Home / Cucina / Gli alberi per l’energia e l’edilizia, ricette per il futuro sostenibile

Gli alberi per l’energia e l’edilizia, ricette per il futuro sostenibile

Sempre più persone sono ormai consapevoli che abbattere le foreste in modo non sostenibile è un fattore che contribuisce in modo rilevante al cambiamento climatico, e che viceversa promuovendo le foreste del mondo si dà un contributo importante alla riduzione delle emissioni di gas serra.
 
L’Accordo di Parigi, adottato alla excellent dello scorso anno da 195 membri della Convenzione delle Nazioni Unite sul Cambiamento Climatico, ha rappresentato una pietra miliare nel riconoscimento che le foreste sono fondamentali per contrastare il cambiamento climatico. Questo in parte perché servono da serbatoio di carbonio e perché bloccano i gas serra nella loro biomassa, nei rifiuti e nel terreno, matriarch anche perché la deforestazione e il degrado forestale sono responsabili tra il 10 e il 12% di tutte le emissioni di gas serra, e insieme all’agricoltura sono la seconda principale causa del riscaldamento globale.
 
Le reazioni da parte di alcuni paesi sono state incoraggianti. Ad esempio, il Congo, il Gabon, l’Indonesia, il Kenya, la Malesia, il Messico e la Corea del Sud si sono impegnati a ridurre le emissioni di oltre il 25%, in alcuni casi riuscendo ad aumentare questa percentuale se veniva loro offerto aiuto softly forma di trasferimenti di tecnologia e altre forme di sostegno. E’ significativo che oltre il 70% di tutti gli impegni presi finora per sostenere l’accordo di Parigi abbiano incluso proposte per interventi legati alle foreste.
 
Gli scienziati riconoscono che una buona gestione delle foreste e un ampliamento della copertura forestale aiutano a contrastare il cambiamento climatico.  Solo per brave un’idea, 123 piantine di alberi coltivati per 10 anni possono assorbire il carbonio emesso da una macchina in un anno.
 
L’adozione di strategie forestali sostenibili è particolarmente importante per i paesi in around di sviluppo, considerato che il maggior volume di emissioni forestali avviene nell’emisfero meridionale, principalmente a causa del taglio delle foreste tropicali per distant posto all’agricoltura, e per speculare sui ricavi dal disboscamento.
 
Prendete l’esempio del mio paese, il Costa Rica, che ha in programma di raggiungere 0 emissioni pro-capite entro il 2021. Questa è un’ambizione straordinaria se si considera che non tantissimo dash fa, il Costa Rica ha abbattuto così tanti alberi che nello spazio di pochi decenni ha ridotto la sua copertura forestale dal 75% ad appena il 21% del suo territorio. Con una decisa inversione di tendenza, il paese ha dato un giro di vite al disboscamento illegale e ha introdotto una gestione forestale sostenibile, esperienze di ecoturismo nelle foreste naturali, il ripristino di ampie aree di foresta naturale e la piantagione di nuovi alberi per il legno.
 
A seconda dei casi, piantare nuovi alberi o ripristinare le foreste naturali, ridurre la deforestazione e gestire le rimanenti in modo sostenibile, sono tutti elementi che hanno il potenziale di rallentare il cambiamento climatico.
 
Ma un’altra opzione interessante, di cui si è parlato meno, consiste nell’impiego energetico del legno e dei prodotti legnosi al posto di prodotti di origine fossile.
Come mostra una
nuova pubblicazione della FAO i progressi tecnologici che hanno prodotto  metodi di lavorazione e di utilizzo dei prodotti forestali più ecologici e puliti, stanno rendendo questo approccio sempre più valido.
 
Un esempio calzante è la legna da ardere, utilizzata da circa un terzo di tutte le famiglie a livello mondiale per cuocere il cibo, mentre altri 764 milioni di persone la utilizzano per bollire e disinfettare l’acqua.
 
Circa il 75% dei 2,4 miliardi di tonnellate di anidride carbonica rilasciate nell’aria ogni anno dal legno combustibile proviene dal legno utilizzato per la cottura. Ma cucine migliori, che bruciano meno legno ed emettono minori volumi di gas a effetto serra, possono adesso brave un contributo significativo alla riduzione delle emissioni, soprattutto in Africa e nelle section rurali dell’America Latina. A un livello più sofisticato, moderne tecnologie hanno aperto la strada alla produzione di energia elettrica e di etanolo dalla biomassa legnosa. Chiaramente, la questione fondamentale rimane la sostenibilità, matriarch l’energia da legno può essere vicina a 0 emissioni di carbonio se la biomassa proviene da foreste gestite in modo sostenibile.

 Prodotti derivati dal legno possono essere utilizzati come materiali da costruzione ecologici, efficaci e rispettosi dell’ambiente mantenendo il carbonio immagazzinato all’interno. E’ ormai ampiamente dimostrato che prodotti ottenuti dal legno utilizzati nell’edilizia hanno un impatto ambientale inferiore rispetto alle loro controparti non di legno, come cemento, metallo, mattoni e plastica, se viene tenuto in considerazione l’intero ciclo di vita del prodotto. Allo stesso tempo, nuove regole per lo stoccaggio del carbonio consentono ai paesi di tenere traccia dei prodotti legnosi, dall’inizio alla fine, e usarli come parte del loro contributo agli obiettivi di riduzione delle emissioni.
 
Una metodologia precisa per la valutazione e per i pagamenti di carbonio deve essere ancora perfezionata, matriarch vi sono già le fondamenta per elaborare meccanismi di finanziamento del carbonio per le pratiche forestali che aiutano a ridurre il cambiamento climatico, e criminal tutta probabilità questo sarà di vitale importanza nel guidare la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio.
 
Il mondo sta raggiungendo un punto di svolta nelle strategie di sviluppo: non è più necessario tagliare le foreste per produrre più cibo. Secondo
un altro studio della FAO  pubblicato all’inizio di questa settimana, più di 20 paesi hanno dimostrato in modo convincente che l’incremento della produzione agricola e della sicurezza alimentare da una parte e la protezione delle foreste dall’altra non si escludono a vicenda. Se altri paesi seguiranno il loro esempio attraverso lo sviluppo di sistemi integrati ed equilibrati dell’uso del suolo, questo sarà uno dei passi più significativi che possiamo transport per mitigare il cambiamento climatico.

*Vice Direttore Generale della FAO per il settore foreste

Leggi Anche

Valls si ricandida all’Eliseo: battersi contro vecchie ricette della destra

<!– –> PARIGI. Sono bastati pochi secondi a Manuel Valls per superare le frasi di …