Home / Gossip / Frasi culTV 12-18 febbraio 2018

Frasi culTV 12-18 febbraio 2018

Ogni giorno le dichiarazioni cult sulla televisione rilasciate a quotidiani o settimanali da personaggi dello spettacolo e/o addetti ai lavori.

Dichiarazioni tv 18 febbraio 2018

Claudia Pandolfi (attrice, è Angelica in È arrivata la felicità, in onda dal 20 febbraio su Rai1): “Col cavolo che va sempre tutto bene! La felicità? Certo, ne hai goduto, ma poi succede qualcosa e ti cambia la prospettiva. Confesso che, quando ho iniziato a leggere il copione di questa seconda serie, a un certo punto l’ho messo giù, non riuscivo ad andare avanti e mi son detta che peccato! Era una storia così leggera, fiabesca, si cantava, si ballava e invece arriva la malattia (linfoma di Hodgkin, ndr)… Ci sono rimasta male, poi sono andata avanti nella lettura e ho capito che non era cambiato lo spirito del racconto, il disincanto, la leggerezza, erano ancora presenti e la malattia diventa metafora di altro” (dal Corriere della Sera).

Claudio Santamaria (attore, è Orlando in È arrivata la felicità): “Lui finalmente affronta i fantasmi della sua giovinezza. È la paura di non saper gestire la malattia di chi ama che lo fa fuggire dal dolore. Orlando, a differenza mia, è aperto e prende le cose in maniera positiva” (da La Stampa).

Cristiana Dell’Anna (attrice): “Gomorra esempio negativo? Non sono d’accordo. È la finzione che prende spunto dalla realtà, non il contrario. Quando avevo 15 anni i miei coetanei per attaccare briga mi dicevano ‘Me staje guardanno?’, è sempre stato così. I social network e la tv possono influenzare il linguaggio ma non indurre a comportamenti criminali. È come la ricerca selettiva: se nella realtà cerchi Gomorra ti accorgi di qualcosa che non vedevi. E la vedi dappertutto” (da L’Espresso).

Dichiarazioni tv 17 febbraio 2018

Marco D’Amore (attore): “Ciro morto a Gomorra per mia scelta? Non sarebbe elegante dirlo, è una scelta condivisa. Nonostante l’uscita sono uno strenuo difensore del progetto. Io conduttore di uno show in tv? Lo farei di corsa, mi sentirei più vicino al traghettatore, un programma di intrattenimento è un grandissimo mezzo di comunicazione, ti apre un mondo in cui è possibile raccontare arte e vita in un modo che altri mezzi non consentono” (da La Stampa).

Matteo Salvini (leader della Lega): “Andrò in televisione ovunque mi invitino, tranne che da Fabio Fazio perché mi sta sulle palle. Ho detto palle: mi pento e mi dolgo perché siamo in Quaresima. Ma, visti i milioni di euro che si prende, mi girano le palle a pensare allo stipendio di un personaggio del genere (da un comizio a Campobasso ripreso da Il Giornale).

Pino Rinaldi (autore e inviato di Chi l’ha visto? sul nuovo progetto Commissari-sulle tracce del male, in onda dal 17 febbraio per quattro sabati su Rai3 intorno alla mezzanotte): “I gialli e le storie noir mi hanno sempre appassionato. Non si parla mai dei veri commissari. Da questa osservazione è nata l’idea di raccontare la vita di quattro funzionari della polizia attraverso l’indagine che più li ha segnati sotto il profilo umano” (da Il Giornale).

Dichiarazioni tv 16 febbraio 2018

Carlo Conti (conduttore): “Bibi Ballandi è stato un gigante dello spettacolo, personalmente un vero e proprio faro professionale, un amico a cui rivolgersi in qualsiasi momento per avere un consiglio. Gli one man show sono cominciati con Giorgio Panariello, cui sono seguiti quelli di Adriano Celentano e Fiorello, poi Gianni Morandi e Renato Zero. Ballandi sapeva rischiare, era capace di mettere in quello che faceva la faccia oltre al portafoglio. E aveva creato un gruppo professionale di autori molto attrezzato, in grado di allestire l’evento” (da Il Messaggero).

Claudia Pandolfi (attrice protagonista di È arrivata la felicità, in onda dal 20 febbraio su Rai1 e in cui irrompe la malattia): “Sono innamorata del personaggio di Angelica, quando per la prima volta ho letto il copione e ho capito cosa c’era in serbo per lei ho pensato che non volevo le capitasse nulla, desideravo mantenesse la sua ironia e la sua forza. Ho avuto paura che potesse perderle. Non è successo. L’emotività si allarga, la commozione diventa pianto, la gioia si sente più forte. E poi è tradizione della commedia italiana raccontare con ironia anche il dramma” (da Il Messaggero).

