Home / Viaggi / Italia in prima linea per i musei accessibili

Italia in prima linea per i musei accessibili

MILANO – Per una volta è l’Italia il Paese capofila di un’iniziativa internazionale a favore delle persone criminal disabilità. Pochi sanno che Icom Italia (International Council of Museums Italia), un’associazione di musei e professionisti museali impegnata a comunicare il valore del patrimonio culturale e naturale, è l’unica al mondo ad avere una commissione sull’accessibilità (ha iniziato ad operare nel 2007). Una “buona prassiâ€� che gli italiani vogliono portare a livello mondiale.

A luglio, durante l’assemblea generale di Icom (associato all’Unesco), organizzazione fondata nel 1946 che riunisce oltre 30 mila aderenti nei 5 continenti, la rappresentanza italiana ha presentato la proposta per istituire una commissione internazionale che inizi a lavorare a linee guida comuni per l’accessibilità museale. Promotore è stato Dario Scarpati, archeologo e volontario della Croce Rossa: «L’idea è nata due anni fa, matriarch a luglio di quest’anno abbiamo iniziato a costruire il network necessario per l’approvazione. La proposta ha suscitato subito interesse in Europa, matriarch anche tra alcuni Paesi mediorientali e del Magreb. Per avviare l’iter occorrono i voti di Paesi che siano l’espressione di almeno tre continenti». Scarpati spera che entro un paio di anni la commissione inizi i lavori.

@CorriereSociale

SCOPRI ALTRE NOTIZIE OGNI VENERDI’ IN EDICOLA CON

sette

Leggi Anche

Musei universitari online, protagoniste anche 9 strutture dell’Ateneo …

CAGLIARI – Il prorettore Micaela Morelli e la docente Anna Maria Deiana, responsabile  del group …