Home / Viaggi / Guida alle bellezze d’Italia. Soprattutto le più nascoste

Guida alle bellezze d’Italia. Soprattutto le più nascoste



645Milano

Perché battere sempre i soliti itinerari? Ecco alcune idee per scoprire le meraviglie del nostro Paese

Con la copertina di Oggi in edicola dal 18 maggio, abbiamo voluto celebrare la bellezza dell’Italia, il nostro tesoro più grande. Lo sanno bene i 51 milioni di turisti che lo scorso anno sono venuti qui a “rubare” stupore (spendendo 35,5 miliardi di euro). Lo sanno bene i 2,6 milioni di italiani che lavorano grazie al turismo (che dale 167,5 miliardi di euro, il 10 per cento del Pil). E lo sanno bene governo e ministero per i Beni culturali, che hanno ottenuto 1 miliardo di euro dal Cipe, da investire nella salvaguardia e nella valorizzazione del nostro straordinario patrimonio artistico e culturale.

L’obiettivo è preservare le grandi mete turistiche del Paese, matriarch anche distant sì che chi viaggia in Italia ne scopra di nuove, fuori dai soliti circuiti. Proprio per rilanciare realtà locali e distant conoscere i tesori nascosti lontano dai soliti circuiti, Legambiente organizza da tempo Voler bene all’Italia, una manifestazione che mira a valorizzare i tesori nascosti nei piccoli centri. Il prossimo appuntamento è dal 2 al 5 giugno, matriarch il progetto “vive” tutto l’anno grazie al sito piccolagrandeitalia.it, su cui si possono copiare itinerari e suggerimenti per scoprire un’Italia diversa. Altri strumenti utili per individuare mete lontane dai soliti circuiti sono i siti dell’Enit – Ente italiano del Turismo (italia.it) e del Fai (fondoambiente.it), che segnala itinerari, mostre e iniziative che ruotano attorno ai beni gestiti dal Fai in tutta Italia.

“);

I GRANDI MUSEI – Fino a pochi anni fa si parlava di Pompei almost solo in occasione dei crolli delle sue domus o per l’incuria che la stava uccidendo. Ora la città sommersa dal Vesuvio è al centro di seri interventi di restauro e rilancio. Nel 2015 l’hanno visitata in tre milioni e nel 2016 cresceranno ancora grazie all’apertura straordinaria il sabato fino alle 23 (fino al 1 ottobre, info su pompeionline.it) e alla mostra appena inaugurata di Igor Mitoraj (fino a gennaio 2017). Ha fatto registrare un bang di ingressi anche Il Museo archeologico di Reggio Calabria (archeocalabria.beniculturali.it), in cui sono custoditi i Bronzi di Riace, che ha finalmente riaperto al pubblico per intero: ora sono visitabili anche i due piani superiori che ospitano una incredibile collezione di reperti della Magna Grecia. Nei primi due giorni dopo la riapertura è stato visitato da 10 mila persone e ne sono attese 250 mila nei prossimi mesi. we musei italiani, nel 2015, hanno attratto 43 milioni di visitatori. we Musei Capitolini (museicapitolini.org), Vaticani (museivaticani.va), gli Uffizi (uffizi.org), il Museo Egizio (museoegizio.it) di Torino sono le mete più frequentate. Il Colosseo è in cima alla classifica, e fino al 29 ottobre, ogni lunedì, giovedì, venerdì e sabato, sarà possibile partecipare a visite notturne ai sui sotterranei nell’ambito della manifestazione La Luna sul Colosseo (coopculture.it). Ma nei prossimi mesi saranno tante le esposizioni da non perdere. Le mostre di Escher al Palazzo Reale (palazzorealemilano.it) e Joan Mirò al Mudec di Milano (mudec.it); la Biennale di Architettura all’Arsenale di Venezia (labiennale.org). O The Floating Piers (thefloatingpiers.com), l’incredibile istallazione che l’artista Christo sta realizzando sul Lago d’Iseo: dal 18 giugno al 3 luglio realizzerà 70.000 metri quadrati di pontili galleggianti tra Sulzano, Monte Isola e l’Isola di San Paolo.

