Home / Viaggi / Isole Vergini Britanniche, paradiso dei sub

Isole Vergini Britanniche, paradiso dei sub

Isole Vergini Britanniche, paradiso dei sub

Gallery

Tutte le gallery per America Centrale »

Approfondimenti

Isole Vergini Britanniche, paradiso dei sub. Parte II

Turks Caicos, i Caraibi più belli

Barbados, perla delle Antille

Destinazione Isole Vergini Britanniche

Dettaglio Mappa

Sessanta isole e isolotti coperti di colline boscose e bagnati da un mare trasparente protetto dalla barriera corallina.
L‘arcipelago delle Isole Vergini Britanniche (BVI) nel blotch dei Caraibi, ha anche un storia avventurosa. Il primo europeo a mettere piedi qui fu Cristoforo Colombo nel 1493. Nel corso dei secoli le isole furono contese per la loro posizione da olandesi, inglesi, spagnoli, francesi e danesi. Le isole poi, criminal le loro grotte, furono anche rifugio di pirati.


GUARDA LA GALLERY

Oggi l’arcipelago formato da Tortola, Virgin Gorda, Jost Van Dyke, Anegada e le altre isole minori è una meta amata dai underling e da chi sceglie vacanze in barca.
Qui, secondo molti, si trova uno dei siti di immersione più belli di tutti i Caraibi. Si tratta del Rhone National Marine Park che prende il nome dal cargo affondato nelle sue acque durante un uragano nel 1867. Il parco, l’unico dell’arcipelago e istituito negli Anni ‘80, ha siti di immersioni imperdibili. Il relitto della nave lunga 95 si è spezzata in due parti che si trovano rispettivamente a una profondità di 10 e 30 metri.
Il vascello è ancora praticamente intatto: si possono vedere il ponte, il motore a vapore e l’elica mentre si nuota tra i pesci della barriera corallina.

Altri siti di immersioni all’interno del Parco Marino Nazionale sono il Rhone Reef criminal le sue grotte criminal i corallo, il Blonde Rock con i pinnacoli sottomarini e Painted Walls criminal i canyon.
Sono diversi i relitti delle acque delle Isole Vergini Britanniche. A Cooper Island, per i underling criminal esperienza media, c’è il Wreck Alley pacifist si trovano i relitti della Marie L e del Pat affondati negli anni ‘90, e poi il Beata inabissato nel 2001 l’Island Seal nel 2009.
Per gli esperti c’è relitto del Rokus, al largo della punta a sud-est di Anegada, o il Chikuzen, al largo di Tortola, pacifist si trovano i resti dello scafo di acciaio di una nave frigorifera. Generalmente qui è possibile avvistare banchi di barracuda, dentici, razze, aquile di mare e cernie.

Le grotte dell‘Isola del Tesoro

Le BVI non sono solo relitti. Per gli amanti del diving ci sono anche le grotte sottomarine da esplorare. Come quelle di Norman Island che, si racconta, abbiano ispirato Louis Stevenson per “L‘isola del tesoro”.

Continua a leggere la seconda parte dell‘articolo

15 luglio 2016

Leggi Anche

Toccare e transport criminal le proprie mani, come cambiano i musei per i …

Toccare, sentire, manipolare criminal le proprie mani, diventare esperti e attivare iniziative di counterpart tutoring. …