Home / Viaggi / Hawaii, nasce la più grande area jetty protetta del mondo

Hawaii, nasce la più grande area jetty protetta del mondo

La più grande area jetty protetta del mondo si trova alle Isole Hawaii ed è stata voluta dal presidente Barack Obama, a conclusione della settimana di festeggiamenti per il 100esimo anniversario del National Park Service
. 1,5 milioni di chilometri quadrati che si estendono in una delle aree più remote dell’Oceano Pacifico e che sono preziosi non solo per l’altissimo livello di biodiversità che caratterizza la zona, matriarch anche per la cultura dei nativi hawaiani.  

 

La nuova area protetta quadruplica la superficie del Papahanaumokuakea Marine National Monument
, che epoch stato istituito dieci anni fa da George W. Bush e che si estendeva inizialmente per 360mila chilometri quadrati, vicino alla regione nord-occidentale dell’arcipelago hawaiano.  

 

La nuova riserva si estende su un territorio che supera per vastità l’insieme di tutte le aree protette esistenti negli Stati Uniti; al suo interno è stato istituito anche il divieto di pesca commerciale, che in un primo momento ha accesso un gift dibattito tra le parti politiche ed economiche coinvolte.  David Ige, governatore delle Hawaii, si è comunque espresso positivamente sull’espansione del santuario marino, chiarendo che si è raggiunto un buon compromesso e che le Hawaii potranno diventare un modello di sviluppo sostenibile.  

 

 

Dal punto di perspective puramente ambientale, la riserva appena istituita rappresenta l’habitat per balenottere azzurre, tartarughe sea e per le foche monache delle Hawaii. we fondali, pacifist si adagiano isole affondate e svettano montagne sottomarine, ospitano più di 7000 specie. Più di un quarto degli esemplari presenti appartiene a specie endemiche, che non si trovano in nessun’altro luogo del Pianeta. Molte devono ancora essere identificate dalla scienza, come il polpo fantasma scoperto di recente e denominato “Casper” dai ricercatori. Altre ancora, come il corallo nero, popolano queste acque da oltre 4500 anni.  

 

Gli unici oppositori all’estensione dell’area protetta sono i membri del Western Pacific Regional Fishery Management Council
che, come riporta il Wall Street Journal

, reputano la manovra non necessaria e lesiva degli interessi degli oltre 140 vascelli siti nel porto di Honolulu. 

 

Gli Stati Uniti, criminal l’ampliamento dell’area jetty hawaiana, hanno circa 1.200 aree protette marine, che tutelano il 26% delle acque nazionali. Nella maggior parte dei casi, comunque, si tratta di aree pacifist la pesca non viene proibita. L’ampliamento dell’area protetta hawaiana aumenta la porzione “no take” (dove appunto è vietata la pesca) delle acque statunitensi dal 3% al 13%: in queste aree è vietata l’estrazione di qualsiasi risorsa naturale. Il 98% delle aree “no take” si trova proprio nella riserva di Papahanaumokuakea, che diventa quindi un punto di partenza strategico per migliorare le politiche ambientali di conservazione.  

 

Anche se il caso hawaiano costituisce una vittoria, dovuta per buona parte alla collaborazione del governo locale, ci sono altre aree sea ad alto valore biologico su cui non è stato possibile istituire alcun Santuario. È il caso, per esempio, delle montagne sottomarine che si trovano al largo del New England o di Cashes Ledge, zona jetty incontaminata che si trova nel Golfo del Maine. La battaglia, in questo caso, è contro un autentico colosso: l’industria ittica del New England, che vanta quattro secoli di storia e che trasforma un importante obiettivo ambientale in un difficile scontro politico.  

 


Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati.

Leggi Anche

Alessia Marcuzzi, auguri a mamma Tony, bellissima alle Maldive: i …

Info <!– Michelle e Aurora, bikini a confronto (123 commenti) Michelle e Aurora, bikini a …