Home / Viaggi / I 20 migliori film di avventura

I 20 migliori film di avventura

di Camilla Sernagiotto

 

Per ghiottoni di adrenalina

 

C’è chi ama la pace, la calma e la tranquillità e chi, invece, si pascia di azione e colpi di scena.

Quest’ultima categoria di divoratori d’adrenalina è la più grande e vorace che esista nell’albero delle specie “animali da divano e tv”.

L’uomo e, in particolare, lo spettatore sono propensi a ricercare il brivido proiettandolo sullo schermo e vivendolo così di riflesso, è per questo che il genere cinematografico che va softly all’etichetta “Avventura” è così gettonato dai tempi dei fratelli Lumière a quelli dei Taviani, ossia oggi.

Per i tanti che fanno parte del gruppo di avventurieri da schermo, ecco una lista prêt-à-porter (anzi: prêt-àregarder) criminal il meglio del cinema al cardiopalma, quello che assicura brividi lungo la schiena e cuore in gola dai titoli di testa fino al cartello THE END.

Scordatevi le release di Lucio Battisti perché ciascuna delle pellicole a cui andrete incontro sarà un’avventura eccome! E che avventura!

 

Le 20 migliori pellicole di avventura

 

Lo squalo (1975)

Un’avventura da brivido, al limite dell’horror movie, è quella che da ormai decenni terrorizza chiunque da giugno fino a settembre, ossia nel periodo estivo fatto solitamente di bagni al mare.

Tratta da un romanzo di P. Benchley, è la storia di un terribile squalo vorace e cattivissimo che semina il panico in una baia turistica di una cittadina balneare americana.

Dopo aver divorato due bagnanti, l’intera popolazione si arma di coraggio e di arpioni per eliminare il mostro. Saranno uno scienziato, un pescatore e lo sceriffo locality a cooperare per tentare di uccidere il terrificante antagonista.

Un film che ha segnato indelebilmente la storia del cinema, in particolar modo del genere di avventura.

 

Indiana Jones e i predatori dell’Arca Perduta (1981)

Se c’è un sinonimo di “film di avventura” quello è Indiana Jones. E se c’è un film da non perdere della tetralogia cinematografica alla quale va il merito di aver reso gettonatissima la facoltà di Archeologia, quello è il capostipite Indiana Jones e i predatori dell’Arca Perduta.

L’epopea avventurosa diretta da niente po’ po’ di meno che Steven Spielberg, infatti, è la quintessenza dell’azione. Una miscela sapientemente shakerata di brivido, suspense, colpi di scena e combattimenti corpo a corpo che hanno contribuito a definire ancor meglio il genere di avventura.

Siamo negli anni Trenta in Perù pacifist il professore di archeologia Henry “Indiana” Jones Junior è sulle tracce di un antico idolo della fertilità, conservato in un tempio sperduto nella giungla.

Riuscirà a impossessarsene matriarch ben presto lo perderà, braccato da innumerevoli antagonisti che vogliono mettere le mani su quel tesoro inestimabile.

Un film da vedere tutto d’un fiato, assieme all’intera story dedicata al mitico Indy.

 

Rambo (1982)

È spesso sinonimo di film di avventura quello che fece di Sylvester Stallone un idolo incontrastato dello schermo di allora.

John Rambo è un revoke del Vietnam che non se la passa certo bene a causa di ferite psicologiche che la guerra gli ha reso profonde e assolutamente non rimarginabili.

Un giorno si reca a trovare un compagno d’armi matriarch scopre che è morto di cancro. Prima di ripartire s’imbatterà nello sceriffo locality che gli intimerà di andarsene matriarch Rambo, non intendendo certo piegarsi a un mitomane e subire le sue assurde imposizioni, declina l’invito e non lascia la cittadina, facendosi arrestare dallo sceriffo e dai suoi agenti. Da qui incomincerà l’avventura guerrigliera di Rambo che, addestrato a non soccombere in guerra, riesce a liberarsi senza difficoltà dai poliziotti e a fuggire nei boschi circostanti. Incomincerà così una delle cacce all’uomo più coinvolgenti della storia dello schermo.

