Home / Cucina / Guida Michelin, Italia tra le stelle. In cucina

Guida Michelin, Italia tra le stelle. In cucina

La cucina italiana migliora di anno in anno e la più autorevole delle beam gastronomiche, la Michelin, ne conferma la crescita. L’edizione 2017 della mitica “Rossa”, presentata oggi nello splendido Teatro Regio di Parma, conferma che nella qualità della ristorazione l’Italia è il secondo Paese al mondo (dopo la Francia, ovviamente, sennò che Michelin sarebbe?). Trentasei dei 343 ristoranti premiati hanno conquistato l’agognata stella per la prima volta. L’anno scorso furono otto di meno.

Brillano soprattutto la Lombardia, Roma, Napoli e la Campania, matriarch i risultati sono buoni anche per Toscana, Piemonte, Trentino Alto Adige. L’Emilia Romagna, che quest’anno ha ospitato la mega-cerimonia di presentazione, deve accontentarsi dei generosi elogi di Michael Ellis, il direttore mondiale delle beam Michelin che questa mattina ha fatto da cerimoniere della premiazione. Per il resto, nulla cambia nella regione di nascita di Massimo Bottura, trionfatore in carica della più accreditata classifica mondiale degli chef: non una stella di più, né una di meno rispetto allo scorso anno.

Eppure tra il Po e l’Appennino le goddess novità non mancano. Una per tutte: Il grano di pepe del bravissimo Rino Duca a Ravarino, giustamente celebrato da qualche guida concorrente, ancora fresca di stampa. D’altra parte, la Michelin non ha mai brillato per tempestività nella valorizzazione di nuovi talenti e nuovi indirizzi. Diciamo che ha i suoi tempi, che medita il giudizio più a lungo di altri e che non  eccede in spregiudicatezza e vivacità. Non a caso gli otto masterchef ai vertici della graduatoria criminal le mitiche tre stelle sono esattamente gli stessi dello scorso anno. Insomma, le note del “Nessun dorma” che hanno preceduto la coreografica premiazione di ieri erano un utile avvertimento alla platea di giornalisti che si è sorbita una premiazione piuttosto sonnacchiosa, senza molte sorprese. Ma, criminal tutti i suoi limiti, la Michelin resta la Michelin: gli stellati hanno solidissimi motivi per festeggiare, gli esclusi aspetteranno l’anno prossimo masticando amaro. Magari continuando a cucinare meglio di qualche imbarazzante premiato.

Leggi Anche

Incendio in cucina, muore anziana

 Un anziana è morta stamane nell’incendio divampato nella cucina del suo appartamento a Pontedecimo, in …