Andrea Imperiali d’Affitto di Francavilla (presidente Auditel sulla nuova rilevazione anche sui dispositivi digitali, pronta entro la fine del 2018): “Anche i broadcaster devono fare un investimento per essere rilevati da Auditel nella loro total audience. E qualcuno sta ancora pensandoci. Diciamo che all’inizio dovremmo rilevare circa 350 canali, ovvero 50-60 editori. Un centinaio di canali, quelli più piccoli, resterà probabilmente fuori dalla prima rilevazione. Rilevazione, che, ripeto, riguarderà solo i broadcaster televisivi, non le App tipo Netflix o Amazon Prime Video o i canali YouTube, per quelli dobbiamo ancora decidere il come e il quando” (da Italia Oggi).

Dichiarazioni tv 15 febbraio 2018

Antonella Clerici (conduttrice): “Ho una mia idea: dedicarmi al prime time e a qualche seconda serata, recuperando il mio mestiere di giornalista e tralasciando la quotidianità de La prova del cuoco. Questo è il mio progetto con la Rai, bisogna poi vedere se la Rai vorrà avere un progetto con me. Ma ho tantissime offerte, con il mio agente Lucio Presta valuteremo tutto. Certo, io sto alla Rai come Totti alla Roma. Fedele nei secoli! Se l’azienda dovesse avere programmi diversi, si cercherà un compromesso. E se non sarà possibile, prenderemo in considerazione altre proposte e altre reti” (da Oggi).

Bruno Vespa (conduttore di Porta a porta): “Al mattino mi chiama Licia Ronzulli. ‘Pronto, Bruno, avresti mica una scrivania?’. E io: ‘certo che sì’. Proprio quella del 2001. L’ho fatta portare su dall’attrezzeria della Rai, dove conserviamo tutto, pure i plastici. Quando l’ho invitato, avevo chiesto a Silvio Berlusconi di impegnarsi su qualcosa, di darmi delle novità. Non prevedevo una trovata così scenografica” (dal Corriere della Sera).

Maureen Orth (giornalista, autrice del libro Il caso Versace da cui è tratta la serie tv su Fox Crime): “Le fonti sono centinaia di persone con cui ho parlato prima dell’uccisione di Gianni. Fedele alla mia storia? La mia risposta è assolutamente sì. È tutto nel libro. Non sono una scrittrice di romanzi, sono una giornalista. Non posso rispondere a tutto ciò che c’è nella serie perché non sono stata coinvolta e alcuni dettagli sono diversi, ma posso confermare tutto quello che c’è nel libro” (da La Stampa).

Dichiarazioni tv 14 febbraio 2018

Ilary Blasi (conduttrice de Le Iene dal 14 febbraio su Italia 1): “I primi anni Davide Parenti (ideatore, ndr) era più prodigo di consigli ma ora praticamente vado a braccio. GF Vip? Ho fatto me stessa, non ho mai esagerato, aggiunto o tolto niente. La gente si è accorta della mia semplicità e forse anche della sincerità. Ogni tanto mettevo qualche parola e battuta in romanesco come stop. Non sono stata succube del programma ma protagonista del GF Vip così come lo sono e voglio essere della mia vita” (da La Stampa).

Enrico Mentana (direttore del TgLa7): “I duelli tv tra i politici sono come gli incontri sentimentali, se non si è tutti d’accordo non si fanno. A chi è in vantaggio, il faccia a faccia non conviene. Di solito l’incontro lascia le cose come stanno, a meno che chi è in svantaggio non si inventi il superbluff. Il ritorno del proporzionale senza più i partiti tradizionali fa sì che tutto si giochi sulle promesse agli italiani e non sul raffronto tra idee diverse. E poi solo i Cinquestelle indicano Di Maio come premier, Berlusconi invece non lo è, mentre il Pd di fatto ne ha due. Impensabile fare duelli, sarebbe come mettere un giocatore di pallacanestro contro un campione di ginnastica” (dal Corriere della Sera).

Alberto Sironi (regista de Il Commissario Montalbano): “Ascolti record? Non me li aspettavo, mostruosi, mi sembrano esagerati. C’è da chiedersi il perché, è come se fosse diventato un brand talmente affermato che continua a crescere. Quello di Camilleri è un mondo immaginario, dove il Commissario circola su una macchina desueta vent’anni fa, figuriamoci oggi, e la macchina da presa segue l’azione con lentezza. Poi c’è la poetica magia del paesaggio siciliano, tra mare e architetture barocche. Tutto questo affascina il pubblico e lo richiama a un appuntamento in un luogo della mente, che poco ha a che vedere con l’attualità immediata” (dal Corriere della Sera).