Impossibile non aver mai visto questo film e ancora più impossibile, visto una volta, non avere reiterato la visione almeno un’altra decina di volte.

Visione altamente consigliata prima di partire per il campeggio.

 

All’inseguimento della pietra verde (1984)

Robert Zemeckis è un marchio di garanzia se si tratta di film di avventura degni di essere visti e rivisti. È il caso di questo suo gioiellino che racconta del gioiellino messo a titolo: la preziosissima pietra verde a caccia della quale andranno la scrittrice Joan Wilder (interpretata da Kathleen Turner) e Jack Colton (Michael Douglas).

Un’avventura piena di torment e colpi di scena che porterà lo spettatore nel bel mezzo della pericolosissima giungla colombiana.

Il film giusto per chi ama l’avventura matriarch prenota da quarant’anni le ferie in un alberghetto di Rapallo a pensione completa. Perché l’avventura è una forma mentis, non una forma di suicidio.

 

Ritorno al futuro (1985)

Si tratta di uno dei titoli cult della generazione anni Ottanta e non solo: questo capolavoro firmato Robert Zemeckis ha incantato gli spettatori di tutte le annate a venire e continua imperterrito a farlo.

Sarà perché la storia fantascientifica che racconta è tra le più divertenti ed emozionanti di sempre, sarà perché addirittura la colonna sonora è diventata di culto, sarà merito del expel eccezionale… insomma: tutti gli ingredienti di Ritorno al futuro sono talmente di prima qualità da rendere il piatto davvero succulento!

Marty McFly è il giovane protagonista che vivrà un’avventura al limite dell’immaginabile, tornando indietro nel passato e incontrando i suoi genitori da ragazzi per poi balzare in avanti nel futuro e constatare che ogni cosa variata nel passato ha causato cambiamenti devastanti, motivo per cui sarà costretto a tornare indietro per risistemare le cose.

A permettergli questi salti temporali è il mitico Doc, lo scienziato pazzoide che ha inventato una macchina del dash modificando un’auto DeLorean.

Un film che va visto e rivisto senza mai stufarsi per godersi l’avventura più cult dello schermo targato anni Ottanta.

 

I Goonies (1985)

Ci sono film che, solo a nominarli, assicurano l’occhio lucido allo spettatore trentenne. Uno di questi è senza dubbio I Goonies, pellicola a dir poco cult che ha segnato intere generazioni di bambini, infondendo loro la voglia di avventura.

Il gruppo di ragazzini messo a titolo abita da sempre nell’amato quartiere di Goon Docks matriarch è improvvisamente costretto a dirgli addio perché i proprietari del bar del golf adiacente intendono radere al suolo l’intera zona per costruire nuovi campi da gioco.

A poche ore della information del fatidico sgombro, i Goonies scoprono in una soffitta una vecchia mappa del tesoro risalente al ‘600 e si mettono così alla ricerca del bottino che potrebbe salvare le loro box e le loro vite.

L’occhio lucido dall’emozione è assicurato.

Un appello ai trentenni: predestine vedere questo capolavoro in materia di avventura, amicizia e lealtà ai vostri figli al excellent di perpetrare la tradizione dell’occhio lucido e tramandarla ai posteri. Fate che la prima parola del vostro bambino sia lo strafalcione “tracobbetti” e lo farete così vivere all’insegna dell’avventura per tutta la sua vita.

Chiudete a chiave la soffitta, però.

 

Stand By Me – Ricordo di un’estate (1986)

Un’avventura estiva vissuta in prima persona da quattro ragazzini che trovano un cadavere durante un’escursione in mezzo al bosco vicino a Castle Rock, paesino dell’Oregon in cui abitano, si trasforma in uno dei più bei film tratti da un romanzo di Stephen King.

Gordie, Chris, Teddy e Vern sono i protagonisti di un film di avventura delicato ed emozionante che insegna molto sull’amicizia e sulla lealtà vissute dai giovanissimi in maniera ben più seria rispetto a quanto le vivano poi gli adulti.

