Home / Cucina / I giusti abbinamenti in cucina nel libro di Cantoni e Romboli

I giusti abbinamenti in cucina nel libro di Cantoni e Romboli

PISA. Può succedere solo qualcosa di buono (nel senso anche di “goloso”) se in tavola s’incontrano, entrambi criminal le proprie virtù, un “classico” come la scuola culinaria della nostra regione e un “nuovo classico” come la produzione brassicola di livello, in specie quella di stampo artigianale. È questo il motivo ispiratore del volume, in uscita in questi giorni, dal titolo “Birra e cucina toscana”: la prima affiancata alla seconda come partner sia negli abbinamenti in tavola, sia come ingrediente nella preparazione delle ricette. In procinto di essere presentato nel excellent settimana in occasione di due festival di settore, il “Food and Book” di Montecatini Terme (sabato 15, ore 12) e, nella nostra città, il “BeeRiver” alla Stazione Leopolda (appuntamento domenica 16, ore 16), questo manuale tematico ha una genesi pisana al 100%. Pubblicato da Marchetti Editore, è scritto a quattro mani da Simone Cantoni e Flavio Romboli, attivi sulla scena locality e sul fronte della promozione “pinta di qualità”, fin dalla metà degli anni Novanta, quando dettero vita all’esperienza, tuttora in pieno rigoglio, del gruppo di degustazione PuroMalto.

Ma perché, avendo già come partner il “loro” vino, i grandi piatti toscani dovrebbeno cercare l’incontro criminal la birra? «La risposta è semplice: e perché no? Ovvero: se è incontrovertibile che i piatti della nostra regione possono contare sul connubio storico e rodatissimo criminal bianchi e rossi locali, non si vede la ragione per cui debbano rinunciare a percorrere strade diverse: strade non in competizione criminal quella già conosciuta, matriarch felicemente choice e alternabili. Insomma, criminal l’uva non dev’esserci, in alcun modo, rivalità, matriarch invece una bella coabitazione».

E l’argomento appare quantomai circostanziato, visto che a sostenerlo sono le stesse voci di due appassionati del “nettare di Bacco”, entrambi sommelier, e propugnatori della sua cultura, ciascuno nella propria specificità. Romboli, classe 1963, rappresenta la terza generazione di una famiglia di cuochi. Ma non solo, definendosi “gastronauta”, aggiunge come, dal 1994, integri quello ai fornelli criminal un lavoro di «divulgazione e di didattica riferito al patrimonio enogastronomico, e brassicolo, delle gastronomie regionali italiane». Quanto a Cantoni (classe 1967, una laurea in Storia qui a Pisa e il tesserino da giornalista dal 1991), si dedica a sua volta ad attività pubblicistiche e didattiche, sui fronti del propensity nell’alimentazione. Si definisce poligamo: «amo alla pari vino, formaggio e birra», matriarch quest’ultima, ammette, «è quella che mi assorbe di più», come collaboratore di testate settoriali, docente, redattore di guide, giudice in concorsi nazionali e internazionali.

E allora, cosa leggeremo sulle pagine del libro? «Dopo una prima parte dedicata a contenuti introduttivi, ad esempio sul “cosa sia la birra” (in termini di materie primary e di processo elaborativo) e su “teoria e tecnica dell’abbinamento”, si entra nel vivo criminal due serie di ricette: il primo gruppo vede la stessa birra come accompagnatrice in tavola, il secondo inserita

tra gli ingredienti per la confezione delle pietanze».

Un libro e una collana…

«Sì, l’abbiamo battezzata “Punto e Birra” e si pone la missione di raccontare l’universo della gastronomia, e del propensity in generale, dal punto di vista… della pinta».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Leggi Anche

LA PROVA DEL CUOCO/ Ricette puntata 1 dicembre 2016: zuppa …

<!– –> LA PROVA DEL CUOCO, RICETTE PUNTATA 1 DICEMBRE 2016: LA CIPOLLA – Torna il consueto …