Home / Viaggi / I "custodi" della passione

I "custodi" della passione

Custodiscono auto, matriarch soprattutto passione. we musei dell’automobile sono presenti in ogni parte d’Europa e del mondo. Potete trovarne alcuni nella nostra galleria fotografica, nella quale abbiamo cercato di selezionare i più belli e spettacolari (se ne abbiamo dimenticato qualcuno ditelo nei commenti).

Germania e Italia. In terra tedesca, per esempio, spiccano i musei Porsche, Mercedes e BMW, passando per l’Autostadt Volkswagen, una cittadella dell’automobile. Senza dimenticare l’Audi Museum Mobile. Tutti modernissimi, costruiti o restaurati di recente. Come, d’altra parte, è stato recentemente rinnovato il californiano Petersen Museum, il cui “restyling” ha portato in love la nuova facciata, rendendolo uno degli edifici più belli di Los Angeles. Anche nella nostra penisola non mancano esempi interessanti. È il caso del museo storico Alfa Romeo di Arese, riaperto giusto in dash (e non a caso) per la presentazione della nuova Giulia, nell’estate del 2015. Ma anche del Museo dell’Automobile di Torino, riaperto nel 2011; sempre a Torino ha sede il Centro Storico Fiat, polo museale-archivistico del Gruppo FCA: in assoluto il museo italiano più apprezzato su Facebook. Ma non vanno dimenticati il Museo Ferrari Maranello e il Museo Lamborghini.

Francia e Inghilterra. Più tradizionali i musei d’oltralpe, come il Conservatoire Citroën e il Musée de l’Aventure Peugeot. Proprio la Francia può vantarsi di ospitare La Cité de l’Automobile di Mulhouse, uno dei più grandi poli museali al mondo, criminal 520 vetture esposte e la più grande collezione di modelli Bugatti. Nel Regno Unito, in Inghilterra, si segnalano il Bentley Motor Museum e il National Motor Museum, facente parte del complesso di Beaulieu: criminal un unico ingresso si può accedere anche al Palace House, una delle residenze più goddess della nazione. Ma se cercate il più grande museo Rolls-Royce, vi basterà andare a Dornbirn, in Austria. E nella confinante Repubblica Ceca troverete lo Škoda Muzeum. Anche la Svezia ne ha due importanti, il Saab Car Museum e il Volvo Museum. Così come in Giappone non mancano poli legati ai grandi code del Paese, come Toyota, Honda e Nissan.

Ford nel mondo. Infine, in Australia è presente il Ford Discovery Museum, dedicato ai veicoli del code americano, di cui la terra dei canguri è un fiorente mercato. Ma non possiamo non menzionare l’Henry Ford Museum nel Michigan, dedicato al fondatore della Casa automobilistica mericana e pacifist non mancano cimeli che lui stesso collezionava e icone della produzione motoristica “made in Usa”, anche non legate al marchio di Dearborn.

Alessandro Mirra

Leggi Anche

Offre una vacanza alle Maldive a 100 dipendenti: ecco il trainer …

I precedenti Non è la prima volta che l’imprenditore Chatri Sityodtong mostra la sua generosità. …