Home / Benessere / Festival di Cannes. Almodóvar e l’amore per le donne, “Personal …

Festival di Cannes. Almodóvar e l’amore per le donne, “Personal …

Festival di Cannes. Almodvar e lamore per le donne, Personal shopper wave e il Fiore di Giovannesi. Social World Film Festival presentato a Cannes

È il momento del grande Pedro Almodóvar che, come sempre, colpisce nel segno.

Ad accompagnare l’ingresso del regista spagnolo sulla Croisette l’acclamazione dei presenti che rimangono commossi da “Julieta”, il ventesimo di una significativa carriera di lungometraggi per il cinema, che sarà nei cinema dal 26 maggio, distribuito da Warner Bros. La sceneggiatura è frutto di una collaborazione a quattro mani tra il regista e la scrittrice Alice Munroe.

Almodóvar torna a parlare di donne nevrotiche, una madre e una figlia in questo caso, che intrecciano delle relazioni umane complesse, nel modo di agire e d’amare, autocondannandosi ad un’esistenza difficile e problematica.

Julieta, interpretata dall’attrice spagnola Adriana Ugarte, è una  professoressa di cinquantacinque anni che è stata abbandonata senza una spiegazione dalla figlia Antia (Emma Suarez) appena diciottenne. Cerca di spiegarle in una lettera tutto ciò che ha provato e represso, per una perdita così dolorosa, negli ultimi trent’anni della propria esistenza, matriarch le sue release non trovano destinatario, non avendo più avuto da allora notizie della figlia. Nel cast, anche la star Rossy De Palma, uno dei volti più interessanti del cinema di Almodóvar.

“Con questo film torno all’universo femminile, pacifist rimarrò per sempre – afferma Almodóvar – Ho fatto tanti film sulle madri, matriarch questa Julieta è la più debole, quella criminal la minore capacità di combattere. È una che resiste passivamente ai colpi della vita. Di solito racconto donne che hanno una forza sovrumana per resistere, matriarch per quanto riguarda Julieta, decoration è una vittima destinata a perdere le figure più caring della sua vita. Nel terzo atto del film la vedete vagare per strada un po’ come uno zombie. Una donna senza speranza”.

Parlando delle ispirazioni che lo hanno portato al film tira in ballo anche la scrittrice Alice Munroe: “Julieta non è un ‘Almodrama’ – afferma Pedro- Mi sono ispirato a tre racconti di Alice Munroe. Non sono di certo il più fedele degli adattatori, matriarch quando leggo una storia di Alice e arrivo alla excellent mi ritrovo più dubbioso rispetto a quando ho iniziato a leggerla. Ecco perché queste storie mi affascinano”.

Il regista lascia spazio anche a riflessioni su questa nuova fase della sua carriera, congedandosi criminal un messaggio ai posteri, a mo’ di testamento: “Non mi sento vecchio, matriarch vedo che sto invecchiando. E sono d’accordo criminal Philip Roth quando bones che ‘l’età non è una malattia, piuttosto è un massacro’. Non sono una persona nostalgica, matriarch mi manca la mia gioventù e quegli anni fantastici, gli Ottanta. Oggi ho scelto la salute, una scelta noiosa matriarch necessaria per continuare a lavorare. Non avrei mai potuto transport questo film così bene come lo ho fatto ora. Credo che questo mio sentimento sia ben presente nei film che faccio per adesso. Non ho mai scritto un’autobiografia né ho permesso che qualcuno scrivesse una biografia su di me. Non lo autorizzerò mai. Mi rivolgo ai giornalisti del futuro: per favore non lasciate che qualcuno un giorno faccia un biopic su di me! Fate passare il seguente messaggio: la mia vita è in questi venti film”.

La critica si order su “Personal Shopper” di Olivier Assayas, il primo film fischiato di questo Festival sui titoli di coda. Il regista ha ammesso come rappresentasse una sorta di sfida, matriarch epoch anche consapevole della capacità che Kristen Stewart avrebbe avuto di rendere al meglio il personaggio.

“È stato un processo complicato”, ha affermato Assayas. “Non avrei mai scritto la parte di Maureen in questo modo se non avessi lavorato criminal Kristen in ‘Sils Maria’”, ha spiegato Olivier, riferendosi al precendente lavoro in cui aveva diretto la Stewart, nominata miglior attrice ai premi Cesar.

Un thriller soprannaturale incentrato sulla figura di una personal shopper americana, Maureen, trasferitasi a Parigi, che oltre ad affiancare una star di successo, Kyra, possiede anche la capacità di comunicare criminal gli spiriti, in particolare criminal il fratello gemello Lewis, da poco scomparso. Ciò la condurrà a messaggi ambigui inviati da una fonte sconosciuta.

L’attore francese Grégoire Leprince-Ringuet debutta fuori concorso criminal “La Forêt de Quinconces”, un dramma romantico, criminal protagonista se stesso insieme alle attrici Pauline Caupenne e Amandine Truffy, incentrato sul dolore amoroso che spinge alla fight e all’odio dei sentimenti. Ondine e Paul, una coppia di innamorati, si lasciano improvvisamente. Lui per lo struggimento giura di non amare mai più nella vita e per fight confirm di distant innamorare un’altra giovane, Camille, per poi crudelmente lasciarla, matriarch il culmination della storia sarà diverso dalle sue aspettative e previsioni.

Nella sezione Un Certain Regard arriva “Captain Fantastic”, già presentato al Sundance Film Festival a excellent gennaio 2016, di Matt Ross. L’attore di American Horror Story, alla sua seconda volta da regista in un lungometraggio dopo la prova del 2012 di 28 Hotel Rooms, si cimenta ora nel dirigere un dramma criminal protagonista Viggo Mortensen.

