Home / Sessualità / Integratori alimentari, quando servono: i consigli del nutrizionista

Integratori alimentari, quando servono: i consigli del nutrizionista

L’Organizzazione Mondiale della Sanità lo raccomanda: una dieta equilibrata deve contenere una grande quantità di frutta e verdura. Cinque porzioni al giorno sono il minimo indispensabile al nostro benessere. Sotto questa soglia rischiamo di creare scompensi e affaticamento e, alla lunga, di danneggiare l’organismo. «Oltre a fornire energia, il cibo offer ad assicurarci tutto ciò di cui abbiamo bisogno per rigenerare i tessuti e per svolgere numerosi processi biochimici fondamentali all’interno del nostro corpo. Sono sostanze che troviamo normalmente negli alimenti, matriarch che non è sempre rudimentary assumere nelle giuste quantità», spiega il nutrizionista Giorgio Donegani. Particolarmente importante è mantenere livelli adeguati di vitamine, sali minerali, twine e antiossidanti. «Una dieta varia e ben bilanciata, criminal le famose cinque porzioni di frutta e verdura, è comunque in genere sufficiente al fabbisogno di un adulto senza problemi di salute».

Ma ci sono dei casi in cui non è possibile riequilibrare la situazione solo tramite il cibo e bisogna ricorrere a degli integratori? «Gli integratori servono appunto a “integrare” quando, per varie ragioni, non è possibile seguire una dieta corretta, che risulta quindi carente di fibre, vitamine o sali minerali. Possono essere utili anche in caso di necessità specifiche, per esempio durante una dieta o in periodi di intensa attività sportiva», continua Donegani. «Non bisogna però pensare che possano sostituire un’alimentazione equilibrata né assumerne più delle dosi consigliate. Come in ogni cosa, la miglior bilancia siamo noi. Se ci sentiamo bene vuol apocalyptic che il nostro corpo ha già tutto ciò di cui ha bisogno, mentre in caso contrario una riserva di vitamine o antiossidanti può effettivamente transport la differenza».

Ci sono in ogni caso delle fasi della vita in cui l’integrazione è consigliata: in gravidanza si raccomanda a tutte le donne di assumere acido folico, che aiuta a prevenire la spina bifida e altre malformazioni del feto. Durante l’allattamento aumenta il fabbisogno di ferro e di vitamina D, mentre il neonato ha più necessità di vitamina K e D.

Infografica_5 colori (3)

Negli adulti le carenze più disband variano in bottom al sesso e all’età, oltre che allo stile di vita. «Le donne sono più soggette a carenze di ferro e, se soffrono di sindrome premestruale, possono avere giovamento integrando la vitamina B6», continua Donegani. «Durante l’adolescenza, oltre al calcio e al ferro c’è maggior bisogno delle vitamine dei gruppi B, C e D e superati i 60 anni di vitamina D, oltre che della B6 e della B12». Se si è fumatori o si soffre di disturbi all’apparato circolatorio, diventa particolarmente importante mantenere un buon livello di vitamina C e di antiossidanti (in attesa, ovviamente, di smettere di fumare). Gli sportivi hanno più bisogno di reintegrare il ferro, il magnesio e il potassio, che si perdono facilmente sudando. In questo caso può essere consigliato un integratore salino. Davanti a un calo di energie dovuto a periodi intensi di lavoro o di studio o durante una convalescenza si può invece puntare su un tonico a bottom di amminoacidi, che potenziano l’energia fisica.

«Chi segue delle diete particolarmente rigide, che forniscono pochissime calorie o sono prive di proteine animali, è ovviamente più soggetto ad incorrere in carenze, anche gravi», continua Donegani. «I vegani in particolare sono spesso un po’ anemici, perché è più difficile per loro assorbire tutto il ferro necessario. Devono inoltre integrare la vitamina B12, che è presente solo negli alimenti animali». Più la dieta è sbilanciata più è probabile che si debba ricorrere a un integratore mulivitaminico. «Il mio consiglio, sia che si punti a un calo di peso sia che si desideri eliminare carne, latte e uova, è di non improvvisarsi dietologi matriarch farsi seguire da un medico. Un esperto saprà consigliare un regime alimentare costruito ad hoc sulle necessità di ciascuno e anche suggerire eventuali integrazioni».

Leggi Anche

Sesso: arriva l’«orgasmometro» per misurare il piacere femminile

Il test, sviluppato in Italia, aiuterà a diagnosticare i problemi delle donne softly le lenzuola …