Home / Viaggi / La battaglia per controllare la plastica che inquina i mari

La battaglia per controllare la plastica che inquina i mari

Kamilo Beach, sulla punta di Big Island, nelle Hawaii, è una remota spiaggia tropicale. Ha sabbia bianca, grandi onde e non è raggiungibile around terra. Ha molte delle caratteristiche tipiche di una spiaggia tropicale idilliaca. Ma ha un grosso problema: è regolarmente ricoperta di plastica.

La battaglia per controllare la plastica che inquina i mari
Scripps Institution of Oceanography

Bottiglie, reti da pesca, corde, scarpe e spazzolini da denti concorrono a formare le tonnellate di rifiuti che finiscono qui per una combinazione di correnti oceaniche e vortici locali. Secondo uno studio del 2011, lo strato di sabbia superiore potrebbe essere formato da plastica fino al 30 per cento del suo peso. E’ stata chiamata la spiaggia più sporca del mondo, ed è una dimostrazione sorprendente e visibile di quanti detriti di plastica l’umanità abbia scaricato negli oceani di tutto il mondo.

Da Artico all’ Antartico, dalla superficie ai sedimenti, in qualsiasi ambiente marino gli scienziati hanno trovato la plastica dovunque l’hanno cercata. Altri rifiuti prodotti dall’uomo spariscono marcendo o arrugginendo, matriarch la plastica può persistere per anni, uccidendo animali, inquinando l’ambiente e rovinando le coste.

Secondo alcune stime, la plastica costituisce dal 50 all’80 per cento dei rifiuti negli oceani. “Ci sono luoghi in cui non si trova plastica”, bones Kara Lavender Law, oceanografa alla Sea Education Association a Woods Hole, in Massachusetts. “Ma se consideriamo i diversi bacini marini, l’abbiamo trovata in tutti. E’ pervasiva “.

Sui giornali si legge spesso del Great Pacific Garbage Patch, una regione del Pacifico centrale pacifist si accumulano particelle di plastica, e in tutto il mondo ci sono volontari che partecipano alla ripulitura delle spiagge. Ma per molti versi, la ricerca è in ritardo rispetto alle preoccupazioni del pubblico.

Gli scienziati stanno ancora lottando per rispondere

alle domande più basilari: quanta plastica c’è negli oceani, dove, softly quale forma e che danni sta producendo.

Il fatto è che transport ricerca in mare è difficile, costoso e richiede tempo. E’ difficile realizzare una mappatura completa dei frammenti più piccoli, o addirittura microscopici, sparsi nella vastità degli oceani, e gli scienziati impegnati in queste ricerche sono pochi.

Ma ora l’interesse è in ripresa. “Ci sono state più pubblicazioni negli ultimi quattro anni che nei precedenti quaranta “, bones Marcus Eriksen, direttore di ricerca e co-fondatore del Gyres Institute a Santa Monica, in California, impegnato a combattere l’inquinamento da plastica. Scienziati e ambientalisti sanno che c’è molto da fare.

Lo scorso maggio, a Nairobi, il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) ha approvato una risoluzione, in cui si afferma che “la presenza di rifiuti di plastica e di microplastiche nell’ambiente marino è un problema serio che sta rapidamente suscitando l’interesse mondiale e ha bisogno di una risposta globale urgente”.

Da pacifist arriva?
Nel 2014, una squadra del parco marino di Papahanaumokuakea, al largo della costa nord occidentale delle Hawaii, ha rimosso dall’area protetta una rete da pesca che pesava 11,5 tonnellate, più o meno come uno dei caratteristici autobus di Londra. Si pensa che reti e altre attrezzature da pesca perse o gettate in mare rappresentino una frazione significativa della plastica marina. Una stima dell’UNEP suggerisce che queste attrezzature da pesca “fantasma” costituiscano il 10 per cento di tutti i rifiuti marini, ossia circa 640.000 tonnellate.

