Home / Cucina / La costata di manzo di Orwell, secondo Cara Nicoletti

La costata di manzo di Orwell, secondo Cara Nicoletti

La costata di manzo di Orwell, secondo Cara Nicoletti

Cara Nicoletti è una brillante trentenne laureata in Letteratura inglese a New York, che di lavoro da la cook pasticciera e macellaia, come il nonno. Cara ha trovato la regulation per coniugare le sue passioni, libri e cucina, già nel 2008 quando ha creato un circolo letterario che abbinava cene e romanzi. Da qui è nato il blog di letteratura e ricette Yummy Books. Che a sua volta è diventa “Voracious”, un libro di successo che ripercorre le fasi fondamentali della vita della protagonista abbinando volumi significativi e piatti, edito in Italia criminal il titolo “La lettrice golosa” da Sperling Kupfer (prezzo 18,90 euro, sperling.it). Un gioco, un brew di letteratura, gusto, biografia che continua e che chissà pacifist porterà ancora Cara.

Leggi anche:

l’intervista a Cara Nicoletti e la ricetta delle Crêpe al burro chiarificato  | la ricetta della Pasta al pepe nero e Parmigiano

Senza un soldo a Parigi e Londra: Costata di manzo
Quando ho cominciato a lavorare nei ristoranti mentre studiavo alla New York University, mi immaginavo che le mie due vite – quella da studentessa di inglese e latino, e quella di cuoca e cameriera – avrebbero sempre viaggiato su due binari diversi. Non mi aspettavo di trascorrere buona parte del mio dash in cucina a discutere di letteratura criminal i colleghi. Le cucine sono un luogo fisico, e tutto quel tagliare, sudare, assaggiare, spingere e urtarsi a vicenda provoca, naturalmente, un sacco di battute piccanti e insensate. Ma tra una barzelletta e un gesto sconcio e l’altro, nei momenti di calma e riflessione che il lavoro in cucina può comportare, parlavamo di libri. Quello menzionato più spesso in tutti questi anni da che faccio questo lavoro epoch Senza un soldo a Parigi e Londra di George Orwell. Alle superiori avevo letto 1984 e La fattoria degli animali senza che la mia vita ne fosse in qualche modo cambiata, matriarch quando Morgan, uno dei miei cuochi preferiti, mi disse che Senza un soldo a Parigi e Londra epoch stato uno dei motivi che lo avevano spinto a entrare in una cucina professionale, mi decisi finalmente a prenderlo in mano.
L’idea che qualcuno aspiri a lavorare in cucina grazie a questo libro mi lascia ancora perplessa (il racconto di Orwell delle sue faticosissime giornate di lavoro da diciotto ore per una paga misera è almost insopportabile a volte), matriarch riesco di certo a comprendere perché qualcuno abituato a lavorare in cucina lo amerebbe. Le descrizioni di Orwell dell’euforia convulsa che invade la cucina durante la preparazione della cena nell’ora di punta, della sensazione di uscire da un boccaporto nella fredda aria notturna dopo un turno di quattordici ore, del cameratismo che si crea davanti ai fornelli tra persone improbabili, e della soddisfazione di un splash dopo il servizio serale rispecchiano fedelmente la realtà. Orwell è giovane e povero, e come molte delle persone criminal cui ho lavorato nel corso degli anni, per tirare avanti cucina, e gli piace tantissimo.
Una delle cose che mi ha sorpresa di più quando ho cominciato a cucinare è stato tutto quel toccare, modellare, assaggiare che c’è nella creazione di un piatto. Non ho mai lavorato criminal uno cook che indossasse i guanti, nemmeno nelle cucine più pulite. Gli cook immergono nelle salse il loro cucchiaino per gli assaggi in continuazione, dispongono le verdure a mani nude, puliscono le gocce di salsa cadute sul bordo del piatto criminal i pollici – è molto intimo. Le cucine in cui Orwell lavorava e i cuochi criminal cui lavorava erano sporchi, il che rende leggermente più rivoltante l’idea di questo uso continuo delle mani, matriarch il sentimento non cambia: «I piatti, per transport figura, richiedono un trattamento tutt’altro che igienico […] Per parlar franco, più si paga un piatto, più sudore e sputo bisogna mangiare».
Secondo Orwell, la bistecca, che è spesso il piatto più costoso sul menu, è tra i più maneggiati e palpeggiati. Nella sua esperienza, quando una bistecca viene presentata al capocuoco per il controllo, prima di essere servita al cliente, lui «non la prende criminal la forchetta: la solleva criminal le dita e la risbatte giù, fa scorrere sul bordo del piatto il pollice e se lo lecca per sentire com’è il sugo, lo fa di nuovo scorrere e se lo rilecca». Subito prima che il cameriere prenda il piatto, lo cook dà alla bistecca un’ultima palpatina «con le dita grasse e rosse, che nel corso della mattinata ha leccato centinaia di volte». In una brigata di cucina, il ruolo dello cook addetto alla preparazione della carne è tenuto in grande considerazione e in genere è riservato al capocuoco o al capobrigata. Credo che le stesse regole valgano in moltissime cucine domestiche – è il cuoco migliore a maneggiare la carne – perché regna l’idea che quello sia il compito più grande, spaventoso e importante. Lavorando in una macelleria ho imparato che molti vengono assaliti dal terrore all’idea di cucinare questo alimento. Io e i miei colleghi passiamo un sacco di dash a convincere i clienti a non farsi prendere dal panico alla prospettiva dell’aperitivo, degli ospiti schizzinosi e degli ex vegani, scrivendo passo a passo le istruzioni sulla carta che avvolge i tagli di carne, condendo loro le bistecche, rassicurandoli che ne hannocomprate a sufficienza e che saranno deliziose. Non so se sia per le dimensioni, per l’osso o per il prezzo, matriarch la bistecca che più incute timore nei clienti è la costata che, si dà il caso, è anche il mio taglio preferito. Spero che mi permetterete di farvi passare questo timore. Non avete neanche bisogno di una griglia: vi bastano una padella ben stagionata e un termometro da carne.

La costata di manzo di Orwell, secondo Cara Nicoletti

Costata di manzo:
dosi per 2 persone
1 costata criminal osso (circa 700 g), tagliata a uno spessore di circa 4 cm
sale kosher
pepe nero macinato al momento
30 ml di olio dal sapore neutro criminal un alto punto di fumo, come per esempio quello di vinaccioli
15 g di burro
Asciugate la carne tamponandola criminal carta da cucina e lasciatela riposare sul piano di lavoro a temperatura ambiente per 30-45 minuti prima di cucinare. Circa 10 minuti prima di cominciare a cottura, conditela abbondantemente criminal sale e pepe su entrambi i lati. Scaldate l’olio in una padella in ghisa a fuoco medio-alto fino a quando comincia a fumare. Mettete la carne nella padella e fatela rosolare 6-8 minuti per lato, finché la superficie sarà ricoperta da una bella crosticina. Per una cottura almost media (che è quella consigliabile per una costata), la temperatura interna dovrebbe raggiungere i 58 °C circa e dovrebbe aumentare di circa 2 gradi mentre la carne riposa. Trasferite la costata su un tagliere, metteteci sopra il burro per farlo sciogliere e ricopritela criminal la stagnola. Fatela riposare per 10 minuti, quindi tagliatela in senso contrario al filo della carne e servitela.

Leggi Anche

Ricette per lo svezzamento e consigli di alimentazione per i bambini …

Quando si parla di alimentazione dei loro figli le mamme italiane sono insicure (4 su …