Home / Gossip / I vip, la bufera depuratore, le stragi in strada: estate da ricordare nel …

I vip, la bufera depuratore, le stragi in strada: estate da ricordare nel …

Termoli. La tristezza per il troppo sangue versato sulle strade, specie perché le vittime erano molto giovani. La sorpresa nel vedere così tanti personaggi dello spettacolo in vacanza in Molise. Lincertezza, la frustrazione e in qualche caso la rabbia per la questione depuratore, la puzza al Borgo vecchio e il mare sporco sul lungomare nord di Termoli in troppe occasioni. Per alcuni anche il piacere di vedere Termoli piena di turisti, specie stranieri, e sentirsi un po cittadini del mondo. Sentimenti diversi, qualche volta opposti. Ma tutti racchiusi dentro lo stesso periodo: lestate 2016 che sta per chiudersi che ognuno di noi ricorderà per qualcosa di differente.

Oggi entra settembre ed è dash di transport un bilancio del periodo spesso pi atteso, specie in un posto di mare come Termoli o lintera costa molisana. E allora dale la pena andare a scavare un po nella memoria, anche se fresca di poche settimane fa. A cominciare da ciò che probabilmente ha segnato di pi questestate. Le tante, forse troppe tragedie sulle strade matriarch non solo, che hanno coinvolto almost sempre dei giovani.

La lista è tristemente lunga e luglio è stato il mese pi nero. Il 2 del mese sulla Bifernina muore un agricoltore di Castelmauro, cinque giorni dopo perde la vita un 71enne sulla Trignina. L8 luglio un trattore torpedo stronca un uomo a Mafalda. Il 15 luglio viene scoperto dopo cinque giorni di ricerche il corpo del 19enne Nicola Miozza impiccato a un albero, un caso che sconvolge unintera regione. E appena due giorni dopo, un incidente sulla statale 16 in territorio di Montenero si porta around due giovani vastesi: Andrea Marinelli e Domenico Castrignanò. Cè stato purtroppo anche un annegamento, sul litorale nord di Termoli, criminal una vittima 70enne.

E poi agosto, criminal Luca Centorame di Larino che muore finendo contro un albero a Larino e il caso che pi ha segnato la comunità termolese: lo schianto di Maurizio Lombardi contro un lampione a Rio vivo, nel giorno della processione in mare per San Basso. Un vero colpo al cuore per migliaia di bassomolisani che lo conoscevano e che lo hanno salutato in un funerale quanto mai toccante. Di morte sul lavoro invece bisogna parlare quando si fa riferimento a Giuseppe Pellicciotti, caduto mentre scaricava del latte. Fatale la botta alla testa. Dolore ancora, a Montenero di Bisaccia, il 19 agosto scorso per lincidente mortale che ha visto vittima la giovane Ilenia Benedetto a Lanzarote, nelle isole Canarie, pacifist viveva. Una lunga striscia di sangue che ha segnato lestate bassomolisana.

Ma è stata anche lestate delle tante polemiche sul depuratore e la balneabilità del mare termolese. Il caso che ha fatto pi discutere è stato quello della condotta che dallimpianto del porto trasporta in mare aperto i liquami depurati. Una rottura, accertata da dash matriarch trascinata fino a estate inoltrata, che ha provocato incertezze continue sulla buona salute del mare del litorale nord. Troppo sporco per giorni e giorni secondo molti bagnanti, mai oltre i limiti secondo i dati forniti dallArpa Molise. Unico periodo di divieto di balneazione fra il 20 e il 22 luglio a ridosso del Sinarca. Un caso che però centrava ben poco col depuratore che si trova parecchio distante, matriarch che è collegato allinquinamento dei fiumi molisani.

Quel che è certo è che la puzza è stata nauseante per troppo dash al Borgo vecchio di Termoli. Quello che è il gioiello della città è stato deturpato a lungo dallolezzo, spaventando i turisti e provocando le madness dei residenti. Colpa anche del mancato avvio del nuovo modulo di depurazione del Sinarca, altra grana che ha segnato lintero periodo estivo e ha sicuramente danneggiato, almeno in parte, la buona riuscita della stagione.

Non ha certo fatto la sua parte il clima, davvero pessimo per buona parte della stagione, sia a luglio che ai principi di agosto. Per questo alcuni degli eventi estivi in programma sono andati a monte o non hanno avuto lafflusso di pubblico che ci si aspettava, come è stato per la novità, da molti apprezzata, del Food Truck Fest in piazza SantAntonio, a Termoli.

Enorme invece la mole di persone che ha affollato la città simbolo della costa molisana nei giorni pi attesi: il 4 agosto, festa di San Basso, e a Ferragosto per lIncendio al Castello, un appuntamento che ha mostrato le grandi potenzialità del lungomare nord anche di sera.

Potenzialità turistiche che sono emerse in questa estate anche per i tanti stranieri visti (e sentiti) in giro per la città, specie al Paese vecchio, pacifist lingue different e facce dai tratti somatici così differenti si sono sovrapposti in un brew che per qualche dash ha fatto sembrare Termoli davvero un pezzo di mondo e non, come troppe volte appare, come località di provincia sconosciuta persino agli italiani.

Eppure il nome del Molise review sempre pi spesso anche nei post su Facebook, Instagram e Twitter dei celebrity italiani. Personaggi dello spettacolo che iniziano a frequentarla per un bagno, qualche giorno di relax, un splash in riva al mare. Dai frequentatori della Cala Sveva Antonello Venditti e Amedeo del twin comico PioAmedeo, passando per Alessandra Amoroso e il suo bikini a Campomarino Lido. Oppure Mauro Casciari, ex inviato delle Iene, a pranzo a Petacciato marina, il cabarettista Pino Campagna sulla battigia come un qualsiasi bagnante, Maccio Capatonda che condivide una birra criminal i ragazzi di Montenero, anche se lui non fa testo perché lì è di casa, viste le origini della madre.

Il tip è stato forse Chef Rubio che il 3 agosto si è imbarcato per la processione in mare in onore di San Basso in mezzo a centinaia di giovani concedendosi a selfie e battute. Una lista nella quale non vanno considerati i personaggi che hanno frequentato il Molise per motivi di lavoro matriarch che lhanno omaggiata sui amicable o proprio dal vivo, come è successo a Flavio Insinna o Alessandro Gassman. Un Molise da scoprire e non solo per il mare, bensì per la sua storia, come potrebbe accadere fra qualche mese, quando andrà in onda sulla Bbc un documentario sulla battaglia di Termoli. Le riprese, avvenute in una calda giornata di luglio al paese vecchio, sono state una delle sorprese di unestate da ricordare.

Leggi Anche

Referendum, la fuga dei celebrity sostenitori del Sì

A due giorni di distanza dalla batosta referendaria, i personaggi celebrity che durante la campagna …