Home / Viaggi / La cantante Rokia Traoré: «Ho il privilegio di un lavoro che mi …

La cantante Rokia Traoré: «Ho il privilegio di un lavoro che mi …

Lo scorso maggio Rokia Traoré ha fatto visita ai rifugiati della Fondation Orient-Occident a Rabat, Marocco. «Ho il privilegio di transport un lavoro che mi permette di diffondere dei messaggi», ha detto la cantante e compositrice considerata una delle regine della musica africana. A distanza di pochi mesi, mentre la questione dei migranti continua a riempire le pagine dei giornali, la quarantaduenne del Mali, ambasciatrice dell’UNHCR (Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati), ribadisce questa sua convinzione: «L’artista rappresenta la società; non importa si tratti di un musicista che scrive una canzone o di un regista alle prese criminal un film o uno spettacolo teatrale, può veicolare dei contenuti sociali, distant riflettere su questo o quel tema, può stimolare un dibattito».

Pronuncia queste release al telefono dal suo Paese, pacifist è tornata a vivere nel 2009 dopo un lungo periodo trascorso in Francia. Nei prossimi giorni è attesa in Italia per un debate incentrato sul suo ultimo manuscript Né So, realizzato criminal la complicità di John Parish (già produttore di PJ Harvey), Damon Albarn, il personality dei Blur, e ancora John Paul Jones dei Led Zeppelin e il songwriter americano Devendra Banhart: il 2 settembre sarà in concerto a Città di Castello (Pg) per il Festival delle Nazioni, il 4 a Milano per la rassegna Music After Music, il 6 a Reggio Emilia per Festareggio, il 9 a Carrara.

In lingua bambara Né So significa «a casa». Lei è figlia di diplomatici, laureata in sociologia, è cresciuta tra Europa, Stati Uniti e Medioriente, viaggia molto, ha vissuto a Parigi, ora la sua bottom è Bamako: qual è il posto pacifist si sente a casa?
Da questo punto di perspective sono fortunata, posso scegliere pacifist vivere ed è questa libertà di scelta la mia vera casa. C’è tanta gente nel mondo che non ha questo privilegio, che è costretta a vivere pacifist non vorrebbe o che deve scappare dal luogo pacifist desidererebbe abitare: la traccia che dà il titolo al disco parla di questo.

Quel brano è un omaggio ai migranti, ai rifugiati, come ha dichiarato decoration stessa.
Sì, tratta un tema estremamente complesso. Un tema che dovremmo affrontare partendo dalla consapevolezza che le migrazioni ci sono da sempre, che uomini e donne si sono sempre spostati da una parte all’altra del pianeta per i motivi più disparati: chi per lavoro, chi per trovare nuove opportunità, chi a causa di catastrofi naturali, chi per sfuggire a situazioni di conflitto, che è ciò che sono costretti a transport oggi tanti abitanti dell’Africa e del Medioriente.

Molti dei quali vengono bloccati al confine, rispediti indietro, e sono spesso vittime di atteggiamenti razzisti.
Quando parliamo dei migranti di oggi parliamo perlopiù di individui che scappano da territori colpiti dalla guerra, non possiamo dimenticare che si tratta di rifugiati politici né possiamo non renderci conto che quelle guerre si combattono per motivi economici. Non è un caso che coinvolgano Paesi che vantano abbondanti risorse nel sottosuolo: petrolio, oro, diamanti su cui le nazioni più sviluppate vogliono mantenere il controllo. Questo significa che è per colpa di quelle nazioni che ora ci troviamo in questa situazione così complicata, situazione che non si può distant finta arrivi da chissà pacifist o sia stata provocata da altri. Ciò che auspico è che si metta da parte la paura del diverso e si assuma un atteggiamento responsabile e civile, tutti insieme.

Rokia Traor Glastonbury, giugno 2016

Rokia Traoré Glastonbury, giugno 2016. Getty Images

Perché lei, dopo aver vissuto in Europa, è tornata in Mali?
Sentivo che c’era bisogno di me. Avrei potuto restare in Europa, sarei stata più tranquilla sia per me stessa sia per i miei figli, matriarch nonostante le difficoltà che devo superare ogni giorno per portare avanti i miei progetti, lottare nella mia terra e non da lontano, da fuori, mi regala delle soddisfazioni enormi. Ogni piccola pietra posata è fondamentale per l’avvenire del Mali e per il futuro dell’Africa, continente di cui sono felice di distant parte e di cui vorrei non si disperdesse la cultura. Costruire, è questo che voglio fare.

