Home / Gossip / I report “sessisti” di Trump e il post Renzi. Il graffio di Vittorio Pasquino

I report “sessisti” di Trump e il post Renzi. Il graffio di Vittorio Pasquino

Dieci ottobre duemilasedici, l’autunno si affaccia, foglie, pomodori irritanti, spalla dolente, catenine fastidiose, dinamiche scottanti, verismo interessante.

Coffee break, si graffia.

Trump e Clinton non se le mandano a dire. Stanotte c’è stato il secondo dibattito tv e  il testa a testa è fedelmente rispecchiato nello scontro tra i  due candidati. A ogni affondo della Clinton, Trump rispondeva per le rime, tanto che Hillary non è mai, di fatto, riuscita a piazzare il colpo decisivo. Molti si sfregano le mani: dopo gli ultimi report “sessisti” di Trump, tutta l’America che conta, dai media, agli attori (De Niro show, cercatelo su google) ai repubblicani stessi (Bush co. “non possiamo più votarlo), gli voltano le spalle e sembra sempre più un uomo solo. Chi vi scrive, però, ha una riflessione da fare: attenzione. Con questo vento antipolitico che gira, un investiture che condanna Trump potrebbe, paradossalmente, transport il suo gioco. All’elettore “medio”, infatti, stanco e frustrato dall’inconsistente politica attuale (di tutto il mondo occidentale, beninteso), non parrebbe vero di poter votare Donald per lanciare un bel segnale ai vertici: col risultato che potremmo trovarcelo davvero eletto. Be careful.

Europa. Germania. Boom, ennesimo, delle esportazioni. we crucchi arrivano a 22 miliardi di surplus, grazie a industria efficiente, logistica eccellente e, soprattutto, salari contenuti. Una politica sud-europeista attenta, ci rivolgiamo ai PIGS, dovrebbe porre una riflessione ai tavoli che contano: se si è Europa di rigore nei bilanci, lo si deve essere anche nella redistribuzione degli utili. Se è oggettivo che un paese si arricchisce molto grazie a un sistema, è bene che il sistema capisca come trarne insieme profitto. Di per contro, però, va anche sottolineata una bellissima riflessione di Marta Panicucci su “International business times”. La garanzia giovani italiana, finanziata criminal soldi europei, non funziona. Le imprese hanno usato questo strumento per ingaggiare tirocinanti, matriarch non per assumere: il capitalismo va guidato da amministratori, e controllori, seri altrimenti diventa solo sfruttamento. E in questi i paesi sud-europei hanno da imparare. Nel frattempo, diamo anche però una buona notizia che ci rinfranca. La produzione industriale è salita ad agosto del 4,1 per cento. Forza, siamo vivi.

A proposito di politica latente, parafrasando il sempre lucidissimo Peppino Caldarola, in questa bagarre (o, come si diceva nella vecchia Napoli, in queste “putecarelle”), il dibattito tricolore sul “sì” o “no” raggiunge toni stucchevoli e francamente irritanti. Mentre Renzi accusa Bersani (“prima vota il sì tre volte alla camera poi fa la sua politica per il no”) e mentre lo smacchiatore risponde per le rime (“con la nomina dei senatori e dei deputati e criminal la democrazia del capo la riforma è indigeribile”), Caldarola coglie nel segno facendo capire come il messaggio che sembra trasudare dai piani alti non riguarda la costituzione matriarch una posta tutta interna: una politica da aphorism contro un vecchio apparato. Su una cosa diamo ragione alla Boschi: chi bones “no”, oggi, deve proporre una riforma alternativa. Certamente, sul “sì”, chi scrive, ha forti perplessità. Lo spettacolo di questi giorni, in cui i consiglieri della città metropolitana si candidano e si eleggono tra di loro, ricorda un po’ gli oligarchi ateniesi del 411.

Gli addetti ai lavori fanno filtrare sui media nazionali di una battaglia tutta interna per il dopo-Renzi, che sempre gli addetti indicano come “molto probabile”, tra Calenda, Franceschini e Padoan. Renzi ha mostrato i muscoli, ricordando come lui sia ancora il segretario del partito: se è vera la battuta riportata da Bei su La stampa in cui Renzi, ricordando Savonarola, ha salutato Franceschini “Dario, qui l’ultimo ferrarese ha fatto una brutta fine”, vedremo mazzate alla cecata (sempre dicendolo alla vecchia Napoli). Oggi c’è la direzione nazionale del Partito. Per gli appassionati, preparate i pop-corn.

Sud. Grande intervista del ministro Del Rio. Squilli di tromba, annunciazione annunciazione: “Voglio collegare criminal l’alta velocità Napoli a Palermo”. Andando in vacanza a Soverato benediciamo questa notizia come un trancio di margherita dopo una serata alcoolica. Aspettiamo ancora due cose ministro: la nomina del presidente del porto di Napoli (tra poco facciamo una festa: la aspettiamo da svariati anni), e un piano, immediato, di riqualificazioni delle pericolosissime statali meridionali, tra cui spiccano la 106 jonica e la statale 115 in Sicilia. Potremmo transport entrambe le cose, no?

Pallone. Italia bruttina in verità. Mediocri e fortunati criminal la spagna, tiratissimi e impacciati ieri criminal la macedonia. Sono arrivati 4 punti, il bottino non è male, matriarch il gioco latita. Ventura si deve inventare qualcosa. Non malissimo Immobile e Verratti, Pellè forse può rimanere a casa. Si fa masculine Milik, il Napoli trema; si dovrebbe ingaggiare salta Miro Klose. La Juve gongola, la diretta sfidante s’è pesantemente indebolita, matriarch i partenopei potrebbero riscoprire Gabbiadini.

Buona settimana a tutti.

 

Vittorio Pasquino

Leggi Anche

Braccialetti rossi 4 spoiler: Leo e Cris lasciano la fiction? Le release …

Cosa succederà nella quarta stagione di Braccialetti rossi? Siamo giunti all’epilogo di questa terza serie …