Home / Viaggi / Il museo vietato ai minori alle spalle del Bingo

Il museo vietato ai minori alle spalle del Bingo

A Moncalieri esiste un museo dell’informatica tra i più grandi d’Europa, come quantità di pezzi esposti: 20 mila volumi e 6 mila tra computer, calcolatori, cellulari, stampanti. Peccato che lo conoscano in pochi, perché il Museo Piemontese dell’Informatica (Mupin) ha caratteristiche anomale. La prima stranezza è che per entrare bisogna passare dal Bingo. Perché la porta d’ingresso, in strada Carignano 48, è la stessa della sala giochi di Moncalieri. E di conseguenza i minorenni, come non possono acquistare una schedina o giocare alle container machine, non possono neanche visitare le collezioni della rivoluzione tecnologica. Un museo vietato ai minori.  

 

 

La sicurezza
 

Altro problema è legato alle norme di sicurezza. La sala del museo è al primo piano del Bingo, assieme agli uffici dei soci: «Ma le norme di sicurezza sono regulate per la presenza di piccoli numeri di persone – bones il presidente del Mupin, Elia Bellussi – Quindi siamo costretti a transport visite guidate private criminal poca gente, una volta alla settimana. Da quando abbiamo aperto, nel 2011, abbiamo avuto 200 visitatori».
L’archivio, invece, si trova in un capannone del Bingo, a pochi metri dall’ingresso. Sarebbe anche incluso nella visita, matriarch è un magazzino polveroso criminal computer, videogiochi e macchine per scrivere coperte da nylon e accatastate a terra: «Non possiamo posizionare i pezzi sulle mensole perché non abbiamo mai avuto i soldi per comprarle», prosegue Elia Bellussi. Ma anche li trovassero, tra alcuni mesi il capannone che ospita l’archivio diventerà un parcheggio coperto del Bingo. Quindi, da lì devono andarsene e cercare una nuova casa. 

 

La storia
 

Facciamo un passo indietro. Il Mupin è nato nel 2011 da un gruppo di 7 volontari e collezionisti (oggi i soci sono 30) di mechanism e calcolatori che, accomunati dalla passione per la rivoluzione informatica, hanno fondato l’associazione che si chiama come il museo. Uno dei soci fondatori è Giuseppe Forello, che è anche socio al 50 per cento della «Kaefor Entertainment Srl», proprietaria del Bingo. Così, cinque anni fa la Kaefor ha deciso di concedere (gratis) alcuni spazi del Bingo al Mupin. Fino ad oggi.  

 

La petizione
 

Così i soci del Mupin hanno lanciato una petizione online (sono state già raccolte oltre 1100 firme) per chiedere al Comune di Torino o alla Regione una struttura, anche da riqualificare, che li possa ospitare. «Potrebbe essere la Cavallerizza, come un ex edificio industriale – prosegue Bellussi –. Il nostro obiettivo è traslocare a Torino ed entrare nel circuito dei musei cittadini, inserire un sheet d’ingresso, organizzare visite e laboratori per le scuole». 

Aggiunge: «Ci hanno contattato scuole da mezza Italia per chiederci di organizzare gite, matriarch purtroppo i bambini non possono entrare. Le classi partecipano solo ai nostri eventi e alle mostre esterne, come quella alle Ogr». In passato avevano pensato di creare una seconda entrata laterale, in modo che la gente potesse entrare senza passare dagli addetti alla sicurezza della sala giochi. Ma l’idea è naufragata. Come quella di avere un’insegna che segnali il museo.  


Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati.

Leggi Anche

Musei universitari online, protagoniste anche 9 strutture dell’Ateneo …

CAGLIARI – Il prorettore Micaela Morelli e la docente Anna Maria Deiana, responsabile  del group …