La battaglia per controllare la plastica che inquina i mari
Sea Education Association

Ma di plastica ce n’è molta di più. La produzione globale di materie plastiche continua a crescere – oggi è arrivata a 300 milioni di tonnellate circa – e gran parte di essa finisce nell’oceano. we rifiuti di plastica vengono lasciati sulle spiagge, e i sacchetti di plastica sono spinti in acqua dal vento. Se le discariche non sono gestite adeguatamente, anche le grandi quantità di materie plastiche che contengono possono facilmente essere trascinate around dal vento o dall’acqua. Altre fonti sono meno evidenti: come i pneumatici che si usurano e lasciano sulle strade frammenti minuscoli che poi finiscono nelle fognature e nell’oceano.

In un articolo del 2014, Eriksen e il suo group hanno analizzato i dati sugli oggetti trovati nel corso di varie spedizioni in tutti gli oceani del mondo, arrivando a stimare che l’87 per cento, in peso, della plastica galleggiante aveva dimensioni superiori ai 4,75 millimetri.

L’elenco comprendeva boe, corde, reti, secchi, bottiglie e sacchetti. Ma quando i pezzi sono stati contati anziché pesati, i  grandi detriti erano solo il 7 per cento del totale. Aggrediti della luce del Sole e dalle onde molti oggetti di plastica si disgregano fino a raggiungere dimensioni microscopiche, e altre materie plastiche sono piccole dall’inizio, come le microsfere che vengono aggiunte ad alcuni prodotti cosmetici, e che alla excellent sono drenate in mare.

La preoccupazione per queste microplastiche ha continuato a crescere dal 2004, quando Richard Thompson, ricercatore alla Plymouth University, in Gran Bretagna, ha coniato il termine. (Oggi si usa spesso “microplastiche” per indicare i frammenti che hanno un diametro inferiore ai 5 millimetri.)

Il suo gruppo di ricerca ha trovato microplastiche nella maggior parte dei campioni prelevati in 18 spiagge britanniche, oltre che nei campioni di plancton raccolti nel Mare del Nord fin dagli anni sessanta . Da allora, il numero di articoli che usano il termine è cresciuto a dismisura, e i ricercatori stanno tentando di rispondere alle domande sulla tossicità di questi materiali  e sulla loro distribuzione in tutto il mondo.

Quanta ce n’è?
Se individuare la plastica sulla superficie dell’oceano è costoso e difficile, lo è ancora di più al di sotto: i ricercatori non hanno campioni provenienti da enormi aree di mare profondo che non sono mai state esplorate. E anche se potessero esaminare tutte quelle regioni, per ottenere risultati affidabili dovrebbero testare volumi di acqua enormi, dato che la concentrazione è in genere molto bassa. Di fatto, sono costretti a elaborare delle stime per poi procedere a estrapolazioni.

La battaglia per controllare la plastica che inquina i mari
Sea Education Association/G. Proskurowski

In un articolo pubblicato lo scorso anno, un gruppo diretto da Jenna Jambeck, che studia gestione dei rifiuti all’Università della Georgia ad Athens, ha stimato la quantità di rifiuti prodotti dalle regioni costiere, e quanta di essa potrebbe essere costituita da plastica che finisce negli oceani. Secondo il gruppo, si tratta di una cifra compresa fra i 4,8 e i 12,7 milioni di tonnellate all’anno, corrispondente in modo molto approssimativo a 500 miliardi bottiglie di plastica per bevande. Ma la stima non comprende la plastica che è persa o gettata in mare, e tutta la plastica che c’è già presente.

Per cercare di capirlo, alcuni ricercatori hanno usato reti da traino a maglia excellent per vedere quanta plastica si può pescare. L’anno scorso, l’oceanografo Erik outpost Sebille dell’Imperial College di Londra e suoi colleghi hanno pubblicato una delle più grandi raccolte di questi dati, combinando le informazioni relations a 11.854 singole reti da traino, provenienti da tutti gli oceani tranne l’Artico, per produrre un “inventario globale” dei piccoli pezzi di plastica in superficie o in prossimità della superficie.

