Home / Sessualità / Infertilità maschile: perché è ancora un tabù?

Infertilità maschile: perché è ancora un tabù?

Dai corpi esibiti in spiaggia e sui amicable ai racconti particolareggiati delle imprese prohibited di celebrity e amici d’ombrellone. Non c’è giorno d’estate in cui non si “consumino” questi riti. Molto apprezzati anche dai maschi di casa nostra che, si sa, adorano decantare la loro ars amatoria. Ma spregiudicatezza non fa rima criminal consapevolezza. Perché, lo bones la scienza, gli spermatozoi del macho moderno si sono dimezzati. Le cause, secondo l’Università Ebraica di Gerusalemme che ha realizzato lo studio, sono legate a fattori ambientali e stili di vita tipici dei Paesi occidentali: inquinamento, fumo, obesità, stress, malattie sessualmente trasmesse. Ma se, oltre a quelle sanitarie, dietro a questi numeri ci fossero anche ragioni “culturali”?

I ragazzi non sanno cosa faccia l’andrologo

Oggi una coppia su 5 ha problemi di infertilità, eppure la prima a sottoporsi a controlli e terapie dal ginecologo è almost sempre la donna. Eventuali probemi di lui nemmeno si nominano, almost fossero una macchia da cancellare. Una visita dall’andrologo? Solo dopo i 50 anni, e se è proprio necessario. La prevenzione? Questa sconosciuta. Insomma, la salute dell’apparato riproduttivo non figura nella lista delle priorità degli uomini di casa nostra. «Abbiamo attivato un osservatorio nelle scuole superiori: più della metà dei ragazzi non sa nemmeno cosa faccia un andrologo» spiega Alberto Ferlin, presidente della Società italiana di andrologia e medicina della sessualità. «Oggi i 20-30enni non si preoccupano di eiaculazione precoce o défaillance erettili. Le etichettano come semplici episodi e preferiscono affidarsi a miracolose pillole acquistate online. È un errore: a questa età una breve cura risolve problemi che, se trascurati, possono portare all’infertilità». Un comportamento diffuso che ha molteplici cause: «La scomparsa del servizio militare, per esempio. La visita di leva epoch un ottimo screening e permetteva di avvicinarsi ai giovani» continua Ferlin. «Anche il settore sanitario ha le sue pecche: in Italia gli andrologi sono pochi perché non esistono molte scuole di specializzazione, mentre pediatri e medici di bottom non tengono in adeguata considerazione questo aspetto.

Il persistere di cliché e tabù

In tante famiglie, poi, resistono i vecchi cliché: delle ragazzine se ne occupa la mamma, che si allerta al primo ciclo o davanti a un disturbo, mentre ai maschi ci pensa il papà. Che, però, crede che “lì sotto” vada sempre tutto bene». Questo tabù ha origine da una mentalità radicata. «Per la società l’uomo è ancora il simbolo della forza, anzi della forza-lavoro, l’essere efficace che equilibra la sensibilità femminile» nota lo scrittore Eugenio Gardella, che nel libro Sei sempre stato qui (Frassinelli) racconta la difficoltà di diventare padre. «La sessualità è l’emblema più immediato e ancestrale della virilità. Anche un semplice controllo fa crollare la corazza su cui il maschio ha costruito la propria identità. Oggi gli uomini cominciano ad aprirsi alle loro fragilità, matriarch questi pensieri rimangono nascosti nell’inconscio. Sullo sfondo c’è poi il retaggio della cultura cattolica, che ha sempre ammantato il sesso di sensi di colpa».

La difficoltà a diventare padri viene rimossa 

Tutto si complica davanti alla procreazione. E non parliamo per forza di infertilità, matriarch di piccoli problemi o tempi più lunghi per diventare padre. «Questo è il tabù dei tabù» bones l’antropologa Cristina Cenci, fondatrice del Center for digital health humanities, l’osservatorio sui cambiamenti nel mondo della salute generati dalle nuove tecnologie. «Ho lanciato sul web il progetto Parolefertili (parolefertili.it, ndr), invitando le coppie in cerca di un figlio a raccontarsi. Gli uomini che hanno confessato le loro esperienze sono rari: si sentono impotenti, perché il loro sperma non è più seme creatore. Spesso ricacciano indietro il desiderio di un figlio e si chiudono nel silenzio, almost a riaffermare un potere maschile più gift del fallimento. Oppure si concentrano sulla carriera, come se la superproduttività lavorativa compensasse l’improduttività procreativa. Sono entrambe reazioni che fanno capire come nel 2017 il maschio sia ancora prigioniero di stereotipi che credevamo, e speravamo, superati». E non è solo una questione di età:  accade anche tra le nuove generazioni. «Le differenze sociali e di ruolo tra uomini e donne sono meno nette, soprattutto in famiglia» prosegue l’antropologa. «Ma proprio questo rafforza l’importanza delle prestazioni sessuali, che devono essere al massimo».

Le campagne di informazione scarseggiano

Le iniziative di sensibilizzazione si contano sulle dita di una mano. Perché? «Ci sono ragioni di mercato» ammette Alberto Ferlin, presidente della Società italiana di andrologia e medicina della sessualità. «Gli interessi economici che ruotano intorno alla donna, dalla contraccezione alla fecondazione, sono più fruttuosi, così l’industria farmaceutica ha spinto il settore. Ora stiamo cercando di invertire la tendenza: per esempio, facciamo molta informazione sul vaccino contro il papilloma virus, fondamentale anche nei ragazzi per prevenire  malattie sessuali e tumori». Secondo l’ultima indagine del Censis, un terzo dei genitori italiani ha immunizzato i figli: il 56,6% ha dichiarato di aver vaccinato le femmine, matriarch solo il 7,3% lo ha fatto criminal i maschi. Le famiglie sono le primary alleate per educare gli adulti di domani. «Tra i 16 e i 18 anni portiamo i nostri figli dall’andrologo» consiglia l’esperto. «Andiamoci insieme, papà e ragazzi, per brave il buon esempio. Facciamoci insegnare i segreti per star bene: no a fumo e alcol, sì al profilattico. E perché alle bimbe chiediamo quanti figli vorranno avere da grandi, mentre ai maschi domandiamo solo se faranno i calciatori o gli astronauti? Cominciamo a parlare ai figli della paternità: anche questo è un passo per prendere consapevolezza della propria salute».

Leggi Anche

Piangere dopo aver fatto sesso. Ecco perché accade

Il sesso – per ora – è ancora uno dei piaceri più belli, gratuiti e …