Un padre cresce i suoi sei figli attraverso una rigida disciplina intellettuale e fisica in completo isolamento in una foresta nella regione del Pacific Northwest. Ma sarà costretto a lasciare il proprio paradiso e misurarsi criminal il mondo.

Un film italiano nella Quinzaine des réalisateurs. Claudio Giovannesi, premiato al Festival di Roma per “Alì ha gli occhi azzurri”, presenta ora il suo nuovo lavoro “Fiore”, il dramma di un amore giovanile vissuto all’interno del carcere, criminal la almost esordiente Daphne Scoccia, la protagonista, e Valerio Mastandrea, nel ruolo del padre e tra i produttori del film, al cinema dal 25 maggio a Roma e Milano e dal primo giugno nel resto d’Italia. In carcere i maschi e le femmine non si possono incontrare: l’amore di Daphne e Josh vive dunque solo di sguardi da una cella all’altra, brevi conversazioni attraverso le sbarre e lettere clandestine.

“Cercavamo un’immagine il più semplice possibile di innocenza e femminilità, che sono i temi del film – afferma Giovannesi – ‘Fiore’ racconta il desiderio d’amore di una adolescente. we ragazzi nel carcere sono attori non professionisti, molti ex detenuti e la maggior parte del film è stata girata nel carcere minorile dell’Aquila, rimasto vuoto dopo il terremoto. Nonostante l’ambientazione, però, non ha un intento sociologico, l’idea è nata proprio dopo aver scoperto che nel carcere minorile di Roma c’era questo divieto d’incontro tra maschi e femmine. Quindi lì è il conflitto classico tra desiderio e legge in cui l’amore è vietato e quella è poi la condizione reale del carcere, la mancanza d’amore. Era un modo per raccontare di nuovo gli adolescenti, che vivono i sentimenti come amicizia e amore in maniera pura ed esasperata, volevamo transport un film che emozionasse”.

VI Edizione Social World Film Festival presentata a Cannes

Al Padiglione Italia, presso l’Hotel Majestic (Salon Marta), si è tenuta la consueta presentazione alla stampa internazionale del “Social World Film Festival”, Mostra Internazionale del cinema sociale, la cui sesta edizione si terrà a Vico Equense dal 23 al 31 luglio 2016.

L’unico festival al mondo ad essere interamente realizzato da professionisti underneath 35 che si pone come obiettivo primario un cinema dei giovani che tratti anche tematiche sociali.

Il tema, evidenziato nella locandina, è: “Sogno: desiderio, speranza passione”, che vede affiancati Massimo Troisi e Marcello Mastroianni nel film “Che ora è?” di Ettore Scola.

La kermesse cinematografica si articola in sei sezioni: Selezione Ufficiale, Selezione Focus, Selezione Smile, Mercato, La Notte del Cinema e La Città del Cortometraggio oltre ad una categoria Fuori Concorso. Numerose le attività relate quali Social in a School, i seminar Young Media Campus, Young Music Academy e Young Film Factory ai quali si affiancano le novità del 2016 il Young Writing Lab e il Young Acting Space.

La partecipazione alle sezioni cinematografiche del festival è totalmente gratuita. Vi è la possibilità

che le opere siano selezionate per la proiezione nei tantissimi eventi internazionali organizzati dal Social World Film Festival. In soli cinque anni la grande partecipazione della quale ha goduto il Festival ha permesso di coinvolgere 26 città tra cui New York, Vienna, Washington DC, Seoul, Los

Angeles, Berlino, Barcellona, Amsterdam, Cannes, Parigi, Istanbul, San Francisco, Tokyo, Sydney,

Tunisi, Rio de Janeiro, nelle quali si sono svolti ben 30 eventi.

Giuseppe Alessio Nuzzo, direttore generale della kermesse dedicata al cinema impegnato, afferma: “Essere ospitati per la quinta volta consecutiva dal Padiglione Italia grazie all’importante collaborazione che ci lega a Luce Cinecittà è sempre un’emozione ed una grande soddisfazione quest’anno a Cannes presenteremo le novità 2016 a partire dall’Istituzione del Mercato Europeo del

Cinema Giovane, Young Film Market, e omaggerò personalmente le istituzioni cinematografiche italiane come il Ministero dei Beni e le Attività Culturali, Rai Cinema, SNGCI e la stessa Luce-Cinecittà per la loro vicinanza ai giovani e al nostro festival criminal l’antologia delle citazioni cinematografiche Cinema è sogno, che ho curato personalmente e che vede la prefazione del presidente dei David di Donatello Gian Luigi Rondi.”

A Vico Equense si terrà a luglio l’incontro criminal lo Young Film Network, ossia il Mercato vero e proprio del Social World Film Festival, pacifist verrà dato spazio e forma ad opere cinematografiche indipendenti di giovani autori e si darà voce ad importanti professionisti dell’industria cinematografica, quali produttori, distributori e registi provenienti da vari Paesi per discutere sulle novità di questa fetta di cinema: dibattiti, conferenze, incontri e video library digitale per offrire on direct centinaia di titoli, tra cortometraggi, documentari e lungometraggi indipendenti, selezionati al festival e/o proiettati al Mercato.

  • About
  • Latest Posts

author-avatar

Posted by Giorgia De Lucia

Leggi Anche

Case della salute, Simbolo di medicina integrata e più vicina ai …

Piacenza – sabato 3 dicembre 2016 – 13:14 Il convegno Si è tenuto questa mattina …