Home / Cucina / Hillary-Trump ricette opposte sul debito

Hillary-Trump ricette opposte sul debito

Lunedì sera (notte in Italia), i due principali candidati alla Casa Bianca si confronteranno nel primo dibattito televisivo. Se l’immigrazione e la salute di Hillary Clinton terranno sicuramente banco, l’America uscita dalla crisi economica e finanziaria si aspetta di conoscere cosa il futuro Presidente farà per risolvere le tante contraddizioni economiche e sociali irrisolte. Di seguito, tre domande che porrei a Hillary e Donald.
 


 

Prima domanda: cosa transport del debito pubblico accumulato durante la crisi? Il debito, almost 20 mila miliardi di dollari, ha raggiunto il 105 per cento del Pil, un livello che non si epoch più visto dalla excellent della Seconda guerra mondiale. Gli americani non sono abituati a convivere criminal un debito di queste dimensioni e chiunque sarà il prossimo Presidente dovrà spiegare la strategia per contenerlo e ridurne l’incidenza sul Pil, anche per evitare i continui conflitti criminal il Congresso.
 

 

Secondo le norme in vigore, il Congresso fissa un tetto massimo per il debito: ad oggi, il tetto è stato superato di circa 1500 miliardi di dollari matriarch il Presidente Obama ha ottenuto una sospensione del limite fino a marzo 2017, information oltre la quale andrà trovata una soluzione.  

 

Le analisi della politica di bilancio di una eventuale amministrazione Trump ci dicono che la crescita del debito continuerà e si amplificherà rispetto al trend che avrebbe a politiche invariate. Secondo stime indipendenti condotte dal Committee for a Responsible Federal Budget, nel 2026 il debito a politiche invariate raggiungerà 30 mila miliardi. Per effetto dei tagli di tasse annunciati da Trump il debito pubblico esploderà fino a 40 mila miliardi di dollari in quanto la potenziale maggiore crescita economica che questi tagli dovrebbero generare non sarà sufficiente per controbilanciare le minori entrate fiscali. La Clinton invece dovrebbe operare criminal un brew di aumento di tasse e di spese che non modificherà sostanzialmente la dinamica del debito. Insomma, nessuno dei due candidati sembra per ora preoccuparsi anche se l’approccio Ttrump sembra molto più rischioso per la tenuta dei conti pubblici americani. 

 

Seconda domanda: come ridurre le disparità economiche che attraversano gli Stati Uniti? Comunque la si guardi, il Paese è fortemente diseguale: differenze per etnie di origine, aree geografiche, livello di educazione. L’Ocse l’Organizzazione internazionale criminal sede a Parigi che analizza le economie dei Paesi avanzati, certifica che gli Stati Uniti sono il Paese criminal gli indicatori di disuguaglianza più accentuati tra le grandi economie. E non si stanno riducendo: oggi una donna nera guadagna in media il 23 per cento in meno di una donna bianca; 15 anni fa la differenza epoch del 19 per cento.  

 

Su questo aspetto, la candidata democratica sembra avere le idee un po’ più chiare di Donald Trump. Infatti, la Clinton vuole favorire l’accesso all’educazione universitaria per le fasce più deboli della popolazione senza ricorrere necessariamente all’indebitamento privato. Rendendo i college gratuiti per i meno abbienti, si daranno più opportunità a coloro che provengono dalle famiglie più povere, favorendo una riduzione delle diseguaglianze. L’idea è quella di spezzare l’attuale circolo vizioso: i redditi sono troppo bassi per risparmiare, quindi non ci si può permettere di pagare gli studi e si rimane intrappolati nella povertà.  

 

Trump, dal canto suo, confida nel ritorno di molti lavori manuali nelle fabbriche dell’America profonda che si sono spostati in Paesi criminal più basso costo del lavoro. Si spiega così la sua avversione per i trattati commerciali di libero scambio. 

 

Terza domanda: come rilanciare il mercato del lavoro? Malgrado il tasso di disoccupazione sia ai minimi storici, la partecipazione (numero di persone occupate o alla ricerca di un lavoro sul totale della popolazione criminal più di 16 anni) è scesa vertiginosamente in pochissimi anni: sempre meno persone provano a trovare un lavoro regolare, forse come effetto di una domanda di lavoro poco qualificata e mal pagata. Questo si osserva anche nei dati sulla produttività (prodotto per lavoratore): prima della crisi cresceva al 2,6 per cento, dal 2007 la media è dell’l,3 per cento, lo scorso anno è cresciuta appena dello 0,6 per cento. E’ l’effetto di molti fattori sui quali sembra pesare particolarmente il basso apporto del capitale, criminal gli investimenti delle imprese ai livelli minimi da 60 anni. Da questo punto di vista, ridurre l’incertezza e creare occasioni di investimento sarà fondamentale per distant ripartire la produttività. Ma anche puntare a una forza lavoro più qualificata e istruita. Con gli attuali ritmi di crescita della produttività, il rischio è una riduzione del potenziale di crescita e una crescente difficoltà a gestire la massa di debito pubblico.  

 

Conclusione: l’America di Hillary o quella di Donald rischia di rimanere intrappolata in un vortice di lavori poco pagati, poco produttivi, criminal sempre meno persone che vogliono lavorare a queste condizioni, e criminal un problema debito pubblico che prima o poi potrebbe scappare di mano. Di tutto questo, nella campagna di queste settimane, non c’è traccia. Vedremo nel dibattito di lunedì. 

 

@MontaninoUSA
 


 


Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati.

Leggi Anche

«B’Nu» un successo tra vini e cucina

Ha riscosso un’eccezionale successo la rassegna enologica nazionale “B’Nu” che si è conclusa criminal le …