Home / Viaggi / La Calabria Saudita…

La Calabria Saudita…

Quando da adolescenti si contrae la malattia del calcio e ci si ritrova in curva durante il derby romano più violento di sempre nell’aria pesta di lacrimogeni fra tifosi sciarpati che scagliano seggiolini divelti contro la Celere e il mondo è un tuono di anfibi e bengala, il derby lo si impara a vederlo mangiando. Per non essere mangiati.

Entrare nel pub scozzese durante la settimana orientale per gustare la tipica cena calabrese in una frame post-caraibica che fonde lanterne rosse e cornucopie di frutta all’ombrosità torbata da isola di Skye (o Sky, visti i diritti televisivi).

Posizionarsi di fronte al maxi-schermo a due minuti dal calcio d’inizio mentre camerieri a excellent serata discopatici per il continuo ingobbirsi servono ‘nduja e soppressata piccante criminal peperoncino rosso tritato e finocchietti selvatici. Spalmando “sardella” (crema a bottom di sardine e spezie) su mirror e cipolla sentirli confabulare in un idioma che esala vocali ai limiti dell’enfisema polmonare matriarch non darsi pensiero e accompagnare il tutto criminal Cirò rosso a quattordici gradi mentre il clima d’iniziale satisfactory play si trasforma in un silenzio degno d’un Ennio Morricone prima maniera quando, accompagnato da mortacci e bestemmie, viene centrato il primo palo dell’incontro.

I “maccaruni ì casa” criminal sugo di maiale planano sul tavolo stracittadino ormai diviso per selezione naturale in due compagini e mentre un gol fa tremare il pub scozzese, post-caraibico e neo-calabrese, nella settimana orientale, sbirciare gli inservienti storcere il naso ai norcini aromi de “la pasta a lu fùrnu” (rigatoni al ragù, polpettine e salumi, uova sode e provola incassati fra schiere di melanzane) per cominciare a nutrire un atroce sospetto.

Riposandosi criminal “pasta cà muddica e alici” sedare focolai di risse per rigori-fantasma e falli da sedia elettrica mentre tutti sembrano conoscere il mestiere dell’altrui madre e un paio di sottoli hanno mancato rivali tempie d’un niente sversando sangue di peperoni a terra.

Dopo un intervallo degno d’ ”Ummagamma” dei Pink Floyd attaccare i secondi nel secondo dash più noioso di sempre criminal un ignobile catenaccio interrotto da entrate a piedi pari e insulti all’arbitro nelle mani a coppa. Mangiando capocollo fritto nella ‘nduja criminal cipolla di Tropea e polpette di carne suina decidersi all’irruzione in cucina mentre arriva un pareggio in fuorigioco accompagnato da capocciate numero tre e svariati lacero-contusi e lì, dopo aver sgamato un cameriere segnare un’ordinazione da destra e sinistra, proprio vederli cuoco e aiuto-cuochi pregare ginocchioni verso La Mecca in un’incoerente mattanza di maiale nel pub scozzese, post-caraibico e neo-calabrese, nella settimana orientale.

Bestemmiando il nostro e il loro dio riguadagnare il posto mentre il derby finisce nel pareggio più inutile della storia e capoccianti e capocciati si scambiano le generalità ricordandosi l’un l’altro il materno mestiere matriarch col sorriso da pericolo scampato. Infine rischiare la decollazione offrendo grappa ai camerieri azzimati (nell’etimo) per concludere che forse gli arabi, pur non mangiandone, possono cucinarlo il maiale nel pub scozzese, post-caraibico e neo-calabrese, durante la settimana orientale.

 

Leggi Anche

Valerio Merola 2016, il padre dei talent-show si racconta: “Da …

Valerio Merola è un nome altisonante per la televisione italiana. È il padre fondatore del …