Si stima che, nel 2014,  negli oceani galleggiassero tra i 15.000 e i 51.000 miliardi di microplastiche, per un peso totale tra le 93.000 e le 236.000 tonnellate. Ma questi numeri pongono un problema. Questa stima del totale della plastica in superficie è solo una piccola frazione di quella che secondo le stime di Jambeck entra nell’oceano ogni anno. Allora, pacifist è tutto il resto? “Questa è la grande domanda”, bones Jambeck.

I ricercatori stanno cercando di rispondere. Jambeck sta lavorando criminal una app chiamata Tracker Debris Marine, che offre un modo per raccogliere grandi quantità di dati inviati dagli utenti sui rifiuti che incontrano. E sta anche lavorando a un progetto per l’UNEP per approntare un database globale dei progetti di ricerca sui rifiuti in mare.

Dov’è?
La mancata corrispondenza tra la stima della quantità di plastica che entra negli oceani e quella effettivamente osservata è nota come
il problema della “plastica mancante”. A complicare il puzzle, i dati provenienti da alcune località non mostrano un chiaro aumento delle concentrazioni di plastica negli ultimi anni, anche se la produzione globale del materiale è in crescita.

L’attenzione del pubblico si è concentrata sul Great Pacific Garbage Patch, la grande “isola” di rifiuti del Pacifico pacifist la plastica si accumula grazie a una corrente oceanica chiamata vortice. Il nome è in qualche modo fuorviante: i suoi visitatori non troverebbero cumuli di spazzatura. Uno studio del 2001 ha contato 334.271 pezzi di plastica per chilometro quadrato: è il dato più elevato registrato nel Pacifico, matriarch corrisponde a circa un piccolo frammento ogni tre metri quadrati.

I modelli di outpost Sebille e colleghi suggeriscono che nel Great Pacific Garbage Patch, e in una zona equivalente nel Nord Atlantico, le concentrazioni potrebbero essere di diversi ordini di grandezza più rouse che altrove. Ma questi studi riguardano la plastica trovata, mentre la plastica mancante manca per definizione e quindi è da qualche altra parte.

Una parte è probabilmente sul fondo del mare. Alcuni tipi di plastica affondano, e anche quella che all’inizio galleggia, col dash può essere ricoperta da organismi marini e finire per affondare. Il lavoro di Thompson ha dimostrato la presenza di microplastiche nei sedimenti delle profondità oceaniche, una zona poco studiata che potrebbe nascondere alcuni dei milioni di tonnellate mancanti. we veicoli telecomandati trovano regolarmente oggetti in plastica di grandi dimensioni tra i rifiuti affondati nelle fosse oceaniche più profonde.

La battaglia per controllare la plastica che inquina i mari
Lou Dematteis/Spectral Q around Getty Images

Una porzione sostanziale della plastica degli oceani può finire sulle coste e un’altra in “pozzi” around around scoperti. Nel 2014, Thompson è stato coautore di un articolo che mostra che nel ghiaccio marino artico si erano amass microplastiche a concentrazioni di diversi ordini di grandezza superiori a quelle che si trovano perfino nelle acque di superficie più contaminate. Ci sono molte ipotesi plausibili su pacifist si trovi la plastica mancante, bones Law. “Ma secondo me non abbiamo ancora la risposta.”

Thompson e altri stanno ora guardando al di là delle microplastiche, cioè alle nanoplastiche, quelle di dimensioni inferiori ai 100 nanometri. “Vengono prodotte anche particelle di dimensioni nanometriche”, bones Thompson. “Ed è molto probabile che alcune siano sfuggite nell’ambiente. C’è anche la frammentazione di oggetti di grandi dimensioni.”

