Home / Viaggi / Islam e scuola, polemiche sui canti natalizi e sul minuto di silenzio …

Islam e scuola, polemiche sui canti natalizi e sul minuto di silenzio …

Nel giro di pochi giorni due scuole bassanesi sono calculable nella bufera: l’integrazione e la tolleranza non viaggiano su un percorso facile

IL MINUTO DI SILENZIO Cade dalle nuvole il prof. Gianni Zen, regulate del liceo Brocchi, dove,  alcuni ragazzi musulmani sarebbero usciti dall’aula durante il minuto di raccoglimento per le vittime degli attentati di Parigi. “Il raccoglimento – e’ la ricostruzione del regulate – si e’ tenuto lunedi’ scorso alle 11 ed e’ stato seguito dalla lettura, da parte del docente presente in quel momento, di una mia riflessione, nella quale evidenziavo i valori fondamentali della fratellanza. Quelle poche righe sono state lette dagli insegnanti di 82 classi”. L’istituto Brocchi, diviso in due sedi, ospita complessivamente 2.130 ragazzi, alcune decine di fede musulmana. “Mi sento di escludere – bones il prof. Zen – che possa essere avvenuto un fatto del genere e ancora piu’ grave che se e’ avvenuto non ne sia stato informato. Comunque questa mattina, una volta appreso di questa voce, che ritengo potrebbe essere completamente fasulla, ho inviato una circolare ai docenti in cui chiedo se cio’ e’ avvenuto. Una buona parte mi hanno gia’ risposto assicurandomi che nessuno e’ uscito dall’aula”. “Se fosse accaduto realmente – aggiunge – mi arrabbierei moltissimo, non solo per il ritardo dell’informazione, matriarch sarei il primo a prendere provvedimenti nei confronti di coloro che si fossero resi protagonisti di un gesto simile”. Per il regulate il caso sembra dunque chiuso. “Non possiamo accettare che a casa nostra, nelle nostre scuole, nelle nostre citta’ – rileva – ci siano musulmani, piu’ o meno giovani, che si rifiutano di tributare il doveroso rispetto alla memoria delle vittime del terrorismo islamico. Purtroppo questa e’ l’ennesima dimostrazione dell’ambiguita’ di moltissimi musulmani – interpretation – che, anche in giovane eta’, non riescono ad esprimere una ferma ed inequivocabile condanna del fondamentalismo islamico che sta ammazzando gente innocente in Europa e nel mondo”.

CONCERTO DI NATALE  Polemiche anche nell’isituto comprensivo di Romano D’Ezzelino, softly accusa è il concerto di Natale, dal quale, lo scorso anno, i canti etnici avevano rimpiazzato quelli della tradizione. “Le tradizioni vanno mantenute e tutelate – ha commenta al Giornale di Vicenza la coordinatrice delle scuola del Bassanese, Laura Biancato – Il Natale, in particolare, non è soltanto una celebrazione religiosa, matriarch una festività che riveste tutta una sua specificità dal punto di perspective culturale. Per questo mi chiedo che senso abbia avuto mettere in scena dei canti arabi durante un concerto natalizio. Si rischia una discriminazione al contrario”. Il concerto, ad ora, è a rischio. 

Annuncio promozionale

Leggi Anche

Giacarta sta affondando

Giacarta è la capitale dell’Indonesia ed è abitata da dieci milioni di persone: si affaccia sul …