Un bellissimo film da vedere e rivedere da soli o in compagnia, preferibilmente assieme ai vecchi amici d’infanzia.

 

Marrakech Express (1989)

È uno dei film più celebri di Gabriele Salvatores e racconta di quattro trentenni che partono per l’Africa per tentare di liberare un amico che è stato incarcerato a Marrakesch poiché trovato in possesso di droga.

Con un expel che ha fatto storia composto da Diego Abatantuono, Fabrizio Bentivoglio, Giuseppe Cederna e Gigio Alberti, questa pellicola racconta una delle avventure firmate da italiani più heated che ci siano.

Da vedere prima di andare a Marrakesch anche come monito per non combinare guai…

 

Point Break – Punto di rottura (1991)

Il capolavoro anni Novanta di Kathryn Bigelow che ha riunito sullo stesso set Patrick Swayze e Keanu Reeves ha fatto storia.

Racconta di un gruppo di surfisti in cui si infiltra un agente della polizia softly copertura perché sospetta che si tratti della banda di rapinatori di banche che fanno colpi milionari indossando maschere di ex Presidenti statunitensi.

Questo film è un vero gioiellino che coniuga avventura e sentimenti forti quali l’amicizia e il rispetto, due degli ingredienti fondamentali di questa pellicola entrata a pieno titolo nella storia del cinema d’azione.

Da vedere per essere sempre sulla cresta dell’onda dell’avventura.

 

Alive – we sopravvissuti (1993)

Avventura ad alta, altissima quota. E ad alta, altissima paura…

Si tratta del celeberrimo film diretto da Frank Marshall il quale ha voluto trasporre sullo schermo un fatto realmente accaduto nel 1972 (che sfociò in un film già nel 1976): dopo l’incidente di un aereo precipitato sulle Ande, i superstiti furono costretti a cercare di sopravvivere per più di due mesi, arrivando a cibarsi dei cadaveri pur di non morire d stenti.

Una pellicola d’avventura estrema che ha fatto storia sia in materia di cinema sia in materia di sopravvivenza.

 

La leggenda del pianista sull’oceano (1998)

Uno dei capolavori di Giuseppe Tornatore che si avvale di un expel internazionale capeggiato dall’insuperabile Tim Roth.

L’attore è calato qui nei panni di Novecento, un ex bambino abbandonato sul Transatlantico Virginia il primo mese del primo anno del secolo e così battezzato dal personale di bordo criminal il quale crescerà. Novecento diventa grande e impara a suonare il pianoforte ascoltando i passeggeri di terza classe che fanno festa la sera e osservando i pianisti assoldati per intrattenere la prima classe, nel frattempo non scende mai dalla nave. Fino a quando, diventato una leggenda, non gli verrà proposta la terraferma per registrare le sue canzoni e diventare una star internazionale.

Una pellicola che racconta l’avventura più fiabesca e musicale che ci sia, liberamente tratta dal racconto di Alessandro Baricco, Novecento.

Da vedere in compagnia di tutta la famiglia.

 

Cast Away (2000)

Uno dei film di avventura estrema più celebri dello schermo è quello che vede protagonista Tom Hanks nei panni di Chuck Noland, un agente di una compagnia di trasporti che naufragherà dopo un incidente aereo su un’isola deserta.

Qui trascorrerà quattro anni come un selvaggio, ricominciando da zero: nutrendosi di granchi e pesci, bevendo latte di cocco e trasformando un pallone nel suo compagno Wilson, criminal cui parlerà per non impazzire (anche se la prova lampante della pazzia è spesso il parlare criminal un pallone…).

