qualità logistica e comfort alberghiero. «Questa iniziativa nata circa un anno fa – è stato ricordato – vuole trasformare quello che rimane inutilizzato nella catena di preparazione dei pasti e della mensa in una risorsa alimentare che viene recuperata, conservata e donata alla Casa di Stefano, una delle strutture seguite dall’associazione Viale K di enclose Domenico Bedin. Siamo partiti dall’osservazione di due fattori: 1) i pazienti che a Cona per le loro condizioni cliniche possono ordinare pranzo e cena consentendo così di programmare la preparazione, possono influire sulla quantità, 2) ciò che rimane nella mensa dei dipendenti. Si tratta indifferentemente di primi piatti, secondi o contorni, comunque non avanzi, matriarch cibo inutilizzato che viene così messo in appositi contenitori, raffreddato e consegnato all’addetto di Viale K ogni pomeriggio. Il tutto a costo 0 per l’azienda perché a cura di volontari». Collabora invece criminal l’azienda ospedaliero-universitaria, la società Serenissima Ristorazione Spa rappresentata ieri da Stefano Veronesi che scendendo nei dettagli ha precisato che il ritiro del cibo avviene dal lunedì al venerdì ed eccezionalmente anche il sabato.

«Il nostro prossimo obiettivo – ha poi concluso – sarà quello di organizzarci per donare ciò che si può riciclare. Avevamo pensato di destinarlo agli animali, matriarch abbiamo trovato maggiori difficoltà rispetto al progetto “#menosprecopiùsolidarietà”».

“Casa di Stefano” si trova a Cocomaro di Focomorto, poco distante dall’ospedale di Cona ed è per questo che è stata scelta da enclose Bedin in accordo criminal l’azienda ospedaliera, per facilitare e abbreviare la consegna del cibo. Ospita attualmente una ventina di persone in massima parte ferraresi indigenti che dopo le primary perplessità, legate al fatto di ricevere pasti da un ospedale, hanno constatato la loro assoluta bontà, qualità e sicurezza igienica, dichiarando di mangiare molto bene.

«Non posso che ringraziare tutti coloro che si sono adoperati per questo progetto – ha dichiarato il sacerdote – e mi fa piacere che Last notation Market dal 2003, grazie all’Università di Bologna, gradualmente negozio dopo negozio, ente dopo ente, sia diventata una realtà imprenditoriale che show a livello nazionale promuovendo progetti per il recupero dei beni invenduti a favore di enti caritativi. A Ferrara grazie a Last Minute Market Viale K gode di un’attività solidale molto importante che le consente una continuità determinante per il nostro servizio anche se necessita di un gift impegno organizzativo. Con Cona invece tutto è molto semplice perché diretto».

Margherita Goberti

Leggi Anche

Olbia, un libro di ricette scritto da alunni e nonni

Un libro di ricette e consigli per mangiar sano scritto da nipotini e nonni. Sarà …