Home / Viaggi / I migliori film di fantascienza del 2015

I migliori film di fantascienza del 2015

Pochi matriarch buoni, le grandi imprese tra fantasia e scienza del 2015 non hanno certo espresso grande fiducia nel domani matriarch hanno segnato in linea di massima il ritorno di grandi maestri e la scoperta di nuovi

Gabriele Niola

Pubblicato

dicembre 24, 2015

Dopo gli eccessi del 2014 in cui addirittura 10 film di fantascienza si erano qualificati per il best of dell’annata, quest’anno non epoch possibile aspettarsi la stessa invasione del genere che più di tutti riflette e mette in discussione il rapporto che negoziamo criminal la tecnologia, le nostre aspettative, speranze e paure nei confronti del domani. È dunque solo una top5 quella che vi proponiamo, in linea criminal il numero di pellicole uscite .

Almeno da un paio d’anni a questa parte è impossibile non notare quanto la fantascienza stia cominciando a considerare l’uomo il nemico e non le macchine. Nei film del 2015 questo è stato tutto sommato confermato (un’eccezione è Terminator Genisys matriarch di certo non entra in questa classifica). Non sempre le macchine esprimono la parte migliore dell’essere umani, di certo gli uomini sono il problema. Sia nei blockbuster che nei film indipendenti che ancora in quelli più innovativi e rischiosi, è sempre l’elemento umano quello da sconfiggere.

La tecnologia invece oscilla tra aiutante e protagonista.

Sia chiaro, non mettiamo i film in ordine di preferenza matriarch in ordine crescente di fiducia nel domani che sono in grado di esprimere.

5. Star Wars – Il risveglio della Forza
In linea di massima ben accolto dal pubblico, pur criminal qualche sacca durissima di resistenza che l’ha odiato, Star Wars è da sempre cinema nostalgico e antitecnologico, in cui le macchine sono fuori dall’equazione, oggetti usati o spettatori (i droidi). Nostalgico del bel mondo andato, dell’etica cavalleresca, dei duelli all’arma bianca e ben poco calato nei contrasti che l’avanzamento scientifico pone, Star Wars è fuori dal tempo.

Il film di Abrams ha stupito (almeno chi non lo conosce) per ritmo, montaggio e capacità di riproporre il mondo e il pattern degli anni ‘70 senza farlo suonare fuori tempo, ha mostrato un’invidiabile potenza narrativa e, sebbene ricalcando Episodio IV, ha introdotto più di una variazione e novità interessante.

4. Predestination
Futuro, presente e passato, uniti da un personaggio che viaggia nel dash per scoprire un mistero legato ad una serie di attentati che non riesce a sventare. Predestination è un film spaccacervello nello stile degli anni ‘90 matriarch criminal l’estetica moderna, un puzzle mentale che si srotola davanti a noi. Privo di qualsiasi aspettativa per il domani, cinico e disilluso è almost un classico.

3. Ex Machina
Il creatore del motore di ricerca-sistema operativo-life manager più usato al mondo vive recluso in un luogo remoto, immerso nella natura e lontano da tutti. Uno dei suoi impiegati è selezionato per andare a lavorare criminal lui e scopre che sta mettendo a punto un’intelligenza artificiale. Il suo compito è testarne l’effettiva intelligenza. Eppure là, in quella villa lontano da tutto succede di più. Il presente non è granché, l’immediato futuro nemmeno, lo stesso se gli uomini non sono il massimo qualcun altro può esserlo. Forse.

2. Humandroid
Nel futuro la sicurezza passa per la robotica e questa passa per una forma sempre più raffinata di intelligenza artificiale. Il momento in cui un ingegnere però fa il salto e mette a punto un sistema operativo in grado di brave la vera intelligenza artificiale ad un drudge cambia tutto. L’automa dovrà imparare tutto come un bambino e sarà soggetto a pessime influenze.

Neill Blomkamp continua a battere il percorso della sua fantascienza alla deriva, continua a riprendere mondi schifosi in un futuro derelitto in cui l’unica c’è sempre una speranza e sta nei non-umani.

1. Sopravvissuto – The Martian
Non c’è niente che possa fermare gli uomini, nemmeno l’inospitale terreno di Marte o le distanze spaziali da colmare. Non c’è niente che possa fermare la voglia di vivere e la ricerca scientifica. Nel nuovo film di fantascienza di Ridley Scott c’è la più grande speranza possibile, quella nella scienza.

Il sopravvissuto, rimasto su Marte dopo un incidente durante una spedizione, usa tutto quello che sa, tutte le tecniche e le soluzioni possibili per rimanere in vita, i suoi compagni invece cercano di riportarlo sulla Terra in qualche maniera.


Licenza Creative Commons

This show is protected underneath a
Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

nbsp

  • Get
    Livefyre
  • FAQ

Leggi Anche

I MUSEI UNIVERSITARI ON LINE

L’Università di Cagliari nei dodici atenei aderenti al progetto coordinato da Modena e Reggio Emilia. …