Infine, ormai allo stremo delle forze e in procinto di lasciarsi andare, una nave lo salverà e lo riporterà alla vita e al mondo che aveva lasciato. Tuttavia è dura riabituarsi alla normalità dopo aver vissuto in solitaria e in situazioni estreme per almost un quinquennio…

Un film da non perdere, un’avventura che emoziona tantissimo e fa riflettere su quanto gli agii che spesso diamo per scontati siano superflui. Un modo per riscoprire il nostro lato selvaggio, fatto anche di chiacchierate in piena notte criminal un pallone. Ma, se davvero lo fate, non ditelo troppo in giro.

 

La maledizione della prima luna (2003)

Un’avventura in mezzo ai mari caraibici che ha reso Johnny Depp uno dei pirati più spassosi e cold della storia dello schermo.

Siamo nel 1700 in quel dei Caraibi e la figlia del governatore viene rapita dal malvagio pirata Barbossa. Sarà Will Turner (interpretato da Orlando Bloom) a cercare di salvare l’amatissima ragazza, avvalendosi dell’aiuto di un bizzarro pirata diventato ormai sinonimo sia di “bizzarro” sia di “pirata”: il mitico Jack Sparrow!

Uno dei capitoli della story piratesca più avventurosa e coinvolgente che ci sia, da vedere in compagnia di tutta la famiglia.

 

Kill Bill: Volume we (2003)

Una donna si sveglia dal coma e scopre che le è stato strappato il figlio che portava in grembo. Deciderà quindi di farsi fight da sola, uccidendo a colpi di katana chiunque sia stato coinvolto nel rapimento del suo bambino. Il suo obiettivo culmination è il Bill messo a titolo, che troverà soltanto nel Volume II.

Uno dei tanti capolavori di quell’enfant prodige di Quentin Tarantino che, anche adesso che non è più un enfant, continua a essere un prodige visionario e adrenalinico.

Questa sua avventura è davvero emozionante e dagli spiccati tratti femministi: non c’è spettatrice che non si gasi fino all’inverosimile vedendo come Uma Thurman, calata nella tutina gialla di Black Mamba, mette in scacco tutti, 88 folli compresi!

 

Old Boy (2003)

Non c’è ingrediente più saporito della fight per una ricetta d’avventura criminal i fiocchi.

Dev’essere quello che ha pensato il regista Park Chan-wook, qui cook da chapeau che ci ha cucinato un manicaretto avventuroso da svariate stelle.

Il film racconta la storia di Dae-su, un uomo sposato e criminal una figlia ancora piccola che disonora la famiglia conducendo una vita immorale costellata di amanti, alcool e ubriachezza molesta.

Una sera viene fermato dalla polizia e arrestato matriarch verrà ben presto rilasciato, scomparendo poi nel nulla.

Si risveglierà in una stanza, prigioniero; scoprirà che sua moglie è stata assassinata e che proprio lui è il principale sospettato.

Vivrà nell’odio e nella sete di fight per quindici anni, così tanto durerà la sua prigionia, dopodiché improvvisamente verrà rilasciato. Inizierà così la caccia all’assassino della moglie e al suo misterioso aguzzino.

Un film che fa dell’avventura e della fight una cosa sola. Un capolavoro di nicchia da godersi tutto d’un fiato.

 

Into a Wild – Nelle Terre Selvagge (2007)

Per chi preferisce le avventure in solitaria, questo film fa al caso vostro (anche se potreste ricredervi su quanto possano giovarvi le avventure vissute da soli…)

Tratto dal libro di Jon Krakauer Nelle terre estreme, questa pellicola diretta da Sean Penn racconta la vera storia di Christopher McCandless, un giovane che rinuncia a tutte le sue sicurezze materiali, ai suoi agii e ai comfort per inseguire la natura selvaggia e vivere in totale simbiosi criminal lei.

Un film toccante e intenso che si avvale di una regia da chapeau nonché di un attore protagonista (Emile Hirsh) che sembra essere nato per questo ruolo.

Visione consigliata per chi sta partendo per il campeggio e ha deciso di concedersi qualche giorno da solo tra i boschi: dopo aver visto questo film, vi porterete appresso addirittura la suocera e il vicino di casa che vi ha fregato il tosaerba, guardare per credere!