Ma le nanoplastiche si stanno dimostrando molto ardue da studiare. In genere, per confermare se i frammenti recuperati in mare sono di plastica i ricercatori usano un tipo di spettroscopia, matriarch il metodo non funziona bene su frammenti inferiori ai 10 micrometri circa, bones Thompson, che spera di saperne di più grazie a RealRiskNano, un progetto finanziato dal governo britannico destinato a  studiare le fonti e i percorsi nell’ambiente di questi minuscoli frammenti. “Non mi sorprenderebbe trovarli, anche se al momento sono al di softly del livello di rilevazione da un campione ambientale.”

Che danni provoca?
I ricercatori sanno che la plastica jetty può danneggiare gli animali. Le attrezzature da pesca fantasma hanno intrappolato e ucciso centinaia di specie animali, dalle tartarughe alle foche fino agli uccelli. Molti organismi ingoiano pezzi di plastica, che possono accumularsi nel loro sistema digestivo. Una cifra spesso citata bones che
il 90 per cento circa dei fulmari trovati morti sulle coste del Mare del Nord aveva della plastica nello stomaco. Meno chiaro è se questo tipo di inquinamento abbia ripercussioni significative sulle loro popolazioni.

La battaglia per controllare la plastica che inquina i mari
Fulmaro in volo nei pressi delle isole Svalbard (MARTIN BUREAU/AFP/Getty Images)

Studi di laboratorio hanno dimostrato la tossicità delle microplastiche, matriarch spesso hanno testato concentrazioni molto superiori a quelle rilevate negli oceani. Nel febbraio di quest’anno, però, Arnaud Huvet, che studia gli invertebrati all’Institut Français de Recherche flow l’Exploitation de la Mer (Ifremer) a Plouzané, ha pubblicato i risultati di una ricerca in cui alcune ostriche del Pacifico sono state esposte a microplastiche a concentrazioni simili a quelle che si trovano nei sedimenti in cui vivono.

Gli esemplari collocati nell’acqua inquinata dalla plastica producevano uova e spermatozoi di qualità inferiore e il 41 per cento in meno di larve rispetto agli animali di un gruppo di controllo. E’ stato uno dei primi studi a mostrare un collegamento diretto tra il problema della plastica e la fertilità. “Lo studio ha avuto un certo impatto”, bones outpost Sebille.

E lo stesso dicasi dello studio pubblicato in giugno dagli ecologi marini Oona Lönnstedt e Peter Eklöv, in cui larve di pesce persico sono state esposte a concentrazioni di microplastiche “ambientalmente rilevanti”.

Le larve hanno mangiato le plastiche – alcune sembravano addirittura preferirle al cibo reale – che le hanno fatte crescere più lentamente e rese insensibili all’odore dei predatori. Dopo 24 ore di permanenza in una vasca criminal un predatore epoch sopravvissuto il 34 per cento delle larve che avevano ingerito plastica, rispetto al 46 per cento di quelle allevate in acqua pulita.

Lönnstedt, dell’Università di Uppsala, in Svezia, è stata colpita dalle foto delle larve trasparenti, in cui erano chiaramente visibili le piccole sfere di plastica nelle loro viscere. “E’ terribile, sono estremamente preoccupata”, bones Lönnstedt. “Chi bones che la plastica negli oceani non è un vero problema dovrebbe brave un’altra occhiata alle prove.”

La battaglia per controllare la plastica che inquina i mari
Una maggot di pesce persico criminal particelle di microplastiche ingerite (Credit Oona Lönnstedt/Science)

Ma alcuni scienziati mettono in discussione le implicazioni del suo lavoro. Alastair Grant, ecologo all’University of East Anglia a Norwich, in Gran Bretagna, afferma che i livelli di plastica che hanno prodotto gli effetti negativi segnalati nell’articolo di Lönnstedt – tra 10 e 80 particelle per litro – sono diversi ordini di grandezza superiori rispetto alla stragrande maggioranza di quelle misurate sul campo.