Dichiarazioni tv 13 febbraio 2018

Adriano Aragozzini (ex patron del Festival di Sanremo): “Da Claudio Baglioni mi aspettavo di più, ha parlato tanto di ritorno della musica a Sanremo, ma è lo stesso da molti anni: non è più il Festival della canzone ma della televisione. La musica e i cantanti sono la scusa per organizzare cinque giorni di programmi televisivi che ottengono grandi ascolti. Vorrei vedere Baglioni cantare di meno sul palco (la manifestazione non è un suo show) e lo vorrei vedere solo come direttore artistico” (da Il Tempo).

Gialappa’s Band (trio comico alla guida di Mai dire Isola, da mercoledì 14 febbraio su Italia 1): “Andremo in onda dopo Le Iene, che tra l’altro presentiamo noi, e cominceremo dopo mezzanotte. In pratica faremo un’unica tirata, la cosiddetta partenza intelligente. Non ci saranno parodie, comici e pubblico. Per la maggior parte saranno rubriche e video inediti legati ai naufraghi” (da Tv Sorrisi e Canzoni).

Davide Iacopini (attore, è Mauro, il fratello di Fabrizio De Andrè, nella fiction Principe libero, in onda il 13 e il 14 febbraio su Rai1): “La prima cosa che ho fatto, per prepararmi a interpretarlo, è stata googlarlo. Ho trovato tre foto e poi tantissimo materiale tecnico da avvocati. In qualche biografia di Fabrizio ci sono un po’ di informazioni. Ma sono tutti sprazzi. Non ho avuto modo di incontrare Flavia, la moglie di Mauro. Però in pre-produzione, che è durata quasi un mese e mezzo, ho parlato spesso con Dori Ghezzi. E lei è stata utilissima. Mi ha raccontato molto di Mauro. Soprattutto delle cene a casa De Andrè. I tre uomini avevano tre teste eccezionali. Non ti facevano mai pesare il loro essere brillanti” (da La Stampa).

Dichiarazioni tv 12 febbraio 2018

Pierfrancesco Favino (conduttore del 68° Festival di Sanremo): “Non riesco ancora a focalizzare le emozioni, è una sensazione strana, una stanchezza bella. Sono bersagliato da immagini che non riesco ancora a mettere in ordine. Ora mi passano davanti due fotografie: stare a gattoni sul palco con Claudio Baglioni e l’abbraccio che ci siamo dati alla fine del monologo di sabato. Mi ero preso una settimana prima di dirgli sì: sono felice di aver dato retta alla pancia e non alla testa, a un certo punto ho capito che ero titubante perché avevo paura del giudizio degli altri, lì ho compreso che dovevo fare il Festival. Di Claudio mi ha sorpreso la sua generosità, la voglia di mettersi al servizio dello spettacolo, anche a fare la spalla, lui che è una celebrità assoluta della musica. Michelle Hunziker per me è stata una colonna, sapevo che potevo appoggiarmi su di lei perché aveva lo scettro della conduzione, è ironica, simpatica, professionale: ha portato un modello di femminilità diverso e non decorativo” (dal Corriere della Sera).

Gabriele Immirzi (direttore generale di Fremantle Media Italia): “Fedez e Mara Maionchi saranno nella giuria di X Factor 2018. Gli altri due? Stiamo facendo le valutazioni del caso. Morgan non tornerà, non abbiamo gradito alcune esternazioni che ha fatto dopo l’uscita dal programma. Vorrei Maria De Filippi giudice, è un genio della tv. Vorremmo portare Idol in Italia, è il nostro terzo grande format di talent show, tutto è incentrato sull’artista, non ci sono squadre né competizioni tra giudici” (da Il Messaggero).

Riccardo Pugnalin (executive vice president di Sky Italia): “Diritti tv sul calcio? Ben vengano i nuovi operatori ma finora non li abbiamo visti. Se Mediapro investe più di un miliardo come potranno calare i prezzi? Ci aspettiamo un terzo bando: gli spagnoli dovranno rivolgersi ai broadcaster. I nostri abbonati stiano tranquilli, la Serie A si vedrà su Sky” (da Repubblica).

Frasi culTV dal 5 all’11 febbraio 2018
Frasi culTV dal 29 gennaio al 4 febbraio 2018
Frasi culTV dal 22 al 28 gennaio 2018
Frasi culTV dal 15 al 21 gennaio 2018
Frasi culTV dall’8 al 14 gennaio 2018

Leggi Anche

Nina Dobrev e Zedd stanno insieme? Tutti i gossip

Nina Dobrev e Zedd stanno insieme? Ecco cosa sappiamo! Sembra che l’attrice Nina Dobrev abbia …