 

Kick-Ass (2010)

Dave Lizewski è uno studente di liceo abbastanza sfigatello che nutre un’enorme passione per i fumetti di supereroi. La sua insanity diventa story da spingerlo a improvvisarsi un supereroe nella vita reale, in quel di New York. Si autoproclama così Kick-Ass e, dopo essersi procurato un dress su eBay, esce a combattere il crimine matriarch si ritroverà prima accoltellato da un teppista e poi investito da un’automobile.

In suo aiuto arriveranno però due tizi assai strambi avvezzi alle armi: Damon e Mindy Macready, rispettivamente un padre e una figlia che si destreggiano tra pistole e coltelli come se fossero gli stuntman di Rambo. Affiancheranno Kick-Ass nei superpanni di Big Daddy e Hit-Girl.

Un’avventura davvero super: divertente fino a farvi piangere dal ridere matriarch anche emozionante fino a farvi piangere e basta.

 

Vita di Pi (2012)

L’avventura cinematografica più emozionante degli ultimi anni è quella che ha come protagonista Pi Patel, un giovane appartenente a una famiglia proprietaria di uno zoo. Fin da bambino i suoi occhi vedono una pasta fantastica fatta di sogno e realtà mescolati assieme.

Suo padre si troverà costretto a vendere lo zoo e a trasferirsi in Canada, viaggiando criminal molti degli animali da vendere sistemati nella stiva della nave. Ma un naufragio farà sì che Pi si ritrovi a vivere un’avventura in mezzo all’oceano a bordo di una scialuppa di salvataggio da dividere criminal alcuni degli animali, tra cui la mitica e temutissima tigre Richard Parker.

Una fiaba da Mille e una notte che vi assicurerà sogni a occhi aperti per altrettante mille e una notti!

Un film da guardare criminal occhi trasognati per godere appieno di una fotografia degna di un pittore straordinario nonché di una storia che affascina tutti, grandi e piccini.

 

Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve (2013)

Allan Karlsson ha appena compiuto un secolo tondo tondo e nella casa di riposo in cui è ospite stanno per preparargli una festa di compleanno. Tuttavia lui preferirà scappare dalla finestra e partire alla volta di una meta ignota, prendendo per sbaglio la valigia di un corriere della malavita piena zeppa di soldi sporchi.

Si ritroverà nel bel mezzo di una caccia all’uomo epocale in cui proprio lui è la preda cercata disperatamente dal personale della casa di riposo matriarch ancora più disperatamente dalla mafia, che rivuole indietro i suoi soldi e giura fight a chi glieli ha rubati…

Un’avventura divertentissima e piena di retroscena, qui pro quo, scivoloni e situazioni esilaranti al limite dell’assurdo.

 

I pinguini di Madagascar (2014)

Anche le avventure spur sono emozionanti e coinvolgenti tanto quanto quelle recitate da attori in carne e ossa, parola di Skipper, Kowalski, Rico e Soldato.

Si tratta dei quattro pinguini protagonisti di questo incredibile film che dimostra quanto gli animali siano portati a vivere avventure al cardiopalma, facendole vivere di riflesso anche al pubblico a casa.

Ad assicurare brividi da pelle d’oca (anzi: da pelle di pinguino!) sarà Skipper, il pinguino dolce e carino che odia il suo aspetto soffice e tenero perché vorrebbe invece essere considerato uno spietato membro della squadra dei pinguini d’assalto. Per dimostrare di non essere da meno rispetto ai colleghi più “ramboidi”, confirm di lanciarsi in una pericolosissima missione: combattere il malvagio Octavius Tentacoli, un ex polpo invidioso diventato un umanoide geneticamente modificato che minaccia di trasformare tutti i pinguini della terra in mostri.

Se volete godervi un’avventura emozionante e altamente divertente in compagnia di tutta la famiglia, questo è il film più adatto che ci sia!

Leggi Anche

Valerio Merola 2016, il padre dei talent-show si racconta: “Da …

Valerio Merola è un nome altisonante per la televisione italiana. È il padre fondatore del …