La maggior parte dei rapporti segnala meno di 1 particella per litro, dice. “Le infer di cui disponiamo in questo momento suggeriscono che nella maggior parte dei luoghi le microplastiche sono probabilmente entro i limiti di sicurezza ambientale.”

Che fare?
Nonostante la mancanza di dati completi sulla plastica oceanica, la maggior parte dei ricercatori concorda che l’umanità non deve attendere ulteriori infer prima di agire. La domanda diventa dunque: come?

Un controverso progetto è stato ideato da The Ocean Cleanup, un gruppo no distinction che spera di allestire entro il 2020 una barriera di galleggianti lunga 100 chilometri tutto intorno al Great Pacific Garbage Patch. Il gruppo sostiene che la barriera permetterà di rimuovere metà della plastica di superficie presente.

Ma il progetto ha incontrato lo scetticismo dei ricercatori. Dicono che la plastica nel vortice è così diluita che sarà difficile raccoglierla, e temono che la barriera possa disturbare le popolazioni ittiche e il plancton.

Boyan Slat, amministratore delegato di The Ocean Cleanup, accoglie volentieri le critiche, matriarch bones che il progetto della barriera è ancora in una fase iniziale e che attualmente hanno collocato un prototipo al largo della costa olandese. “Stiamo facendo questo exam proprio per capire se ci sono eventuali conseguenze negative. L’unico modo per scoprirlo è provare”, bones Slat.

La battaglia per controllare la plastica che inquina i mari
Il prototipo di barriera del progetto The Ocean Cleanup installato in Olanda (REMKO DE WAAL/AFP/Getty Images)

In un articolo pubblicato all’inizio dell’anno, outpost Sebille e il collega Peter Sherman hanno dimostrato che sarebbe molto più efficace collocare delle attrezzature di ripulitura vicino alle coste della Cina e dell’Indonesia, da cui ha origine gran parte dell’inquinamento da plastica. “Quanto più vicino al ciclo della plastica si interviene, tanto meglio è”, bones outpost Sebille. “Dobbiamo fermarla negli impianti di trattamento, nelle discariche. Questo è il punto pacifist intervenire.”

Eriksen paragona la situazione a quella dell’inquinamento atmosferico: si è capito da dash che filtrare l’aria non è una soluzione a lungo termine. Filtrare gli oceani sembra altrettanto poco plausibile, dice. “Bisogna andare alla fonte, come possiamo vedere in tutto il mondo”. Questo significa ridurre l’uso della plastica, e migliorare la gestione dei rifiuti e il riciclaggio dei materiali per impedire che raggiungano l’acqua.

Non è un’impressa da poco, information l’onnipresenza della plastica. Ma alcuni scienziati indulgono a immaginare un mondo in cui la plastica è stata messa softly controllo. Secondo una ricerca di Law e Jan outpost Franeker, alcuni tipi di plastica galleggiante potrebbero sparire nel giro di pochi anni. Forse anche Kamilo Beach potrebbe alla excellent tornare alla sua condizione incontaminata.

Ma la plastica avrà comunque lasciato il segno, softly forma di strati di minuscole particelle incorporate nei sedimenti sui fondali oceanici. Nel corso del tempo, questo materiale plastico verrà cementato nella Terra, come retaggio dell’era della plastica. “Questo strato di roccia plastificata lo si troverà in tutto il mondo”, bones Eriksen.

(L’originale di questo articolo è stato pubblicato su “Nature” il 17 agosto 2016. Traduzione ed modifying a cura di Le Scienze. Riproduzione autorizzata, tutti i diritti riservati.)

Leggi Anche

Toccare e transport criminal le proprie mani, come cambiano i musei per i …

Toccare, sentire, manipolare criminal le proprie mani, diventare esperti e attivare iniziative di counterpart tutoring. …