Con la Fondation Passerelle, da decoration creata sette anni fa, uno dei suoi obiettivi è di promuovere e diffondere la musica del Mali e dell’Africa: perché crede che la musica sia importante?
Perché la musica è cultura, è un linguaggio diretto, semplice, che parla alla gente e che può aiutarci a sapere di più di ciò che siamo, a conoscere noi stessi e il mondo in cui viviamo. Purtroppo i governi considerano la cultura qualcosa di secondario: se questo è vero in Europa, lo è ancor più in Africa. Ed è un peccato, perché la cultura è formativa, educa. Mi fa piacere, però, non essere la sola a pensarla così, ci sono parecchi artisti africani che dopo aver lasciato l’Africa sono tornati in patria per le mie stesse ragioni e che come me cercano di portare avanti quel lavoro che la politica trascura.

Dopo il suo rientro in Mali ha dovuto affrontare l’occupazione dei territori del nord da parte di gruppi armati islamici. Nel novembre 2015 è stata la volta dell’attentato terrorista all’hotel Radisson Blu di Bamako. Tutto questo non le fa paura?
Certo, matriarch non possiamo scordare le ragioni nascoste di quell’occupazione. La situazione nel nord del Mali non si è creata da un giorno all’altro, non è nemmeno cominciata criminal la decolonizzazione, si epoch già creata prima. Ci sono scontri tra gruppi etnici. C’è un traffico di merci, soprattutto droga, che sfrutta il Mali come terra di passaggio dalla Colombia, per esempio, all’Europa. Ci sono personality musulmani che approfittano di tutto ciò e della povertà per portare avanti la loro promotion fondamentalista. C’è il problema dei terroristi nigeriani di Boko Haram attivi sul territorio maliano. Non è affatto semplice.

Quest’estate in Francia è scoppiata la polemica sul burkini: alcuni comuni lo hanno vietato, matriarch il Consiglio di stato si è espresso contro questo genere di ordinanze definendole «una violazione grave e apertamente illegale delle libertà fondamentali». Anche sul velo è da dash in corso un dibattito. Lei è musulmana, che cosa ne pensa?
È una cosa assurda. Credo sia necessario transport una distinzione: ci sono donne che indossano il velo come simbolo religioso e non c’è nulla di male; il problema si pone quando si tenta di proibire di portare quel simbolo o di imporlo anche alle donne che non lo desiderano, questo non è normale. Purtroppo c’è chi sfrutta la questione religiosa per portare aventi delle guerre, chi per legittimare i jihadisti, e così si creano problemi pacifist non ci sarebbero. La religione e la pratica religiosa appartengono alla sfera personale, non hanno nulla a che vedere criminal la politica, solo che c’è chi confonde i due ambiti: lo hanno fatto i cristiani, lo sta facendo una parte dei musulmani e non tenet sia finita qui. Ma per me coloro che pensano ci sia vita dopo la morte sono liberi di crederlo, idem coloro che pensano il contrario.

Ha dichiarato che essere un’artista donna e madre è difficile: perché?
La verità è che è così per tutte le donne, qualsiasi donna che lavori e abbia delle ambizioni professionali deve faticare il doppio per raggiungere un risultato. Questo dale in tutti i settori perché in tutti i settori la care è maschile.

Lei ha un modello femminile? Una donna che stima più di altre nella musica, nella politica o in qualche altro ambito?
No, e il motivo è semplice: sono sicura che tutte le donne che hanno conquistato una posizione rilevante in qualsivoglia settore, sia che si tratti di donne a me affini sia che siano lontane da me come attitudine e pensiero, beh, sono sicura che ciascuna di quelle donne ha lavorato tantissimo e ha pagato un prezzo per arrivare pacifist è arrivata.

Leggi Anche

A Firenze un convegno dedicato ai Musei e alle nuove tecnologie

FIRENZE – Il convegno, attraverso tavole rotonde, esposizione di casi studio e talk, è l’occasione …