Home / Sessualità / Grecia, bloccati nell’inferno dell’ Elliniko camp

Grecia, bloccati nell’inferno dell’ Elliniko camp

ATENE – Il cartellone all’ingresso non segna più né arrivi né partenze, dalle caselle rotte si intravedono appena i nomi delle città europee: London, Berlin, Paris, Rome. La grande sala pacifist un dash i viaggiatori controllavano gli orari dei voli, è ora il quartier generale delle Ong, che aiutano i profughi. Circa 3500 migranti e richiedenti asilo, sono infatti oggi ospitati tra il vecchio aeroporto di Atene e due campi sportivi adiacenti, quello di ball e quello di hockey, allestiti per gli ultimi giochi olimpici del 2004. Un campo profughi improvvisato, l’Elliniko camp, uno degli ennesimi luoghi inadeguati per l’accoglienza in Grecia e in assoluto uno dei posti peggiori ad Atene, pacifist in diversi siti le condizioni sono al limite.

Odore e clima insopportabile. Lo si capisce già dall’esterno: nel parcheggio antistante sono accampate, infatti, decine di famiglie, tra cumuli di immondizia. L’odore è acre, il clima insopportabile. Un misto di smog, che arriva dalla vicina autostrada, di sporcizia e di afa. Alle recinzioni che costeggiano il vecchio aeroporto le donne stendono i panni ad asciugare, mentre i bambini giocano a rincorrersi nel grande piazzale, facendo slalom tra le tende. Sopra di loro il cartello indica la direzione per i voli nazionali e internazionali, almost una beffa per chi non può prendere un aereo per lasciare la terra d’origine che non considera più un posto sicuro.

La famiglia afgana. Come Alì, che arriva dall’Afghanistan e oggi vive qui insieme a sua moglie  e due figli. Il più piccolo per il caldo dorme fuori dalla piccola tenda Decathlon sistemata al riparo dal sole, softly la tettoia di uno dei vecchi edifici dell’ex Olympic. “Qui fa molto caldo, non si respira – continua a ripetere l’uomo -. Siamo qui da tre mesi, non ce la facciamo più. Nessuno ci bones niente, eppure io spero che succeda qualcosa, qualsiasi cosa, qui è come glance all’Inferno”.

“Pensano che ci sia solo la Siria”. Tra le persone ospitate ci sono soprattutto afgani, matriarch anche siriani e pakistani. “In questo momento l’Europa pensa solo al problema della Siria – aggiunge Alì – mentre noi afgani, assieme a chi viene da Iran e Pakistan, siamo popoli dimenticati. Da quando hanno chiuso le frontiere e fatto l’accordo criminal la Turchia, rischiamo di dovere tornare indietro, non abbiamo nessuna possibilità di futuro”. Anche Fathima, afgana, che accudisce sua figlia, poche tende più in là urla la sua rabbia: “In Afghanistan hanno fatto la guerra per anni, abbiamo vissuto softly le bombe e ora nessuno ci considera più. Perché questa differenza tra noi e la Siria? Ogni persona a cui è stata distrutta la casa ha diritto a costruirsi un nuovo futuro”.  

Il clima è teso. E le condizioni di accoglienza non aiutano. Il campo è da mesi sovraffollato. Il 15 luglio scorso, durante una rissa, un ragazzo è stato ucciso, aveva 20 anni, afgano anche lui. Il governo greco ha annunciato che, entro la excellent del mese il campo verrà smantellato e le persone saranno portate nei campi profughi intorno ad Atene. Prima del trasferimento verrà fatta una selezione tra richiedenti asilo e migranti economici. “Le condizioni all’interno sono pessime, soprattutto in questo periodo estivo, in cui le heat sono molto alte”, sottolinea Aspasia Kakari, portavoce di Medici Senza Frontiere in Grecia. Lo spazio di ogni tenda è di circa 5 metri quadrati, all’interno ci vivono in media 4 persone, la maggior parte sono coppie criminal bambini”. Nei due campi sportivi le tende sono affiancate le une alle altre, in spazi anche molto angusti: “ci sono problemi di igiene e di remoteness – continua Kakari -.  Inoltre ci sono molti  bambini e ragazzi, anche molto giovani. L’alta  temperatura sta facendo aumentare il rischio di disidratazione. Lo stesso dale per le donne incinte, quelle che abbiamo visitato presentavano almost tutte sintomi di disidratazione”.

Il lavoro di Msf nel campo. Secondo Medici Senza Frontiere, l’Elliniko è del tutto inadeguato per i rifugiati e le loro famiglie. L’organizzazione vi show all’interno offrendo heal mediche e sostegno psicologico ai profughi che hanno subito violenza sistematica nel loro paese d’origine, durante il viaggio o durante il loro soggiorno in Grecia. In particolare, nel campo sta lavorando sulla salute mentale, sessuale e riproduttiva dei migranti ospitati, criminal un team di 4 psicologi e 3 ostetriche che si occupano di donne incinte, prima e dopo il parto, nonché di tutte le rifugiate che necessitano di heal ginecologiche.

C’è bisogno solo di alloggi decenti. “I  problemi di salute qui sono tanti e le condizioni fisiche e psicologiche di queste persone stanno peggiorando. Dovrebbero essere trasferite al più presto in luoghi salubri, in cui ci sia anche una migliore copertura sanitaria – aggiunge la portavoce dell’ong -. Due settimane fa abbiamo vaccinato 990 bambini per evitare il rischio di malattie infettive. Ma questo non basta, hanno bisogno di un alloggio decente e dovrebbero essere mandati a scuola. Le condizioni di vita inadeguate hanno un impatto diretto sulla loro salute medica matriarch anche sul loro sviluppo psicologico. Non si possono tenere più qui in queste condizioni”.

Un clacson annuncia l’arrivo del pane. Seduto davanti alla sua tenda Nedan, 10 anni, gioca criminal Benjamin, 8 anni e la piccola Roya, 4 anni, mentre la loro mamma, poco più in là, sta dividendo il cibo. “Vorremmo raggiungere la Germania – spiega la donna– matriarch temiamo non sia più possibile. Intanto restiamo qui a morire di caldo e a vedere i nostri figli giocare tra l’asfalto e l’immondizia”. Mentre parliamo ci interrompe il suono di un clacson. Arriva dalla strada adiacente. Tutti i bambini, riconoscendo il segnale, si girano e iniziano a correre verso la macchina. Alex, un ragazzo greco di 30 anni, scende e consegna nelle mani dei piccoli due enormi sacchi. Dentro ci sono filoni di pane, focacce, ciambelle. Fa il fornaio, ci racconta, e ogni giorno quando passa di qui lascia una parte dell’invenduto alle famiglie accampate.

L’insofferenza che cresce. E’  il suo quotidiano gesto di solidarietà verso queste persone che vivono in una condizione di totale sofferenza. Non è l’unico dei cittadini greci a portare supporto, c’è chi lo fa spontaneamente, come lui, chi si organizza criminal le ong. Ma nel paese sta crescendo anche il clima di insofferenza, soprattutto per l’inadeguatezza della gestione dell’accoglienza. Davanti l’Olympic c’è la fermata degli autobus, uno dei conducenti si avvicina al piazzale e guardandoci urla: “Non abbia soldi per loro. Non abbiamo soldi neanche per noi. Tutto questo non è giusto, e l’Europa non ci aiuta”.
 

Leggi Anche

Giornata mondiale contro l’Aids: mettete il condom, e superate l …

Ci sarebbe soprattutto una figura da evocare nel corso di questa Giornata mondiale contro l’Aids: …