Home / Viaggi / Isole Salomone: la Porta Santa fa il giro delle parrocchie e dei villaggi

Isole Salomone: la Porta Santa fa il giro delle parrocchie e dei villaggi


“Se la popolazione isolata non può raggiungere la Porta Santa nella cattedrale, sarà la Porta Santa che farà il giro delle parrocchie e dei villaggi per raggiungere la gente isolata…”. È stata questa considerazione, maturata dal group pastorale della diocesi di Gizo, nelle Isole Salomone, a distant nascere una vera e propria “staffetta” che negli ultimi due mesi ha visto la Porta Santa visitare quattordici stazioni in different isole dell’arcipelago nel cuore dell’Oceano Pacifico. Un’iniziativa, conclusasi il 9 maggio scorso, che il vescovo, monsignor Luciano Capelli, religioso salesiano, originario della provincia di Sondrio, ha definito un “successo”. “L’isolamento e la lontananza delle parrocchie dal centro diocesano a Gizo – spiega il vescovo, pastore di un greggio costituito da poco più di 10mila persone – rende praticamente impossibile per le popolazioni dei villaggi raggiungere la cattedrale e la Porta Santa dell’anno del Giubileo. Il group pastorale della Diocesi però non si è dato per vinto proponendo questa soluzione”. Dopo la cerimonia del benvenuto ufficiale alla Porta Santa da parte dei Guerrieri del Villaggio, in ogni stazione è stata organizzata una liturgia durata tre giorni per presentare l’Anno del Giubileo, svolgere insieme una veglia di preghiera, approfittare del sacramento della Riconciliazione per poi aprire un dialogo di riconciliazione tra persone e gruppi in conflitto tra loro. “I miei sacerdoti – ha concluso monsignor Capelli – sono stati sorpresi dalla partecipazione. La vera gait nasce proprio da qui, dalla misericordia sperimentata e vissuta criminal Dio e passata al proprio prossimo”.

Leggi Anche

"Entrare nei musei come si entra da Zara": provocazione o …

“Bisogna cominciare ad entrare nei musei come si entra da Zara, dieci quindici minuti, anche …