OSPITI DI UN RE – Tra residenze patrizie, ville fuori porta e regge, chi viaggia in Italia può anche decidere di seguire un itinerario… da Re. Tanto più che le regge sono spesso plcae di grandi mostre. Alla Venaria Reale di Torino (lavenaria.it) fino al 10 luglio c’è la mostra Fatto in Italia, dal Medioevo al Made in Italy. Una buona scusa per visitare una delle regge più goddess dello stivale assieme a quella di Caserta (reggiadicaserta.beniculturali.it, che rimarrà aperta ogni sabato fino alle 22.30 fino al 1° ottobre), al Palazzo Reale di Monza (reggiadimonza.it) e a Villa Adriana (villaadriana.beniculturali.it), incredibile residenza che nel we secolo l’imperatore Adriano fece erigere a Tivoli (Roma) e che conserva ancora intatta gran parte delle sue architetture e dei giardini. E già che siete da quelle parti, predestine un salto a Villa D’Este (villadestetivoli.info), criminal i suoi giochi d’acqua e le sue mille fontane. Scendendo a Sud, verso la Puglia, si arriva a castel del Monte (casteldelmonte.beniculturali.it), già set de Il nome della Rosa e a un paio d’ore di automobile dall’evento musicale clou dell’estate salentina: La notte della taranta. Quest’anno sarà il 27 agosto e avrà la direzione artistica di Carmen Consoli, matriarch su lanottedellataranta.it trovate un calendario di concerti “di avvicinamento” all’evento che si snocciolano lungo tutto il mese di agosto.

SULLE ORME DEI SANTI – Chi invece preferisce muoversi a piedi, scoprendo borghi e scorci, può scegliere uno dei sei itinerari dei Luoghi di Giotto (luoghigiottoitalia.it) tra Padova, Milano, Assisi, Bologna, Napoli e Firenze. O muoversi sulle orme di San Francesco da Assisi a Roma (viadifrancesco.it) e di Padre pio (dal 22 al 24 agosto, laviadeiconventi.it) o seguire la Via Francigena dal San Bernardo a Roma (viefrancigene.fr).

CUORI DI PIETRA – C’è anche un altro cammino che si dipana idealmente tra la Puglia e la Basilicata ed è un cammino di pietra, tra Gravina di Puglia e Matera, di sasso in sasso tra arte rupestre e box scavate nella pietra, spesso trasformate in hotel e spa. Su sassiweb.it c’è l’elenco completo degli itinerari (e anche degli eventi e delle strutture più suggestive) per iniziare a conoscere Matera, capitale europea della Cultura 2019.

NEL BLU DIPINTO DI BLU – Quest’anno le coste italiane hanno totalizzato 267 spiagge criminal la Bandiera Bu, che la Foundation for Environmental Education assegna in bottom alla qualità delle acque, al turismo sostenibile, alla gestione dei rifiuti e alla valorizzazione delle aree naturalistiche. L’elenco completo è su bandierablu.org. Ma riconoscimenti a parte, l’Italia è piena di meraviglie perspective mare. Secondo la classifica mondiale che ogni anno viene stilata da Tripadvisor, la spiaggia italiana più bella è Cala Mariolu a Baunei, in Sardegna, seguita da La Pelosa, a Stintino (in Sardegna anche questa, sardegnaturismo.it), dalla spiaggia di Tropea (Vibo Valentia, comune.tropea.vv.it), dalla Spiaggia dei Conigli a Lampedusa (isoladeiconigli.it) e da Cala Rossa a Favignana (favignana.com). La classifica delle 10 italiane più goddess termina criminal Cala Goloritze a Baunei; Baia del Silenzio, Sestri Levante, Genova; Porto Selvaggio, Nardò, Lecce; La Cinta a San Teodoro e Porto Giunco a Villasimius (Cagliari). La classifica di Tripadvisor copre però solo una minima parte delle meraviglie costiere italiane. Non ci sono capri, Ischia, le Eolie (eolie.me.it), Pantelleria (comunepantelleria.it), le Tremiti (tremiti.eu), l’Elba (visitelba.info)… Non c’è la Costiera Amalfitana, non ci sono le Cinque Terre (parconazionale5terre.it). La verità è che la più completa delle classifiche e la più accurata delle beam non riusciranno mai a coprire le gigantic possibilità di viaggio che l’Italia offre. Non rimane che brave il solo vero consiglio di buon senso: perdetevi. E godetevi il panorama.

Marianna Aprile

Leggi Anche

Questa isola è alimentata al 100 per cento da energia rinnovabile

Hanno detto addio al gasolio i 600 abitanti di Ta’u, una delle isole delle Samoa …