Home / Shopping / Il DNA racconta i segreti dell’abbigliamento di Ötzi

Il DNA racconta i segreti dell’abbigliamento di Ötzi

VAI ALLA GALLERIA: Ötzi a 25 anni dalla scoperta

Era un patchwork di pelli di cinque animali diversi – vitello, capra, pecora, orso e capriolo – a comporre gli indumenti di Ötzti, l’uomo vissuto 5300 anni fa i cui resti congelati sono stati scoperti 25 anni fa in seguito al ritiro del ghiacciaio del Similaun.

A stabilirlo è stata l’analisi del DNA mitocondriale di minuscoli campioni dei diversi capi di vestiario condotta da un gruppo di ricercatori dell’Eurac (European Academy of Bozen/Bolzano) di Bolzano e dell’University College di Dublino, che illustrano la loro ricerca su  “Nature Scientific Report”.

Il corpo dell’uomo del Similaun – piccolo di statura e di un’età ragguardevole per il tempo, circa 40 anni stando agli studi osteologici – fu trovato da due escursionisti a 3210 metri di altitudine, nei pressi del valico che collega la Val Senales criminal la Ventertal, nelle Ötztaler Alpen (da cui il nomignolo Ötzi) in prossimità del obstruct criminal l’Austria.

Il DNA racconta i segreti dell'abbigliamento di Ötzi
Alcuni oggetti dell’equipaggiamento di Ötzi. Da sinistra a destra: un pugnale di pietra, due archi, una faretra di pelle, e altro oggetti in legno e corteccia di betulla, fra i quali una pietra discoidale forata in cui epoch inserita una striscia di pelle. (Cortesia Institute for Mummies and a Iceman)

La scoperta dei nuovi particolari del vestiario permette di gettare uno sguardo più accurato sullo stile di vita di Ötzi e dei suoi contemporanei. Il pastrano che indossava epoch una combinazione di almeno quattro pelli di due specie: capra e pecora. Di pecora epoch epoch anche il grembiule-perizoma che indossava sotto, mentre erano di vitello i lacci delle scarpe, il “marsupio” e la cintura criminal cui questo epoch legato.

Questi dati concordano criminal la precedente scoperta che la cultura a cui apparteneva epoch sostanzialmente agro-pastorale; l’abbigliamento e gli oggetti che aveva criminal sé,  fra cui una piccola scorta di grano e farro, fanno infatti ritenere che avesse da poco

preso parte a un lavoro di mietitura.

Tuttavia, qualche evento drammatico deve averlo spinto a cercare di valicare il passo alpino in autunno ormai avanzato nonostante il suo cattivo stato di salute appurato dalle indagini.  Inoltre, la presenza di una frattura al cranio appena precedente al decesso ha sollevato interrogativi sulla una possibile morte violenta.  

Il ricorso a pelli di diversi tipi di animali per la confezione del pastrano indica che per l’abbigliamento veniva usato ciò che epoch disponibile al momento, evitando di macellare i capi al solo scopo di usarne la pelle o la pelliccia.

I gambali erano però interamente di pelle di capra, proprio come quelli trovati pochi anni fa sul passo di Schnidejoch, nelle Alpi bernesi, in Svizzera: un particolare che suggerisce che gli uomini dell’epoca facessero comunque attenzione ai diversi materiali, selezionandoli per i vari usi in funzione, per esempio, della loro flessibilità, e della loro capacità di isolamento.

La faretra e il cappello erano invece ricavati da due specie selvatiche, rispettivamente dalla pelle di capriolo e dalla pelliccia di orso, e questo ci bones che gli abitanti della regione erano comunque provetti cacciatori, anche se l’attività venatoria non epoch la fonte principale del loro sostentamento.

Tutte le pelli, cucite criminal maestria, erano state trattate criminal grassi animali per la concia, e  ed è agli effetti di questo procedimento i ricercatori imputano il fallimento del tentativo di estrarre dai campioni il DNA nucleare, che li ha costretti a limitarsi al solo DNA mitocondriale.

Proprio per festeggiare i 25 anni di studi seguiti all’eccezionale scoperta dell’uomo del Similaun il Museo archeologico dell’Alto Adige ha varato una serir di iniziative fra cui una giornata a ingresso libero (il 18 settembre) e, in collaborazione criminal l’Istituto per le mummie e l’Iceman dell’EURAC, un congresso scientifico  (“3rd Bolzano Mummy Congress – Ötzi: 25 years of research” dal 19 al 21 settembre) nell’ambito del quale verranno presentati gli ultimi risultati delle ricerche sull’uomo venuto dal ghiaccio. (Qui l’elenco completo delle manifestazioni)

Leggi Anche

Imperia: allo store CMP abbigliamento indoor e outside per tutta a …

L’11 maggio ha finalmente aperto ad Imperia, in around Monti, lo store della CMP, il …