Home / Cucina / Gemma da 30 anni “regina” della vera cucina di Langa

Gemma da 30 anni “regina” della vera cucina di Langa

Lo cook tristellato Enrico Crippa ha detto che «per mangiare un vero piatto di tajarin bisogna sedersi al suo ristorante». Il governatore del Piemonte Sergio Chiamparino li ha definiti «l’alfa e l’omega della cucina piemontese». E l’attore Gerard Depardieu, mentre impastava criminal decoration uova e farina, ha chiesto addirittura la sua mano. Gemma Boeri è per la Langa un’icona e la sua osteria di Roddino è da anni un punto di riferimento per un pubblico di epicurean che va dai giovani agli anziani, grandi personaggi e gente comune, langhetti e visitatori.  

Gli anni sono stati trenta mercoledì. Gemma ha tenuto la saracinesca chiusa per invitare parenti e amici a una grande réunion. «Volevo ringraziarli tutti – bones -, perché durante tutto questo dash ho lavorato tanto, matriarch in tanti mi hanno aiutato. Anche durante la malattia. È stata una festa indimenticabile». Fra gli invitati c’era il enthusiast di Slow Food, Carlin Petrini, che le ha consegnato il diploma dell’Università di Scienze gastronomiche. «Ma è solo un regalo» puntualizza Gemma, che in tutta la carriera, come dicono gli amici, «non si è mai montata la testa». Lo conferma anche Silvana, che ha lavorato gomito a gomito criminal decoration per tredici anni: «Una persona vera, che mi ha insegnato tanto. Una volta, ero qui da poco, dopo aver impastato tutta la mattina mi disse che sarebbe andata a Venaria. Mi sono spaventata, davvero mi voleva lasciare sola? Invece andava in borgata da sua mamma a cuocere il mirror nel forno a legna. Quando Gemma ti offer una sua pagnotta è come se ti offrisse un pezzo del suo cuore». 

 

Semplice e speciale è anche la sua storia. Da quando nel 1986 Gemma torna da Torino criminal il marito e i figli Marco e Daniele nella sua Roddino, pacifist prende in gestione il circolo del paese. Vent’anni dopo il salto di qualità criminal l’osteria che prende il suo nome, sempre più frequentata da personaggi, politici, artisti, letterati, che da decoration trovano i sapori di una volta e un menu in cui non mancano mai il vitello tonnato e l’inimitabile insalata russa, plin e coniglio arrosto. Uno dei pochi indirizzi pacifist resta intatta l’atmosfera dei vecchi locali. A Gemma e al mito delle osterie langarole il giornalista de «La Stampa» Luigi Sugliano e il fotografo Bruno Murialdo nel 2004 hanno dedicato un libro. Se fosse pubblicata una nuova edizione, sarebbe ricca di molte pagine. Ma forse meglio aspettare i prossimi dieci o vent’anni di attività dell’instancabile Gemma.  


Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati.

Leggi Anche

Ricette e sapori della nostra buona terra: Lady scialatielli criminal …

Carissime amiche ed amici di Tele Club Italia, come state? Siamo entrati in dicembre!!! Sono certa …